capogiri

tecniche di respirazione e controllo del prana
marika
sudra
sudra
Messaggi: 34
Iscritto il: 19 ottobre 2006, 14:34
Località: bologna

capogiri

Messaggioda marika » 20 novembre 2006, 9:54

Ciao a tutti,
è da circa due settimane che la mia insegnante a fine lezione ci fa fare degli esercizi di pranayama, seduti sui talloni per circa una quindicina di minuti..il mio problema sta nel fatto che quando termina l'esercizio ho una specie di giramento di testa, un senso di pesantezza allo stomaco e formicolii a tutto il corpo. Magari è normale, dato che è pochissimo che eseguo questi esercizi, ma mi fa un po' strano avere queste sensazioni, tutt'altro che piacevoli...

Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5561
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

Re: capogiri

Messaggioda Paolo proietti » 20 novembre 2006, 10:36

marika ha scritto:Ciao a tutti,
è da circa due settimane che la mia insegnante a fine lezione ci fa fare degli esercizi di pranayama, seduti sui talloni per circa una quindicina di minuti..il mio problema sta nel fatto che quando termina l'esercizio ho una specie di giramento di testa, un senso di pesantezza allo stomaco e formicolii a tutto il corpo. Magari è normale, dato che è pochissimo che eseguo questi esercizi, ma mi fa un po' strano avere queste sensazioni, tutt'altro che piacevoli...


che esercizi ti fa fare la tua insegnante?
la sensazione spiacevole è dovuta quasi sicuramente ad un problema posturale.
probabilmente hai il diaframma bloccato e tendi a dilatare troppo il torace e a contrarre il collo.
Controlla se hai dolori alla 11a dorsale(in piedi rilassa collo petto e spalle in avanti verso il basso, senza piegare le ginocchi: ltoccati la schiena.la vertebrra che sporge in fuori più delle altre è l'11a).
qualsiasi esercizio ti faccia fare la tua insegnante tieni presente che la inspirazione è sempre rilassata e che le spalle non devono mai sollevarsi.
nemmeno quando fai quell'esercizio che nel Kundalini chiamano "respiro di fuoco".
Se la situazione di disagio poi si collega a volte alla sudorazione,allora significa che è implicato il nervo vago.
ciò vuol dire che hai rallentato troppo la espirazione o, contraendo, hai ridotto la portata della inspirazione.
Questo produce un'eccesso di CO nei polmoni attivando un campanello d'allarme nel tuo cervello ( "carenza di ossigeno....carenza di ossigeno").
per avvertire l'organismo il cervello mette in atto una procedura d'urgenza che implica una serie di avvertimenti sotto forma di disagio fisico, nausea, mal di testa, sudorazione.
Quindi controlla la tua postura( in ginocchio il peso non deve cadere sui talloni, ma distribuito sullo stinco, per esempio) e controlla il tuo ritmo respiratorio9 naturale.
Il Manzo non Esiste

marika
sudra
sudra
Messaggi: 34
Iscritto il: 19 ottobre 2006, 14:34
Località: bologna

Messaggioda marika » 20 novembre 2006, 19:20

I nomi non li ricordo...è troppo poco che li sento. Ci ha fatto fare inspirazione in contemporanea addominale e toracica per poi espirare con un pausa tra le due. Negli esercizi da sdraiata non ho alcun problema ma da seduta sui talloni (probabilmente, anzi sicuramente non mantengo una corretta postura) ho la sensazione di cadere in avanti. Per la vertebra...non ho ben capito la sua posizione (ho provato anche a contarle ma mi risulta un po' difficile :wink: ) comnque, non so se è correlato, anche durante l'aratro, quando cerco di ritornare supina controllando la discesa, sento una fitta subito sotto la curva rientrante della spina dorsale, sopra il fondo schiena (perdona i miei termini decisamente poco tecnici!)...

Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5561
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

Messaggioda Paolo proietti » 21 novembre 2006, 16:39

marika ha scritto:I nomi non li ricordo...è troppo poco che li sento. Ci ha fatto fare inspirazione in contemporanea addominale e toracica per poi espirare con un pausa tra le due. Negli esercizi da sdraiata non ho alcun problema ma da seduta sui talloni (probabilmente, anzi sicuramente non mantengo una corretta postura) ho la sensazione di cadere in avanti. Per la vertebra...non ho ben capito la sua posizione (ho provato anche a contarle ma mi risulta un po' difficile :wink: ) comnque, non so se è correlato, anche durante l'aratro, quando cerco di ritornare supina controllando la discesa, sento una fitta subito sotto la curva rientrante della spina dorsale, sopra il fondo schiena (perdona i miei termini decisamente poco tecnici!)...


penso che sia proprio l'11 dorsale (la curva rientrante come la chiami tu è formata dalle 5 lombari più la dodicesima dorsale che di raccordo con la curva dorsale).
una cosa sulla respirazione: non esistono respirazione toracica,addominale e scapolare.
esiste solo la respirazione polmonare.
Dire respirazione addominale è un'escamotage per rilassare il diframma toracico, legato all'undicesima dorsale, appunto,e aumentare il controllo dei muscoli addominali.
prima di fare complessi esercizi di respirazione sarebbe meglio, secondo me, scoprire il proprio ritmo respuiratorio naturale.
nel caso di muscoli intercostali contratti e di diaframma bloccato,forzare la fase inspiratoria o l'apnea alta (quando trattieni il fiato come nell'esercizio che mi hai descritto si parla di apnea alta, quando siamo a polmoni vuoti senza inspirare si chiama apnea bassa) può essere deleterio.
prova ad abbracciare i fianchi incrociando le braccia,e a contare le respirazioni fino a 9,18,36...fino ad un massimo di 108., morbide e non forzate, concentrandoti sull'allargamento dei fianchi.
poi , sempre con dolcezza e senza forzare, abbracciati il torace, proprio sotto le ascelle, e conta di nuovo le respirazioni.
prenderai, col tempo, coscienza del movimento reale dei muscoli respiratori.
Tieni conto anche del fatto che i muscoli respiratori funzionano all'inverso di tanti altri muscoli volontari del corpo: in fase di quiete sono contratti!
Questo significa, visto che la respirazione consiste nel riempire e svuotare i polmoni di aria,che inspirando devi solo pensare a rilassare i muscoli, mai a contrarli.
Il Manzo non Esiste

devata
brahmana
brahmana
Messaggi: 784
Iscritto il: 25 gennaio 2006, 14:14
Località: Roma

Re: capogiri

Messaggioda devata » 22 novembre 2006, 3:26

marika ha scritto:Ciao a tutti,
è da circa due settimane che la mia insegnante a fine lezione ci fa fare degli esercizi di pranayama, seduti sui talloni per circa una quindicina di minuti..il mio problema sta nel fatto che quando termina l'esercizio ho una specie di giramento di testa, un senso di pesantezza allo stomaco e formicolii a tutto il corpo. Magari è normale, dato che è pochissimo che eseguo questi esercizi, ma mi fa un po' strano avere queste sensazioni, tutt'altro che piacevoli...


Ciao, da quanto tempo fai yoga?
Vedi come è stato già detto altrove il corpo e la struttura fisica devono essere pronti per la realizzazione del pranayama e i sintomi che hai elencato rientrano tra quelli che si hanno nel momento in cui i nadi non sono ancora pronti per assumere la grande quantità di prana che si immette attraverso la respirazione yogica completa.
Io ti consiglio di andarci cauta e di lavorare maggiormente con le posture.
ciao
"Sii umile come un filo d'erba e paziente e capace di sopportare come un albero"


Torna a “Pranayama”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite