yoga e arte

il significato, le tecniche
Avatar utente
fabio
moderatore
Messaggi: 3066
Iscritto il: 24 marzo 2006, 11:35

Messaggioda fabio » 31 maggio 2013, 11:34

gb ha scritto:
Thot ha scritto:
gb ha scritto:Solamente quando le modificazioni della mente sono cessate, il senso di attaccamento ed identificazione con il mondo è svanito e la mente stessa è libera dal gioco dei tre guna si può pervenire alla realizzazione, o stato di kaivalya.


Abbiamo detto che mediante la concentrazione si superano le modificazioni mentali a far si che non si innalzino al di sopra della coscienza.
Voglio sapere una cosa: se nel modo citato, e citato da luce oscura, mediante la concentrazione costante, si perviene alla realizzazione, o stato di kaivalya, questo vuol dire che un essere realizzato continua ad esistere e la sua coscienza non si dissolve, perché la sua coscienza vige ancora. O no? Se anche la sua coscienza si dissolvesse, come si spiega che delle anime già liberate decidono di rinascere? Sarebbe impossibile in assenza di una coscienza, la quale solo lei può decidere se rinascere. Essere illuminati, sia prima che dopo la morte, significa continuare ad essere coscienti?


Ma, thot, io e te siamo realizzati? Io no di sicuro. Abbiamo conosciuto anime giá liberate che sono rinate? Boh? Per quanto mi riguarda non ne ho idea. Siamo illuminati prima o dopo la morte? Io no di certo, almeno al momento.
Quindi, di che stiamo a parlá?

La mia domanda a quest'ora é se iniziare con il saluto al sole o con la rishikesh, stamattina.


Tutta la vita saluto al sole :D
IL GRANDE CONTROLLORE

Ventus
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 402
Iscritto il: 9 gennaio 2010, 17:34

Messaggioda Ventus » 31 maggio 2013, 12:15

Gb ha ragione. La curiosità dovrebbe sempre diventare studio e pratica, vita quotidiana. Allora i pezzi iniziano a ruotare uno intorno all’altro, sfumandosi/rapprendendosi/ricollocandosi e risfumandosi, e quella è la pratica e la vita (forse per questo un altro maestro diceva “io sono Via, Verità e Vita”, che è esattamente dove portano Patanjali, lo Zen e la Filosofia, se ho compreso bene).

Venendo dallo Jnana Yoga e richiamando quello che ho capito da Yoga, Zen, Dzogchen e Filosofia, credo di poter dire così.
Potremmo dire che “chi agisce” è sempre e solo la luce col suo nulla intorno (vogliamo chiamarla la “sostanza dei dharma”?), quindi noi tutti siamo già illuminati, dal microbo alla balena. Però noi che stiamo parlando e ci poniamo questo problema non siamo ancora “solo” illuminati ma siamo anche confusi da attaccamenti (grumi di luce) a cose (altri grumi di luce).

“Essere illuminati” in senso stretto (tanto che si parla anche di “tutto in un punto”), per quello che ho capito, dovrebbe essere un “darsi da fare”, con la consapevolezza di scaturire dal nulla.
Ma attenzione, non dal niente, ma dal “nulla di”, dal “nulla di ciò che posso capire”, quindi dal “nulla di” me. Situazione che in termini yoga, con Patanjali IV, 29 potremmo chiamare flusso di dharma, ossia Dharma Meghah Samadhi, nuvola o pioggia o effervescenza di dharma (Patanjali non aveva mai visto l’aspirina effervescente e creava le metafore che poteva col suo mondo). Ma poi anche quel “me” si rivelerà essere esattamente come il resto, come i dharma: uno scaturire dal “nulla di” .

Se potessimo vedere tutto ciò “da fuori” potremmo dire che c’è un Oltremondo che emana pioggia di dharma (ma noi non possiamo mai vedere tutto ciò da fuori, non è nell’esperienza). E in termini cristiani potremmo dire “essere polvere che però agisce, alimentata dall’alto”, dalla Grazia o dal Corpo di Cristo, che infatti il sacerdote porge ai fedeli…, raggio di luce fattasi corpo/carne).

