cerca in yoga.it:
home page hatha yoga raja yoga pranayama tantra alimentazione viaggi
la via della leggerezza e dell'ahimsa
la newsletter

per ricevere le novità, gli eventi, per sapere cosa c'è di nuovo sul sito yoga.it ogni mese

e-mail:



la community

iscrivetevi al feed

Non sai cos'è un feed? guarda il video di spiegazione!

avete dubbi o richieste? vorreste che venisse affrontato un tema particolare?

non esitate a contattarci per esprimere il vostro parere:

scrivete a yoga.it


i forum di yoga.it

partecipa ai forum di yoga.it

entra
Il chapati

Il chapati

Il chapati è il gustoso pane tradizionale non lievitato tipico soprattutto dell'India del nord

11 dicembre 2004

Versione per la stampa

Preparazione: 15'
Riposo: 120'
Cottura: 15'
Difficoltà: bassa
Costo: basso

Il chapati è il gustoso pane tradizionale non lievitato tipico soprattutto dell'India del nord. In molte abitazioni si usa ancora preparare un grosso impasto ogni mattina per poi consumare il chapati durante il giorno, accompagnandolo a piatti di verdura o alla zuppa di dhal.

Il chapati è un'ottima alternativa per chi non può consumare pane lievitato e la sua preparazione, se anche richiede un po' di tempo, costituisce un'occasione per una pausa di consapevolezza fra gli impegni della giornata.

Ingredienti

2 tazze di farina integrale (o semi-integrale)
1/2 tazza di acqua
un pizzico di sale
olio o ghee

Preparazione

Versare la farina in una ciotola capiente, aggiungere l'acqua, un piccolo quantitativo di olio e lavorare con le mani per 10-15 minuti fino ad ottenere un impasto omogeneo di consistenza elastica, che non deve risultare secco o appiccicoso. Nel caso la farina sia totalmente integrale può essere necessario aumentare il quantitativo di acqua.

In seguito, spruzzare l'impasto con un poco di acqua, coprirlo con un panno e lasciarlo riposare per una o due ore quindi lavorarlo nuovamente e dividerlo in parti uguali della dimensione di una piccola pesca o anche meno.

Con un mattarello spianare ogni pallina su di un ripiano leggermente cosparso di farina fino a ridurla ad un disco sottile di circa dodici centimetri di diametro, se possibile con le estremità leggermente più sottili del centro.

Cottura

Riscaldare una padella dal fondo spesso o una piastra di ghisa fino a quando non risulta molto calda e porvi direttamente il disco. Cuocere da 30 secondi a tre minuti per lato, a seconda dello spessore dell'impasto, fino a quando assumerà una colorazione leggermente brunita e compariranno piccole bolle.

Usando delle pinze da cucina tenere il chapati direttamente sopra la fiamma del fornello - pochi secondi per lato - fino a quando non si gonfia un poco. Per terminare spennellare con olio o ghee.

Per mantenere caldo il chapati mentre tutti i dischi cuociono si suggerisce di avvolgere quelli già pronti in un telo pulito. Si consiglia di servire immediatamente.

di redazione yoga.it

Segnala l'articolo

La pagina di segnalazione si aprirà in una nuova finestra del browser

Segnala su Upnews Posta su Segnalo Segnala su OKnotizie Segnala su diggita.it Segnala su Wikio Segnala su Stumbleupon Segnala su del.icio.us Segnala su Facebook Segnala su digg

Versione per la stampa

Articoli correlati:

Il ghee

Ti è piaciuto l'articolo? Abbonati al nostro feed per ricevere gli articoli direttamente sul tuo computer.

Non sai cos'è un feed? guarda il video di spiegazione!

le ricette

Bibliografia


l'archivio

Gli articoli correlati:

Il ghee


l'archivio

Gli articoli più letti della sezione alimentazione:

A proposito di digiuni

Yoga e alimentazione

Alimentazione yogica

Perchè vegetariani

Il tofu

Il chapati

Tutti gli articoli della sezione alimentazione:

elenco articoli