cerca in yoga.it:
home page hatha yoga raja yoga pranayama tantra alimentazione viaggi
lo yoga dell'armonia fisica
la newsletter

per ricevere le novitÓ, gli eventi, per sapere cosa c'Ŕ di nuovo sul sito yoga.it ogni mese

e-mail:



la community

iscrivetevi al feed

Non sai cos'Ŕ un feed? guarda il video di spiegazione!

avete dubbi o richieste? vorreste che venisse affrontato un tema particolare?

non esitate a contattarci per esprimere il vostro parere:

scrivete a yoga.it


i forum di yoga.it

partecipa ai forum di yoga.it

entra

Quaderni tecnici: PadmÔsana

Uno spazio per illustrare le pratiche dello Yoga dalla prospettiva del praticante

Quaderni tecnici: PadmÔsana
31 agosto 2008

Versione per la stampa

Glossario sanscrito

Quaderni tecnici

Uno spazio per illustrare le pratiche dello Yoga dalla prospettiva del praticante: si rimanda al forum per rivedere gli interventi degli autori coinvolti nell'iniziativa e per eventuali commenti o proposte di revisione.

Indice dei quaderni tecnici sul forum

Il nome

Letteralmente PadmÔsana significa posizione (Ôsana) del loto (padma); il praticante Ŕ seduto con la schiena diritta a gambe incrociate, il piede destro sulla coscia sinistra, il sinistro sulla coscia destra.

Le mani assumono varie posizioni, la pi¨ comune delle quali Ŕ J˝Ôna mudrÔ, con il polso appoggiato sulle ginocchia (il destro sul ginocchio destro, il sinistro sul ginocchio sinistro), le palme verso l'alto, indice e pollice che si toccano delicatamente formando un anello e le altre tre dita distese in direzione del pavimento.

╚ la posizione pi¨ nota, quella che immediatamente, tra i non praticanti, caratterizza la pratica dello Yoga, ma la sua fama non significa facilitÓ di esecuzione.

Il corpo del praticante (come in quasi tutte le posizioni sedute) pu˛ essere assimilato ad una piramide a base triangolare: la base Ŕ rappresentata dall'area racchiusa tra le due ginocchia e l'osso sacro, il vertice dal punto pi¨ alto della testa, l'asse centrale parte dal punto di contatto degli stinchi incrociati e termina al vertice (punto pi¨ alto) della testa.

Talvolta PadmÔsana viene indicata anche come Mukta-padmÔsana cioŔ loto aperto per distinguerla da Baddha-padmÔsana, posizione del loto legato, in cui le braccia sono incrociate dietro la schiena con la mano destra che afferra il piede sinistro e viceversa. A volte viene indicata con YogÔsana.

Posizioni e movimenti preparatori

Prima di assumere PadmÔsana Ŕ consigliabile percepire il giusto allineamento delle vertebre lombari e delle vertebre cervicali per evitare la stanchezza, il senso di pesantezza al torace e alle spalle e i dolori alle articolazioni delle ginocchia che colgono chi assume una posizione non corretta.

Si consiglia quindi di partire da una posizione semplice, seduti a gambe incrociate alla maniera dei nativi americani (non importa quale piede sia davanti, l'importante Ŕ ripetere a posizioni invertite, prima di assumere PadmÔsana).

Alzare le spalle inspirando, trattenere il fiato e rilasciarlo di colpo (pratica che serve a rilassare l'articolazione delle spalle); inspirando allungare gli estensori della testa e del collo (come se stessimo sollevando un vassoio, abbastanza leggero, in equilibrio sulla testa), espirando rilassare la testa in avanti.

Sentire il peso della testa e controllare il rilassamento del collo.

Rimanere in posizione per 3 o 4 cicli respiratori, poi inspirare cercando di stendere le vertebre dorsali mantenendo braccia e spalle rilassate (immaginare una corda con un gancio legata al punto in mezzo alle scapole: la parte alta della schiena viene tirata verso l'alto e la testa pende verso il basso) ed espirando rilassare il petto in avanti.

Rimanere in posizione per 3 o 4 cicli respiratori e poi inspirare cercando di stendere verso l'alto e źcontemporaneamente verso il basso╗ le vertebre lombari (immaginare che l'osso sacro affondi nel pavimento e che le costole si alzino) ed espirando scendere ancora verso il basso, rilassando la vita.

Mantenere le braccia a lato del corpo e rimanere in posizione per 3, 4 cicli respiratori.

A questo punto portare l'attenzione sugli occhi. Senza muovere la testa spostare lo sguardo sulle caviglie (lentamente, senza scatti), e proseguire verso l'alto źsrotolando╗ la spina dorsale.

