cerca in yoga.it:
home page hatha yoga raja yoga pranayama tantra alimentazione viaggi
lo yoga regale
la newsletter

per ricevere le novità, gli eventi, per sapere cosa c'è di nuovo sul sito yoga.it ogni mese

e-mail:



la community

iscrivetevi al feed

Non sai cos'è un feed? guarda il video di spiegazione!

avete dubbi o richieste? vorreste che venisse affrontato un tema particolare?

non esitate a contattarci per esprimere il vostro parere:

scrivete a yoga.it


i forum di yoga.it

partecipa ai forum di yoga.it

entra

Vivere lo stato dell'Essere

L'esperienza del Sé è frutto di abbandono e di non-scelta

Vivere lo stato dell'Essere
27 gennaio 2007

Versione per la stampa

Glossario sanscrito

Le principali filosofie «ortodosse» dell'India sono sei (Nyâya, Vaisesika, Sâmkhya, Yoga, Pûrvamîmâmsâ e Vedânta): tutte riconoscono l'autorità dei Veda e vengono normalmente definite darsana bramanici (punti di vista sulla Realtà Ultima), perché esse espongono una visione della stessa Realtà esperita da più punti di vista.

Occorre considerare che questi darsana non sono da intendersi come sistemi filosofici prodotti dall'intelletto umano, ma come un'esposizione delle esperienze di quei filosofi che hanno sperimentato determinti stati di coscienza o realtà. Questo rende i darsana bramanici dei percorsi spirituali direttamente accessibili, purché si disponga delle giuste qualificazioni e dell'ausilio di un Filosofo che abbia già realizzato la meta che si intende perseguire.

Oltre a ciò tuttora in India convivono movimenti interni, sette, vari tipi di yoga o tantra, rappresentativi non tanto di un lignaggio ben definito quanto di un «Baba», âcârya, yogin o guru che dir si voglia.

Il più delle volte questi gruppi abbracciano una visione tradizionale, solitamente quella Sâmkhya, utilizzando poi tecniche di yoga o più specificatamente di matrice tantrica: la sâdhana in questo senso è impostata quasi esclusivamente sull'utilizzo di uno o più metodi capaci di procurare determinate esperienze o stati di coscienza particolari.

Ecco che troviamo le tipiche trance yogiche, stati ipnotici, alterazioni varie, siddhi, kundalinî: esperienze che se da una lato implicano un certo grado di apertura oltre i confini dell'io ordinario, dall'altro sono spesso lontane dal potere essere considerate esperienze di risveglio o di realizzazione ultima.

In questo senso la confusione è molta. Infatti è assai differente esperire stati alterati o di espansione della coscienza, dal vivere lo stato dell'Essere.

Molte delle tecniche psicocorporee tipiche degli yoga, facendo leva sulle energie del corpo, e sulla shakti in genere, inducono modificazioni nella coscienza, espandendola e legandola a stati beatifici e luminosi. Queste esperienze acquistano importanza in quanto sono in grado di causare un certa integrazione tra i vari piani dell'essere, inoltre si qualificano come propedeutiche a quello che può essere definito lo «Stato Ultimo». In questo senso non devono però trarre in inganno e indurre a credere di avere realizzato «Quello».

La realizzazione di alcuni stati può aprire la strada all'idea che l'esperienza ordinaria della realtà non sia così assoluta, unica e vera, e che probabilmente è possibile avvicinarsi ad una percezione del mondo non più determinata, vincolata e caratterizzata a partire dal centro rigido e personale chiamato «Io».

Nessun processo che faccia leva sul «grossolano» cioè corpo-energia-mente può determinare la Realizzazione. Lo stato Ultimo è incausato, nel senso che poggia su sé stesso in sé stesso e non può essere determinato da nulla; in caso contrario non sarebbe Assoluto: come potrebbe infatti l'Ultima realtà essere creata, prodotta o raggiunta da qualche cosa quando in realtà ogni cosa, ogni fenomeno, poggia, esiste e diviene grazie ad Essa, Brahman?

L'Âtman-Brahman è irraggiungibile, inafferrabile, invisibile, inudibile e non può essere conosciuto né tramite i sensi, né tramite il pensiero, né tramite gli strumenti che il corpo ci offre; non può essere frutto di percezione. Al contrario, il corpo, i sensi, la mente sussistono tramite il Sé-âtman.

Per il ricercatore, per il vero yogin, è dunque molto importante non confondere i differenti stati di trance prodotti grazie all'utilizzo di determinate tecniche con l'«esperienza» dell'Essere. I primi sono frutto di sforzo, di tecnica e di un «Io» volitivo, che cerca e raggiunge determinate esperienze, che sono ancora da considerarsi delle vritti, o modificazioni mentali. Lo stesso Vuoto è ancora una modificazione, in quanto prodotto-immagine della mente e nella mente. In tal senso questo tipo di esperienze, rappresentando ancora dimensioni legate al pensiero e alla percezione, possono essere pericolose, in quanto nella loro sottigliezza ed estatica gioia esercitano un'attrattiva molto forte. Il distacco come sempre è lo strumento migliore.

L'esperienza del Sé o samâdhi è al contrario frutto di abbandono e di non-scelta. Nel samâdhi savikalpa, per esempio, nonostante sussista ancora una certa determinazione e qualificazione (saguna), l'ego scompare e la coscienza si palesa nel suo aspetto universale. Ciò sta a significare che l'esperienza di tale stato non presuppone un determinato tipo di percezione, in quanto colui che percepisce viene a scomparire. Soggetto e oggetto si «annullano».

Il samâdhi è frutto di resa e di non-tensione: sino a quando rimane un seppur minimo grado di volitività tensiva, permane invece l'individualità. Nel samâdhi ogni volontà personale cessa e lascia il posto ad un' inversione della coscienza che, sprofondata in se stessa, non viene ad essere più determinata e rappresentata limitatamente dal «nucleo» centrale o senso dell'io egocentrico (ahamkâra).

Spesso le tecniche giunte in occidente e lo stesso approccio allo Yoga sono di tipo manipolativo: il loro utilizzo tende a rinforzare, cristallizzare e perpetuare l'ego ordinario anziché lavorare nella direzione dell'integrazione, risoluzione e trascendenza.

L'enfatizzazione della tecnica consolida l'idea che ci sia un obiettivo da raggiungere nella prospettiva del tempo e dello spazio, e che l'Essere sia «trovabile» in qualche luogo in seguito ad un determinato sforzo in questa direzione. Ecco che invece di lavorare in senso eliminativo, (neti neti) andiamo ad accumulare tecniche, dinamiche e strategie mentali che rinforzano l'idea di ricerca nella direzione dello sforzo. Dietro a questo tipo di movimento c'è sempre un ego che sta cercando di perpetuarsi.

Ogni tentativo di avvicinarci a «questa posizione» in realtà ce ne allontana, perché frutto di una mente ancora attiva che cerca conferma di sé muovendosi in base a coordinate spazio-temporali. Un ego che nella ricerca stessa continuerà a sussistere perché gratificato dalla fruizione di determinate esperienze e perché convinto di esserne l'artefice.

Il Sè non è frutto di sperimentazione, ma di realizzazione, che significa identità-conoscenza.

Ogni tecnica o tantra dovrebbe essere utilizzata solamente come fase di purificazione e rettificazione delle energie psicofisiche e dei contenuti mentali (samskâra): processo per altro già cominciato grazie a yama e niyama. Ogni tecnica inoltre può solamente aiutarci ad intuire l'idea dell'abbandono, della resa totale necessaria per essere accolti nelle braccia dell'Essere.

In questo senso ci sono modalità che «ingabbiano» e modalità che «liberano»: tutti i lavori che enfatizzano lo strumento, le tecniche di tipo manipolativo e di controllo coercitivo sono da intendersi gabbie; tutti i lavori che non permettono alla mente di mostrarsi per quello che è, nei suoi aspetti luminosi ed oscuri, sono prigioni.

La pratica che al contrario tende alla purificazione meditativa e che offre la possibilità di accogliere con capacità sempre maggiore quegli aspetti individuati come «non desiderati» e relegati per tale motivo nelle profondità del nostro inconscio, libera.

