cerca in yoga.it:
home page hatha yoga raja yoga pranayama tantra alimentazione viaggi
lo yoga regale
la newsletter

per ricevere le novità, gli eventi, per sapere cosa c'è di nuovo sul sito yoga.it ogni mese

e-mail:



la community

iscrivetevi al feed

Non sai cos'è un feed? guarda il video di spiegazione!

avete dubbi o richieste? vorreste che venisse affrontato un tema particolare?

non esitate a contattarci per esprimere il vostro parere:

scrivete a yoga.it


i forum di yoga.it

partecipa ai forum di yoga.it

entra

Dvesa, la repulsione

Dvesa è l'antitesi dell'amore, è repulsione, antipatia, ripugnanza, paura

Dvesa, la repulsione
19 aprile 2009

Versione per la stampa

Glossario sanscrito

Stando a quanto riferiscono i testi canonici, al momento della morte del Buddha, mentre i monaci in lacrime gli si affannavano attorno per cogliere le Sue ultime parole e, chissà, forse una «formula magica», qualcosa di inedito e straordinario che li potesse innalzare, il Beato, steso su un fianco e reggendosi il capo con la mano destra, disse semplicemente: «Attenetevi alla Dottrina».

Solo questo, nemmeno una parola in più.

Ad affermare una volta per tutte, per sempre, che le quattro nobili Verità e l'Ottuplice Sentiero costituivano l'eredità lasciata al mondo intero oltre che a loro, i Suoi monaci, testimoni e seguaci.

Accanto a questa vivida e inestinguibile traccia è maturata nel tempo la cultura dello Yoga, l'elaborazione ancora più approfondita di Patañjali e le interpretazioni di molti che, nello slancio del cuore, hanno pensato di trasmettere la Verità, affinché l'ignoranza non distruggesse il valore della sofferenza e a tutti fosse data l'opportunità di aprire lo scrigno della conoscenza, l'elemento salvifico per eccellenza.

Fondamentale nella scuola di pensiero dello Yoga è la teoria dei klesha, i cinque elementi che disturbano l'evoluzione spirituale, qui brevemente riportati:

  • avidyâ - l'ignoranza
  • asmitâ - l'illusione
  • râga - l'amore con attaccamento
  • dvesa - il rifiuto con disgusto
  • abhinivesha - la paura della morte, l'attaccamento alla vita

Dvesa è l'antitesi dell'amore, è repulsione, antipatia, ripugnanza, paura.

Dvesa permea in profondità la mentalità corrente: ovunque, in qualunque momento, si sentono esclamazioni come: «Che schifo!», anche recitate da voci infantili che da poco hanno iniziato a esprimersi ma rapidamente si sono adattate agli usi della società attuale.

Putroppo questo atteggiamento diffuso si trasforma facilmente in tendenza e, come per tutte le tendenze che si espandono a macchia d'olio, viene erroneamente considerato segno di carattere e di capacità di giudizio, facendo sentire emarginato ed escluso chi in esso non si riconosce.

Dvesa dunque è una forma di repulsione dettata dalla paura del dolore, dell'esperienza sgradevole, magari solo immaginata ma irrimediabilmente bocciata; indica una fredda e rigida chiusura alle proposte della vita.

Che si tratti di un cibo, di un colore, di un ambiente scolastico o di un concerto, il «soggetto Dvesa» troverà modo di affossare sempre qualunque giudizio positivo e persino una cauta aspettativa che potrebbe preludere a un'apertura.

In realtà, chi è preda di Dvesa non vuole amare, teme l'amore come una condanna o una catena perché l'idea dell'Amore è troppo grande per entrare nel suo misero universo interiore.

Proprio il contrario dei mistici medievali che, con aspettative spirituali ben diverse, di fronte a sventure e sciagure di ogni genere, con il viso inondato di luce, declamavano: «Tale è il bene che mi aspetto che ogni pena mi è diletto!».

A questo proposito, emerge la necessità di fare chiarezza sull'urgenza di un progetto spirituale personale, di un decalogo che abbia quale meta l'illuminazione o liberazione.

Tutto questo è implicito nello «yoga degli otto punti», o ashtânga yoga, che definisce un percorso assolutamente lineare secondo i principi codificati da Patañjali.

Diamo per scontato che imboccare la strada più lineare è assolutamente auspicabile; il vantaggio sta nell'impossibilità di perdere l'orientamento e la fede evitando il rischio di smarrirsi in terreni sconosciuti e lontani.

Bhagavân Patañjali (il divino Patañjali), come veniva chiamato dai suoi contemporanei, ha avuto l'intuizione di mettere ordine nelle varie correnti di pensiero a additare la via per giungere rapidamente alla fine del viaggio.

Dvesa è figlia dell'ignoranza (avidyâ), dell'illusione (asmitâ), della passione (râga) e anche della paura della morte (abhinivesha).

Cito la definizione di Bhoja - autorevole commentatore degli Yogasûtra: «Dvesa è l'ira piena di deplorazione che si accompagna alla rievocazione del dolore in chi lo ha provocato e non desidera ciò che ne è strumento».

Oppure ciò che scrisse, a questo proposito, Vyasa (altro celeberrimo commentatore dei sûtra di Patañjali): Dvesa rappresenta «il sentimento di ostilità, collera, desiderio di distruzione o ira nei confronti della sofferenza (duhkha) in sé o dei mezzi che la provocano, avvertito da parte di chi abbia già sperimentato tale sofferenza e preceduto dal ricordo di essa».

di Lisetta Landoni

Segnala l'articolo

La pagina di segnalazione si aprirà in una nuova finestra del browser

Segnala su Upnews Posta su Segnalo Segnala su OKnotizie Segnala su diggita.it Segnala su Wikio Segnala su Stumbleupon Segnala su del.icio.us Segnala su Facebook Segnala su digg

Versione per la stampa

Articoli correlati:

Abhinivesa: paura della morte

Satya e Karuna

Râga

Asmitâ

Avidyâ

I klesha

Yama e Niyama

Ti è piaciuto l'articolo? Abbonati al nostro feed per ricevere gli articoli direttamente sul tuo computer.

Non sai cos'è un feed? guarda il video di spiegazione!

yogasutra di Patanjali

Bibliografia


l'archivio

Gli articoli correlati:

Abhinivesa: paura della morte

Satya e Karuna

Râga

Asmitâ

Avidyâ

I klesha

Yama e Niyama


l'archivio

Gli articoli più letti della sezione raja yoga:

Cos'è il Raja Yoga?

Il sentiero del bhakti yoga

Cos'è il mantra?

Chi è Patañjali?

I simboli nei chakra

Yoga e natura

Tutti gli articoli della sezione raja yoga:

elenco articoli