cerca in yoga.it:
home page hatha yoga raja yoga pranayama tantra alimentazione viaggi
lo yoga regale
la newsletter

per ricevere le novità, gli eventi, per sapere cosa c'è di nuovo sul sito yoga.it ogni mese

e-mail:



la community

iscrivetevi al feed

Non sai cos'è un feed? guarda il video di spiegazione!

avete dubbi o richieste? vorreste che venisse affrontato un tema particolare?

non esitate a contattarci per esprimere il vostro parere:

scrivete a yoga.it


i forum di yoga.it

partecipa ai forum di yoga.it

entra

I klesha

L'ignoranza genera una serie di afflizioni che frenano lo sviluppo spirituale dell'uomo

I klesha
07 aprile 2008

Versione per la stampa

Glossario sanscrito

Denunciata prima dal Buddha, dopo il raggiungimento del «Risveglio», e da Patañjali negli Yogasûtra, avidyâ, l'ignoranza, appare come la causa di tutti mali che affliggono l'umanità; essa genera infatti, a cascata, una serie di afflizioni che impediscono all'uomo di fruire appieno della sua condizione nella scala dello sviluppo spirituale.

Ignoranza dunque della realtà autentica dell'uomo, della vita stessa e del suo significato; accecato dalle proprie personali frustrazioni, infatti, ognuno tende inevitabilmente ad attribuire alla Vita, anziché alla propria incapacità di comprenderne il senso, gli esiti infausti di aspirazioni fallimentari, «sfortune», incomprensibili crudeltà cosmiche.

Da questa limitata e distorta visione delle cose, l'ignoranza appunto, deriva l'illusione egoica: asmitâ. Quale illusione? Anzitutto confondere il nostro corpo, perituro, il nostro aspetto fisico, la nostra identità, l'appartenenza a un ceto sociale, il successo o l'insuccesso con la sola realtà rispetto alla quale misurarsi.

Non è così. Ciò che afferma la tradizione è ben diverso: ogni individuo è unico ed è la manifestazione stessa del Divino. Se fossimo costantemente consapevoli di questa verità, ogni cosa ci apparirebbe come di fatto è: infinita. A cominciare da noi stessi.

Dall'illusoria identificazione della nostra realtà autentica con un «io», e dunque dalla paura di vederlo non gratificato o sminuito, sorge l'attaccamento, râga: «poichè la vita è breve, godiamocela» - così spesso si pensa - e cerchiamo di non mollare la presa sui nostri affetti, sui nostri possedimenti, sulle idee, sui desideri...

In tal modo, gli attaccamenti generano l'illusione di poter ripetere all'infinito le esperienze piacevoli, salvo poi sperimentare la frustrazione quando ci si rende conto dell'autoinganno. Nel frattempo, mancando di un'adeguata preparazione spirituale, si sarà prodotta un'opprimente quantità di karman che si potrà smaltire solo nel tempo dell'ascesi e con ferrea volontà.

Ma c'è anche un altro elemento che deriva dall'illusione: dvesha, la repulsione. Quello che i bambini, oggi, definiscono con un'espressione assai diffusa: «Che schifo...!». Forse una visione appena più aperta da parte degli educatori potrebbe spegnere sul nascere questa corsa all'accrescimento dell'ignoranza, ritoccando ciò che è un potente fattore di incatenamento agli aspetti più dolorosi della Vita.

L'esperienza spiacevole, se non è correttamente interpretata come occasione di avanzamento spirituale, rimane infatti quella che è, dunque ripetibile all'infinito senza possibilità di riscatto. Si aggiungono così altra ignoranza, illusione, paura, violenza.

L'ultimo anello di questa catena - tanto solida, purtroppo! - è abhinivesha, la paura della morte, o attaccamento alla vita. E' la stessa cosa.

E da che cosa nasce la paura della morte? Dall'ignoranza, dall'illusione e così via, in una ripetizione insensata ma nefasta che minaccia di essere senza fine.

Solo la meditazione può far cadere il velo che nasconde la Realtà e spezzare la catena dei cinque anelli.

di Lisetta Landoni

Segnala l'articolo

La pagina di segnalazione si aprirà in una nuova finestra del browser

Segnala su Upnews Posta su Segnalo Segnala su OKnotizie Segnala su diggita.it Segnala su Wikio Segnala su Stumbleupon Segnala su del.icio.us Segnala su Facebook Segnala su digg

Versione per la stampa

Articoli correlati:

Abhinivesa: paura della morte

Satya e Karuna

Dvesa, la repulsione

Râga

Asmitâ

Avidyâ

Yama e Niyama

Ti è piaciuto l'articolo? Abbonati al nostro feed per ricevere gli articoli direttamente sul tuo computer.

Non sai cos'è un feed? guarda il video di spiegazione!

yogasutra di Patanjali

Bibliografia


l'archivio

Gli articoli correlati:

Abhinivesa: paura della morte

Satya e Karuna

Dvesa, la repulsione

Râga

Asmitâ

Avidyâ

Yama e Niyama


l'archivio

Gli articoli più letti della sezione raja yoga:

Cos'è il Raja Yoga?

Il sentiero del bhakti yoga

Cos'è il mantra?

Chi è Patañjali?

I simboli nei chakra

Yoga e natura

Tutti gli articoli della sezione raja yoga:

elenco articoli