Magari allietati, a volte più e a volte meno, da estasi di consapevolezza universale: stessità “me-nulla di me”, ossia stessità “me-mondo”. Ovvero, ma questa volta in verticale, stessità tra la polvere che sono e la goccia di Luce che mi crea/disegna insieme al mondo che vedo. In tal caso, tenendo presente che là in fondo forse non ci sono più/ancora segni e quindi il discorso fatto qua da me diventa “metafisico”. (Ma attenzione che tutto è metafisico, e ogni gesto o parola è già trascendenza).

Poi ci sono diversi livelli di illuminazione: dalla ignoranza che purtuttavia vive senza sapere e capire niente, fino al completo scioglimento nella differenza-differire-Luce in corsa (“amore”-“corpo e sacrificio”-“grazia”-“luce”).
La pratica, nelle grotte come dietro alle porte di “clausura” dei contemplativi, nello Jnana yoga come in tutti gli altri yoga, lo zen e la filosofia, da Patanjali, Tilopa, Maitripa, Dogen e Husserl, Heidegger e Sini guarda, attraverso l’esperienza, a questo livello fondamentale e originario. E dalla notte dei tempi cerca di farlo capire in tutti i modi.

(Grazie infinite a chi ha messo, in questi ultimi giorni, il link allo Yogasutra commentato da Vyasa. Avevo letto tante volte il mio vecchio Yogasutra ma non avevo mai fatto sufficientemente caso a questa immagine della nuvola o pioggia di dharma, che Taimni non mette nella traduzione del sutra, dove lascia l’originale Dharma Megah Samadhi, ma mette solo nel commento [“nuvola che piove virtù o merito”], e con buone ragioni. Però è una immagine che rende ancora più stringente ed evidentissimo il legame tra Yoga, Zen e Filosofia).

gaialivia
sudra
sudra
Messaggi: 25
Iscritto il: 21 febbraio 2013, 14:57
Località: Roma

Re: yoga e arte

Messaggioda gaialivia » 28 aprile 2015, 13:25

lo yoga è la si n f o nia delcorpo che si c onc orda c o n il creato e s i basa s ulla naturalezza dei gesti i n cui i n ostri ta le n ti c he c re de v a m o s opiti diventanole noste r i s orse più pro f o n de pre n d o no v ita diventando te neri e veri

Avatar utente
BabaJaga
brahmana
brahmana
Messaggi: 527
Iscritto il: 18 novembre 2014, 10:37
Località: Selva Nera

Re: yoga e arte

Messaggioda BabaJaga » 29 aprile 2015, 11:03

Qualsiasi metodo o pratica-e sottolineo qualsiasi-che agevoli lo stato di rilassamento, apre la mente alla creatività e al mondo immaginale.
Non è la pratica psicofisica che determina l' acuirsi della creatività ma lo stato di rilassamento.
CI SONO COSE CHE SI DICONO SOLO ALL'UNIVERSO...

Avatar utente
BabaJaga
brahmana
brahmana
Messaggi: 527
Iscritto il: 18 novembre 2014, 10:37
Località: Selva Nera

Re: yoga e arte

Messaggioda BabaJaga » 29 aprile 2015, 11:12

Io faccio arte in varie forme, soprattutto mi diverto a creare creature spettrali con rami secchi e muffe e bacche rosse come occhi ( land art) attorno alla mia casa nella foresta,per poi dar vita di notte, per il piacere delle creature del bosco, a storie horror...ma ognuno ha la sua forma d' arte.


Il desiderio di fare arte nella mia vita è scaturito in parallelo alla pratica della meditazione: prima scrivevo poesie ( horror), poi ho iniziato a lavorare la cartapesta, creando enormi volti horror di streghe e orchi per il teatro noir e underground, poi ho cominciato a dipingere, scolpire, fare ceramica ( ceramica horror) e infine,
land art.
Vivendo nella foresta, è quella a me più "vicina", anche perchè se le mie opere fatte di rami secchi, non le vuole nessuno, le uso nel camino.
Fanno sempre una bella fiammata!
CI SONO COSE CHE SI DICONO SOLO ALL'UNIVERSO...

gaialivia
sudra
sudra
Messaggi: 25
Iscritto il: 21 febbraio 2013, 14:57
Località: Roma

Re: yoga e arte

Messaggioda gaialivia » 13 luglio 2015, 10:31

yoga ri costruzione d i sé per chè c i f i c o s trui s c e a n c h e n a v i g a n d o s u s e n tieri to r tuo si m a n e c essa ri per r i g e nera rsi a v e n d o i l c or a ggio e m oti v o d e ll a f e d e e d e lla te nerezz a v er s o g li a ltri e v er so s e s tessi p ro prio per e v ol v ersi

gaialivia
sudra
sudra
Messaggi: 25
Iscritto il: 21 febbraio 2013, 14:57
Località: Roma