L'utilizzo scorretto di simboli, yantra, mudrâ, mantra, prânâyâma agisce in questa direzione: blocca il processo mentale in una sorta di paralisi concentrativa, che non è frutto di pura attenzione ma di sforzo coatto, impedendo alla coscienza sia di aprirsi alla sue dinamiche tamasiche-rajasiche, sia di librarsi verso orizzonti nuovi sattvici e del Sé.

L'atteggiamento che sta alla base di queste pratiche è la paura. Uno dei demoni più difficili da accogliere e integrare è la paura della paura. La pratica legata al controllo è frutto di paura. Il vero controllo non è frutto di sforzo bensì di conoscenza intuitiva che, sola, sa comprendere e accogliere.

E' importante quindi osservare bene se la pratica è mossa dal tentativo di fuggire la paura, o è mossa dal sincero anelito alla conoscenza di sé.

Nel primo caso presto o tardi accadrà che i contenuti mentali da cui ci si è allontanati e che per un certo tempo è stao possibile tenere sotto controllo riemergeranno, probabilmente ancora più forti di prima.

Nel secondo caso bisogna accettare la prospettiva che per conoscere sé stessi è necessario procedere nel tentativo di accogliere quelle parti indesiderate e che mai si sarebbe pensato di poter avere. Solo così l'ascesi coscienziale permetterà di liberarsi sempre più dai lacci dei movimenti e contenuti mentali generati dall'ego.

L'ascesi yogica lungo i vari livelli di cosapevolezza è un'ascesi interiore lungo piani coscienziali ed esistenziali (cakra). Possiamo sintetizzare le varie tappe nei seguenti punti:

  • sfera lagata alla parte inconscia, e alle forze istintuali
  • sfera lagata alla forza sessuale
  • sfera legata all'ego (manas) in quanto desiderio-emozione, passione ed azione individuata
  • sfera legata al desiderio d'amore purificato e centro di integrazione tra i piani inferiori e quelli sattvici
  • sfera legata al puro intelletto o buddhi
  • sfera legata al pensiero intuitivo, e di unità coscienziale (Shiva)
  • consapevolezza pura Paramshiva

Moksha è la liberazione dall'identificazione vincolante con l'individualità personale ristretta e limitata. Liberazione che è frutto di distacco e discriminazione, di abbandonao ad Îsvara e di costante meditazione sul Brahman. La moksha porta con sè la morte di ogni idea-percezione-opinione personale, per rinascere ad una nuova «condizione» che in realtà non ci ha mai abbandonato. Essenza ed esistenza assoluta (sat), coscienza-consapevolezza assoluta (cit), beatitudine e pace assoluta (ânanda).

di Lamberto Breccia

Segnala l'articolo

La pagina di segnalazione si aprirà in una nuova finestra del browser

Segnala su Upnews Posta su Segnalo Segnala su OKnotizie Segnala su diggita.it Segnala su Wikio Segnala su Stumbleupon Segnala su del.icio.us Segnala su Facebook Segnala su digg

Versione per la stampa

Articoli correlati:

Yoga e natura

Yoga nella vita quotidiana

Brahmasutra

I tre guna

Il silenzio

La Scienza del mantra

Scegliere la consapevolezza

Il cosmo dello Yogin II

Ti è piaciuto l'articolo? Abbonati al nostro feed per ricevere gli articoli direttamente sul tuo computer.

Non sai cos'è un feed? guarda il video di spiegazione!

Bibliografia


l'archivio

Gli articoli correlati:

Yoga e natura

Yoga nella vita quotidiana

Brahmasutra

I tre guna

Il silenzio

La Scienza del mantra

Scegliere la consapevolezza

Il cosmo dello Yogin II


l'archivio

Gli articoli più letti della sezione raja yoga:

Cos'è il Raja Yoga?

Il sentiero del bhakti yoga

Cos'è il mantra?

Chi è Patañjali?

Yoga e natura

I simboli nei chakra

Tutti gli articoli della sezione raja yoga:

elenco articoli