cerca in yoga.it:
home page hatha yoga raja yoga pranayama tantra alimentazione viaggi
lo yoga regale
la newsletter

per ricevere le novità, gli eventi, per sapere cosa c'è di nuovo sul sito yoga.it ogni mese

e-mail:



la community

iscrivetevi al feed

Non sai cos'è un feed? guarda il video di spiegazione!

avete dubbi o richieste? vorreste che venisse affrontato un tema particolare?

non esitate a contattarci per esprimere il vostro parere:

scrivete a yoga.it


i forum di yoga.it

partecipa ai forum di yoga.it

entra

Sutra I.5

Le modificazioni mentali sono di cinque tipi; esse sono dolorose o non dolorose

20 settembre 2004
वृत्तयः पञ्चतय्यः क्लिष्टा अक्लिष्टाः॥५॥

Versione per la stampa

Glossario sanscrito

Vrttayah pancatayyah klista aklistha

Le modificazioni mentali sono di cinque tipi; esse sono dolorose o non dolorose.

Questo sutra afferma che le modificazioni delle mente possono essere di cinque tipi, dolorose oppure non dolorose.

Ad esempio quando guardiamo un fiore o un tramonto, la mente, attraverso la vista, riconosce l'immagine del fiore e la apprezza: queste esperienza viene chiamata aklishta, piacevole o non dolorosa; quando invece i nostri occhi si soffermano su di un cadavere di un animale investito la mente assimila questa percezione visiva e la trova dolorosa, o klishta. La percezione è la stessa, in entrambi i casi un'osservazione visiva, ma nello stesso tempo è duplice: dolorosa o non dolorosa.

Secondo lo yoga ogni dimensione della consapevolezza rappresenta una particolare vrtti mentale; anche lo stato di sonno è considerato una condizione della mente; similmente il sogno, l'illusione, il dubbio, il ricordo di esperienze passate e così via.

Nei testi sanscriti e nei trattati di yoga la parola vrtti ricorre di frequente: è un termine che genera confusione e spesso i filosofi e i commentatori non sono riusciti a rendere pienamente il suo significato. Nel settimo secolo visse un grandissimo studioso chiamato Goudapadacharya che scrisse un dettagliatissimo commento della Mandukya Upanishad in cui disse: "Il mondo intero non sembra essere altro che una forma di modificazione mentale di una consapevolezza suprema".

L'intero cosmo potrebbe essere espressione del nostro pensiero, il pensiero di un'entità suprema: quindi quando usiamo il termine "modificazione della mente" vogliamo indicare i differenti schemi mentali, i diversi stadi, sfere o dimensioni della personalità.

di redazione yoga.it

Segnala l'articolo

La pagina di segnalazione si aprirà in una nuova finestra del browser

Segnala su Upnews Posta su Segnalo Segnala su OKnotizie Segnala su diggita.it Segnala su Wikio Segnala su Stumbleupon Segnala su del.icio.us Segnala su Facebook Segnala su digg

download
Sutra I-5 [20 kb]
Sutra recitato da Gabriel Pradiipaka. Riproduzione per cortesia di www.sanskrit-sanscrito.com.ar...

Versione per la stampa

In caso di problemi di visualizzazione del testo in sanscrito consultare la sezione sui caratteri Devanâgarî.

Articoli correlati:

Sutra I.20

Sutra I.19

Sutra I.18

Sutra I.17

Sutra I.16

Sutra I.15

Sutra I.14

Sutra I.13

Ti è piaciuto l'articolo? Abbonati al nostro feed per ricevere gli articoli direttamente sul tuo computer.

Non sai cos'è un feed? guarda il video di spiegazione!

yogasutra di Patanjali

Bibliografia


l'archivio

Gli articoli correlati:

Sutra I.20

Sutra I.19

Sutra I.18

Sutra I.17

Sutra I.16

Sutra I.15

Sutra I.14

Sutra I.13


l'archivio

Gli articoli più letti della sezione raja yoga:

Cos'è il Raja Yoga?

Il sentiero del bhakti yoga

Cos'è il mantra?

Chi è Patañjali?

I simboli nei chakra

Yoga e natura

Tutti gli articoli della sezione raja yoga:

elenco articoli