Re: yoga e arte

Messaggioda gaialivia » 9 maggio 2018, 12:50

lo yo ga è la s i n f o n ia de g li e le m n ti v e n to a r ia a qua e f uo c o c h e s pi g io n a d a lle n o s tre nm a n i d a t utto il c orpo c re a n d o la d a n z a u n i v ersa le f a tta d i s o n i c olori e odori c re a n d o m o v i m e n ti se n z a f i n e c o n se n te n d o a l c orpo s ottile d i rin a s c ere n ella li b ertà d e lla c reaz io n e es pos i v a s e n z a li m iti n è d i obb lig h i pre c os tituiti s e n z a m o v i m e n ti m e cc a n ic i s e nza a n i m a e se n z a s toria

gaialivia
sudra
sudra
Messaggi: 25
Iscritto il: 21 febbraio 2013, 14:57
Località: Roma

Re: yoga e arte

Messaggioda gaialivia » 31 agosto 2018, 13:03

i s i m b oli u n i v ersali a v o lte la v ita c i a ppa re c o m e g ri gia s q ua lli da e c o n po c o s i g n i f i c a to m a n o n è c os i s e a s c oltia m o a tte n ta m e n te la n o s tra v i b ra z io n e i n teriore e i s uoi s e g n a li tra nquilli n o n o ccore m e d ita re a lu n g o b i s o g n a s olo s ta re f er m i re s pira re a s c olta re e s tu d ia re o se m pli ce m en te i m pe g n a rs i essere c uriosi e d e cc o c he i v e n ti c is v ela n o u n n uo v o c a mm i n o c he la n os tra m e n te or d i n a ria ne a n c he a v va c o n te m p .lato

narayani
sudra
sudra
Messaggi: 8
Iscritto il: 22 luglio 2018, 16:45

Re: yoga e arte

Messaggioda narayani » 31 agosto 2018, 23:54

Molto interessante l'argomento.

Sono insegnante di Yoga e ho creato, insieme a una collega, proprio un canale Youtube chiamato Yoga Arte:
https://www.youtube.com/channel/UC9DaDk ... SQHlzhxFvw
Secondo me nella pratica di Yoga è possibile avere una idea di una forma, e poi si trasmette questa idea al corpo fisico: è come plasmare una scultura.

Narayani

gaialivia
sudra
sudra
Messaggi: 25
Iscritto il: 21 febbraio 2013, 14:57
Località: Roma

Re: yoga e arte

Messaggioda gaialivia » 12 settembre 2018, 12:01

m olto i nteressa n te a ggior na m i io i n s ie m e a lla m ia i n seg n a n te fa cc ia m o pa rte d i u n m o v i m e n to c h ia m a to yo ga a cc essib ile www.yo ga a ccessi b ile,org d is po n i b ile a n c he n e lla v ersione ameri ca n a

gaialivia
sudra
sudra
Messaggi: 25
Iscritto il: 21 febbraio 2013, 14:57
Località: Roma

Re: yoga e arte

Messaggioda gaialivia » 12 settembre 2018, 12:02

m olto i nteressa n te a ggior na m i io i n s ie m e a lla m ia i n seg n a n te fa cc ia m o pa rte d i u n m o v i m e n to c h ia m a to yo ga a cc essib ile http://www.yo ga a ccessi b ile,org d is po n i b ile a n c he n e lla v ersione ameri ca n a se v uoi ti aggior n o do m a n i

narayani
sudra
sudra
Messaggi: 8
Iscritto il: 22 luglio 2018, 16:45

Re: yoga e arte

Messaggioda narayani » 12 settembre 2018, 22:51

Non riesco ad aprire il sito
Puoi scrivere ancora una volta l indirizzo completo?