Gli occhi nel loro percorso verso il soffitto trascineranno con loro prima le vertebre cervicali, poi le vertebre dorsali, poi le lombari: la posizione finale della colonna sarÓ un leggero arco.

A questo punto andare a guardare in avanti allungando le testa, spingere leggermente il petto indietro allargando contemporaneamente le costole e mantenere una leggera curva delle lombari in modo da sentire il peso sugli ischi (percepibili come due sfere della dimensione di una pallina da golf, situate tra le cosce e i glutei).

Mantenere la schiena dritta e, aiutandosi con le mani appoggiate per terra, inclinarla in avanti fino a sentire il bacino che si alza, con il peso sulle ginocchia.

Estendere il pi¨ possibile lombari e cervicali (doppia spinta della colonna verso l'alto e verso il basso) e tornare ad appoggiare il bacino per terra, mantenendo l'allungamento verso l'alto delle cervicali e delle costole. Controllare la posizione: il collo deve essere rilassato, le spalle basse, il petto leggermente spinto indietro, le scapole appiccicate alla schiena le lombari leggermente spinte in avanti.

Ripetere tutto il processo invertendo la posizione delle gambe.

La tecnica

Dalla posizione preparatoria a gambe incrociate, se Ŕ la gamba destra a trovarsi davanti (viceversa se Ŕ la sinistra) mantenendo la schiena nella posizione raggiunta appoggiare la mano sinistra vicino alla coscia sinistra, portare il peso sul gluteo sinistro e allungare lentamente la gamba destra in avanti. Appoggiare la mano destra vicino alla coscia destra e allungare la gamba sinistra.

Assumere DandÔsana (posizione seduta con le gambe distese in avanti e la schiena eretta) e mantenere la posizione per una decina di cicli respiratori.

Rilassare completamente le gambe mantenendo la posizione eretta della colonna. Afferrare il piede o lo stinco della gamba sinistra con la mano destra allungando il pi¨ possibile l'ascella. Afferrare il ginocchio sinistro con la mano sinistra.

La schiena si sposta un po' in avanti, senza piegarsi. Delicatamente portare la schiena nella posizione iniziale e piegare contemporaneamente la gamba. Non fare forza con le braccia: le braccia tirano la gamba perchÚ trascinate dalla schiena. Molto delicatamente alzare la gamba sinistra piegata e appoggiare il piede sinistro vicino all'inguine destro: le dita del piede dovrebbero sporgere dalla coscia destra, la pianta Ŕ rivolta verso l'alto. Fare attenzione alla posizione del polpaccio sinistro che non deve rimanere schiacciato contro la coscia sinistra, ma spostato verso l'alto.

Rimanere in posizione con la gamba destra piegata e la sinistra piegata per una decina di cicli respiratori.

Piegare la gamba destra e portarla sulla sinistra in modo che il piede destro sia vicino all'inguine sinistro, i polpacci intrecciati, i talloni il pi¨ vicino possibile al basso ventre.

Appoggiare le mani sulle ginocchia in J˝Ôna mudrÔ. I gomiti ruotati in avanti.

Sollevare le braccia in inspirazione mantenendo J˝Ôna mudrÔ fino a portare le mani sopra la testa: se la posizione Ŕ corretta indice e pollice di ciascuna mano combaceranno perfettamente, in caso contrario significa che c'Ŕ una qualche deviazione sul piano orizzontale di una vertebra o una asimmetria muscolare. Non tentare di correggere la posizione! Limitarsi ad źascoltare il corpo╗ per prendere coscienza dell'allineamento.

Inspirando stendere indici e pollici e unire le palme, espirando allungare le mani giunte in alto stendendo il pi¨ possibile le ascelle e mantenendo basse le scapole.

Rimanere in posizione per una decina di cicli respiratori dopodichÚ abbassare le mani unite, perpendicolarmente al suolo. All'altezza dell'ombelico si avvertirÓ una tensione ai polsi, sciogliere le mani poggiando la destra sulla sinistra sotto l'ombelico.

Espirando portare le mani sulle ginocchia ed assumere nuovamente J˝Ôna mudrÔ (in questa descrizione abbiamo scelto la posizione con le mani in J˝Ôna mudrÔ perchÚ meglio dÓ l'idea della piramide triangolare, ma le posizioni possibili delle mani e delle braccia sono in realtÓ moltissime).

Mantenere la posizione per 10-20 cicli respiratori. E ripetere con la gamba sinistra sopra la destra.

Col tempo si potrÓ rimanere sempre pi¨ a lungo nella posizione. Si consiglia di calcolare il tempo contando i cicli respiratori o prendendo come riferimento la ripetizione dei mantra: 9 ripetizioni o multipli di 9 fino ad arrivare al numero di 108 o a cicli di 108 ripetizioni.

Consigli per l'esecuzione

Il baricentro si trova a terra in corrispondenza all'incrocio degli stinchi. Per rendere pi¨ stabile la posizione occorre far pressione su questo punto e spingere i piedi verso l'esterno (il sinistro verso destra, il destro verso sinistra). Questa duplice tensione sul piano orizzontale e verticale provoca l'allargamento del bacino e permette una maggior stabilitÓ.

E' normale che il ginocchio della gamba che sta sopra non tocchi terra. PadmÔsana, soprattutto se c'Ŕ tensione all'articolazione coxofemorale, non Ŕ una posizione simmetrica! Alcuni consigliano di forzare la posizione, ma in linea di massima Ŕ meglio affidarsi al rilassamento e alla forza di gravitÓ.

L'asse della schiena deve essere perpendicolare al suolo, ma alla maggior parte di noi questa posizione (lieve spinta in avanti della zona lombare e lieve spinta indietro nella zona del petto) dÓ l'impressione di essere inclinati in avanti. Si consiglia quindi di controllare la posizione con l'aiuto di specchi.

Dopo un po' di tempo, a causa della stanchezza, si tende ad appoggiarsi sulle lombari: in realtÓ occorre sempre avvertire la sensazione di estensione verso l'alto delle costole, unita alla sensazione di schiacciare le scapole contro la schiena.

Il mento Ŕ leggermente rilassato in direzione del petto: occorre fare attenzione a mantenere rilassata la mascella e źsentire╗ il peso del labbro inferiore e degli zigomi. La lingua Ŕ delicatamente rovesciata in alto e tocca il palato.

Lo sguardo Ŕ rivolto alla punta del naso. Se si ha difficoltÓ a mantenere la posizione, dirigere lo sguardo verso terra in direzione dell'asse immaginario che, seguendo la linea del naso, dal punto in mezzo alle sopracciglia arriva al pavimento.

Effetti della posizione

Lo scopo principale della posizione Ŕ quello di raggiungere il miglior allineamento della spina dorsale e di avvertire la duplice tensione verso il basso del bacino e verso l'alto delle vertebre cervicali.

E' la posizione ideale per la meditazione e gli esercizi respiratori: l'allineamento della colonna e la facilitÓ respiratoria assicurano il rilassamento del corpo e l'aumento della capacitÓ di concentrazione; le gambe incrociate favoriscono la pressione verso il basso e la stabilitÓ.

Controindicazioni

Teoricamente non vi sono controindicazioni: PadmÔsana viene consigliata in caso di problemi articolari alle gambe, problemi di circolazione, lombosciatalgie, ma gli effetti si riferiscono naturalmente alla posizione eseguita correttamente.

In caso di reumatismi, di lesioni al menisco, di problemi ai legamenti, non sarÓ possibile eseguire PadmÔsana e tentando di forzare la posizione si potranno provocare danni anche di grave entitÓ. Anche gli individui obesi avranno difficoltÓ ad assumere la posizione.

In questi casi si consiglia di agire con molta gradualitÓ imparando prima a tenere distesa la colonna vertebrale, sedendosi correttamente su una sedia o uno sgabello e abituandosi, con l'aiuto di specchi, progressivamente a mantenere sempre pi¨ a lungo la posizione corretta; in seguito si passerÓ a sedersi per terra in DandÔsana.

Una volta padroneggiata DandÔsana si comincerÓ ad abituare il corpo alla iperflessione delle ginocchia mettendo una gamba alla volta, piegata, con il tallone pi¨ vicino possibile al perineo e l'altra distesa. In seguito si metterÓ una gamba alla volta, piegata, sopra l'altra distesa, con il piede il pi¨ vicino possibile all'inguine.

Le posizioni preparatorie, in questo caso, variano a seconda delle diverse patologie e della natura dei problemi articolari.

Occorre comunque tener presente che lo scopo della posizione non deve essere incrociare le gambe: Ŕ completamente inutile se non deleterio sedersi con le gambe nella posizione del loto senza aver prima avvertito la giusta sensazione di allineamento della spina dorsale.

Approfondimenti

La potenza di PadmÔsana

Non Ŕ un caso se PadmÔsana Ŕ la posizione pi¨ famosa e rappresentata dello Yoga. L'incrocio delle gambe, la postura della schiena, la posizione della lingua (che funge da ponte tra due particolari canali energetici) la posizione delle dita nelle varie Mudra favorirebbero la percezione e la circolazione di quella che possiamo definire energia sottile, condizione necessaria per poter accedere al processo di Shatchakra-bheda cioŔ źpenetrazione dei 6 chakra╗.

Per dare l'idea della źpotenza╗ di PadmÔsana Ŕ possibile fare un esercizio che si pu˛ considerare propedeuticho alla pratica Yoga, chiamato NyÔsa cioŔ źcollocazione╗.

Dopo aver assunto la posizione corretta con le mani in J˝Ôna mudrÔ visualizzare il pollice della mano sinistra: inspirando immaginare di comprimere le ossa del pollice e espirando immaginare di espanderle.

Dopo 9 cicli respiratori passare a visualizzare, una alla volta, tutte le altre dita, poi l'intera mano.

A questo punto confrontare la sensazione della mano destra con quella della mano sinistra: la sinistra apparirÓ diversa, cioŔ pi¨ calda o pi¨ pesante e potrÓ sembrare di percepire un sottile campo elettrico sulla punta delle dita e sul palmo della mano.

A questo punto, espirando, immaginare che il campo di energia passando dalla faccia źinterna╗ del braccio, risalga fino al petto. Inspirando dal petto, attraverso la spalla, immaginare di riportare l'energia al palmo della mano passando sulla faccia esterno del braccio.

Ripetere l'esercizio di visualizzazione con la mano e il braccio destro.

Con la pratica sarÓ possibile percepire far circolare (o immaginare di far circolare) l'energia in tutte le parti del corpo.

Applicazioni terapeutiche

PadmÔsana nella cura delle infiammazioni

Sono stati riscontrati buoni risultati utilizzando PadmÔsana nella cura degli ingorghi linfatici delle ghiandole ascellari.

L'ingrossamento dei linfonodi Ŕ, nel 70%-80% dei casi, dovuto ad infiammazioni di varia natura. Nel caso dei linfonodi ascellari per esempio una periartrite alla spalla pu˛ portare all'ingrossamento dell'agglomerato linfatico presente sotto l'ascella corrispondente.

Un buon metodo per źsgonfiare╗ la ghiandola Ŕ quello di lavorare in PadmÔsana utilizzando UjjÔyţ prÔnÔyÔma con JÔlandhara bandha.

Tecnica

Disporsi in PadmÔsana e, con la colonna vertebrale completamente diritta, effettuare una leggera espirazione. Dopo qualche ciclo respiratorio riempire globalmente i polmoni ed applicare JÔlandhara bandha; da questo momento JÔlandhara bandha resterÓ costantemente applicato per la restante parte della pratica.

Espirare una piccola parte di aria avendo cura di mantenere il torace źtondo╗, in pratica lavorando soltanto con il diaframma. All'inizio questa parte non risulta di semplice esecuzione perchŔ si possono avvertire sforzi attorno alla zona lombo-toracica della colonna, ma questo Ŕ normale.

Pensare durante l'inspirazione che le zone ascellari vengano come źrisucchiate╗ all'interno. Durante l'espirazione le stesse zone rimarranno nella loro posizione regolare.

Ripetere per almeno 12 cicli e cercare di protrarre il pi¨ a lungo possibile la durate dell'espirazione e dell'inspirazione; cercare di spillare lentamente l'aria dai polmoni.

Al termine sciogliere JÔlandhara bandha, źsgonfiare╗ la parte alta del torace e abbandonarsi a SavÔsana (posizione del cadavere, rilassamento stesi a terra supini).

Quaderni tecnici

Il quaderno tecnico di PadmÔsana sul forum yoga.it

di AA. VV.

Segnala l'articolo

La pagina di segnalazione si aprirÓ in una nuova finestra del browser

Segnala su Upnews Posta su Segnalo Segnala su OKnotizie Segnala su diggita.it Segnala su Wikio Segnala su Stumbleupon Segnala su del.icio.us Segnala su Facebook Segnala su digg

Versione per la stampa

Articoli correlati:

QT: Baddha konÔsana

PascimottanÔsana

SiddhÔsana

PadmÔsana

Ti Ŕ piaciuto l'articolo? Abbonati al nostro feed per ricevere gli articoli direttamente sul tuo computer.

Non sai cos'Ŕ un feed? guarda il video di spiegazione!

gli Ôsana

Bibliografia


l'archivio

Gli articoli correlati:

QT: Baddha konÔsana

PascimottanÔsana

SiddhÔsana

PadmÔsana


l'archivio

Gli articoli pi¨ letti della sezione hatha yoga:

Cos'Ŕ l'Hatha Yoga

SiddhÔsana

PadmÔsana

SarvÔngÔsana

HalÔsana

PascimottanÔsana

Tutti gli articoli della sezione hatha yoga:

elenco articoli