cerca in yoga.it:
home page hatha yoga raja yoga pranayama tantra alimentazione viaggi
lo yoga regale
la newsletter

per ricevere le novità, gli eventi, per sapere cosa c'è di nuovo sul sito yoga.it ogni mese

e-mail:



la community

iscrivetevi al feed

Non sai cos'è un feed? guarda il video di spiegazione!

avete dubbi o richieste? vorreste che venisse affrontato un tema particolare?

non esitate a contattarci per esprimere il vostro parere:

scrivete a yoga.it


i forum di yoga.it

partecipa ai forum di yoga.it

entra

Sutra I.2

Lo yoga è la soppressione delle modificazioni della mente

20 settembre 2004
योगश्चित्तवृत्तिनिरोधः॥२॥

Versione per la stampa

Glossario sanscrito

Yogas citta-vrtti-nirodhah

Lo yoga è la soppressione delle modificazioni della mente.

Questo è uno dei sutra più significativi dell'intera opera, non perché vi è descritta una pratica di particolare valore, quanto perché l'autore è riuscito a definire con esattamente quattro parole l'essenza fondamentale dello yoga.

Ci si potrebbe aspettare una spiegazione dettagliata dei termini di tale basilare importanza; l'assenza di tale commento indica pertanto come si supponesse che l'adepto dovesse ricavarne il significato profondo dallo studio dell'intero libro.

Consideriamo innanzitutto il termine yoga: esso assume innumerevoli significati nella lingua sanscrita, e deriva dalla radice yuj che significa "congiungere". Ma cosa si suppone che lo yoga debba unire? Per rispondere a questa domanda bisogna ricordare come, secondo le concezioni più elevate della filosofia indiana, l'anima umana (jivatma) è una faccia, o espressione parziale della realtà divina (paramatma) che è fonte o sostrato dell'universo manifesto. Sebbene siano sostanzialmente la stessa totalità, il jivatma si è soggettivamente separato dal paramatma ed è destinato a ricongiungersi ad esso entro la coscienza dopo un ciclo evolutivo nell'universo manifesto. Questo stato di unione, nonché il processo mediante il quale si può giungere a questo ricongiungimento, prende il nome di yoga.

Il termine citta deriva da cit, uno dei tre aspetti del paramatma attraverso cui l'universo stesso viene creato. Il riflesso del cit nell'anima individuale è detto citta, che pertanto indica il mezzo attraverso il quale il jivatma materializza il proprio mondo individuale, vive e si evolve sino a raggiungere lo stato di perfezione, riunendosi infine al paramatma.

In prima approssimazione potremmo quindi attribuire a citta il significato di "mente", ma mentre secondo la moderna psicologia quest'ultima indica solamente il pensiero, la volizione e il sentimento, il citta ha una portata enormemente maggiore, rappresentando il mezzo (ovviamente immateriale) attraverso il quale la coscienza opera su tutti i piani dell'universo manifesto: potrebbe altresì venire definito come prodotto fra coscienza e materia, essendo necessarie entrambe per il suo funzionamento.

Vrtti deriva dalla radice vrt, che significa "esistere": vrtti perciò è un modo di esistere. Ed esaminando i modi in cui una realtà esiste possiamo osservarne le modificazioni, gli stati, le attività o le funzioni, e questi sono tutti significati attribuibili al termini vrtti.

Nirodha deriva da niruddham che significa "frenato", "controllato", "inibito", termini applicabili ai diversi stadi dello yoga, da quelli iniziali a quelli più avanzati: si può notare quindi come questa straordinaria definizione riesca a coprire le diverse fasi che lo yogi si trova ad attraversare e tutti gli stadi di dispiegamento della coscienza che ne sono il risultato.

di redazione yoga.it

Segnala l'articolo

La pagina di segnalazione si aprirà in una nuova finestra del browser

Segnala su Upnews Posta su Segnalo Segnala su OKnotizie Segnala su diggita.it Segnala su Wikio Segnala su Stumbleupon Segnala su del.icio.us Segnala su Facebook Segnala su digg

download
Sutra I-2 [17 kb]
Sutra recitato da Gabriel Pradiipaka. Riproduzione per cortesia di www.sanskrit-sanscrito.com.ar...

Versione per la stampa

In caso di problemi di visualizzazione del testo in sanscrito consultare la sezione sui caratteri Devanâgarî.

Articoli correlati:

Sutra I.20

Sutra I.19

Sutra I.18

Sutra I.17

Sutra I.16

Sutra I.15

Sutra I.14

Sutra I.13

Ti è piaciuto l'articolo? Abbonati al nostro feed per ricevere gli articoli direttamente sul tuo computer.

Non sai cos'è un feed? guarda il video di spiegazione!

yogasutra di Patanjali

Bibliografia


l'archivio

Gli articoli correlati:

Sutra I.20

Sutra I.19

Sutra I.18

Sutra I.17

Sutra I.16

Sutra I.15

Sutra I.14

Sutra I.13


l'archivio

Gli articoli più letti della sezione raja yoga:

Cos'è il Raja Yoga?

Il sentiero del bhakti yoga

Cos'è il mantra?

Chi è Patañjali?

I simboli nei chakra

Yoga e natura

Tutti gli articoli della sezione raja yoga:

elenco articoli