Anne-Michele
paria
paria
Messaggi: 3
Iscritto il: 13 settembre 2018, 19:29

Re: yoga e arte

Messaggioda Anne-Michele » 13 settembre 2018, 19:52

Il link ha ben funzionato sul mio computer...
https://www.youtube.com/channel/UC9DaDk ... SQHlzhxFvw
In Italia penso che abbiamo una particolare sensibilità per l'arte,... Si vede nelle opere del rinascimento, nell'architettura , nell'arte del tavolo ed anche nell'arte della comunicazione ?!?!? ...
Quando ho fatto la mia prima esperienza con lo yoga e in particolare con la Nuova Volontà Yoga, ho ricevuto una prima risposta a una mia domanda,...
Come fare del movimento non solo un prestazione fisica però anche un'espressione dell'anima?
L'arte non sarebbe un 'espressione nella prestazione agile del movimento?

gaialivia
sudra
sudra
Messaggi: 25
Iscritto il: 21 febbraio 2013, 14:57
Località: Roma

Re: yoga e arte

Messaggioda gaialivia » 14 settembre 2018, 11:52

dipen de o g n u n o de v e s e n tire il m o v i m e n to e i s uoi v e n ti

Avatar utente
BabaJaga
brahmana
brahmana
Messaggi: 527
Iscritto il: 18 novembre 2014, 10:37
Località: Selva Nera

Re: yoga e arte

Messaggioda BabaJaga » 14 settembre 2018, 14:28

Cercare la bellezza e creare Bellezza, è fondamentalmente un valore transpersonale,
che riguarda la vita tutta.
Tutti gli aspetti della vita sono, in fondo, arte.
L'espressione kalokagathìa (in greco antico: καλοκαγαθία) indica nella cultura greca del V secolo a.C. l'ideale di perfezione fisica e morale dell'uomo.
Per Platone quello della kalokagathia è un ideale:
«Chi si dedica alla ricerca scientifica o a qualche altra intensa attività intellettuale, bisogna che anche al corpo dia il suo movimento, praticando la ginnastica, mentre chi si dedica con cura a plasmare il corpo, bisogna che fornisca in compenso all'anima i suoi movimenti, ricorrendo alla musica e a tutto ciò che riguarda la filosofia, se vuole essere definito, giustamente e a buon diritto, sia bello sia buono[5].»

La kalokagathia quindi deve essere l'oggetto dell'educazione dell'uomo eccellente[6]:

«Tutte le qualità buone e belle devono essere tenute in esercizio e la saggezza non meno delle altre[7].»

La kalokagathia dunque rappresenta la concezione greca del bene connessa all'azione dell'uomo e si sostiene quindi che vi sia una complementarità tra "bello" e "buono"[8]: ciò che è bello non può non essere buono e ciò che è buono è necessariamente bello.

Questo stesso principio del bello e buono viene riportato all'ordinamento del cosmo che con i suoi armonici movimenti astronomici e con la precisione dei rapporti matematici in esso nascosti, come avevano già messo in evidenza i pitagorici, funziona bene ed è quindi compiutamente perfetto (τέλειος, compiuto).


Però poi c'è anche un detto, assai efficace, della cultura popolare, che afferma che: "il meglio è nemico del bene".
Non lo spiego, è intuibile.
A me piace molto.


5.^ (EL) Platone, Timeo. Testo Greco a fronte, a cura di F. Fronterotta, Milano, BUR, 2003, p. 38
6.^ Werner Jaeger, Paideia. La formazione dell'uomo greco, traduzione di L. Emery e A. Setti, Milano, Bompiani, 2003.
7.^ Senofonte, Memorabili, 1.2.23
8^ Al contrario Socrate fu descritto dai suoi contemporanei, Platone, Senofonte e Aristofane, come fisicamente "brutto" (Platone, Simposio 215 B-C; Senofonte Simposio, IV,197; Aristofane, Le nuvole). In particolare, nel Simposio Platone lo accosta alla figura dei "Sileni", quegli esseri propri della cultura religiosa greca, a metà tra un demone e un animale, che formavano i cortei del dio dell'ebbrezza, Dioniso. Ma la "bruttezza" di Socrate cela, per mezzo di una maschera, la bellezza della sua anima:
«Alcibiade paragona Socrate a quei Sileni che nelle botteghe degli scultori servono da contenitori per le raffigurazioni degli dèi.

Così, l'aspetto esteriore di Socrate, l'apparenza quasi mostruosa, brutta, buffonesca, impudente, non è che una facciata, una maschera.»
(Pierre Hadot, Elogio di Socrate, Genova, Il melangolo, 1999, p.13, ISBN 978-8-87-018379-5)
CI SONO COSE CHE SI DICONO SOLO ALL'UNIVERSO...


Torna a “Mantra”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite