Pranayama da autodidatta: èpossibile?

tecniche di respirazione e controllo del prana
ragnog
sudra
sudra
Messaggi: 18
Iscritto il: 2 agosto 2006, 10:45

Pranayama da autodidatta: èpossibile?

Messaggioda ragnog » 29 agosto 2006, 15:26

Salve a tutti,

Utilizzo questo forum per chiedere un consiglio a tutte le persone competenti che come ho potuto constatare ne fanno uso.

Pratico hatha yoga da circa poco più di un anno e mezzo.
Inizialmente in un centro yoga (per poco tempo: circa 2 mesi) poi studiando e praticando da autodidatta attraverso le oper di Van Lysebeth (le posseggo tutte).

La mia pratica fino ad adesso è costituita in una seduta (quasi giornaliera) di asana di circa 1 ora e 20 minuti (rilassamento compreso) basata sulla serie rishikeh (con alcune variazioni seguita) da uddijana bandha.

A questo aggiungo alla sera quando possibile una seduta di respirazioni complete in varijasana e alcune volte un po' di meditazione come descritta nel libro "Perfeziono lo Yoga" di Van Lysebeth, che qualcuno conoscerà.

Da qualche tempo il mio corpo mi sta come "trascinando" nello yoga.
Sento il bisogno di praticarlo e ne apprezzo i riflessi fisiologici e psicologici.

Ultimamente è come se il mio corpo avesse bisogno di "respirare" meglio.
Mi spiego.
Comincio a capire le potenzialità del pranayama e le respirazioni complete non mi bastano più.
"Sento" anche se non so spiegare come che c'è qualcos'altro e che sono solo all'inizio.

Ho pensato di iscrivermi ad un centro yoga ma vorrei non smettere la pratica di altre attività fisiche a cui mi dedico.

La domanda che quindi vi rivolgo e per la quale chiedo aiuto è la seguente:
è possibile apprendere le tecniche di paranayama in modo corretto e non pericoloso da autodidatta attraverso un testo (per altro piuttosto "imponente") come "Pranayama" di Van Lysebeth?


Con la pratica delle asana ho apprezzato la qualità dei testi dell'autore, ma mi spaventa un po' dedicarmi al pranayama.

Inoltre quanto tempo occupa una seduta?
Sono sufficienti 20 minuti - mezz'ora al giorno per una pratica iniziale?

Vi ringrazio anticipatamente per tutti i consigli che sarete in grado di fornirmi.
Spero che qualcuno, magari con molta esperienza e competenza sull'argomento, sappia aiutarmi.

devata
brahmana
brahmana
Messaggi: 784
Iscritto il: 25 gennaio 2006, 14:14
Località: Roma

Messaggioda devata » 30 agosto 2006, 10:28

è possibile apprendere le tecniche di paranayama in modo corretto e non pericoloso da autodidatta attraverso un testo (per altro piuttosto "imponente") come "Pranayama" di Van Lysebeth?

Con la pratica delle asana ho apprezzato la qualità dei testi dell'autore, ma mi spaventa un po' dedicarmi al pranayama.

Inoltre quanto tempo occupa una seduta?
Sono sufficienti 20 minuti - mezz'ora al giorno per una pratica iniziale?


Ciao io ti consiglio di rivolgerti a qualcuno competente perchè è il modo migliore per apprendere correttamente le tecniche di respirazione.
Se infatti leggendo un libro puoi ottenere la conoscenza riguardo a una tecnica non hai però chi può rispondere alle domande o ai dubbi che possono sorgerti.
Per la durata poi dipende da diversi fattori ma considera che il pranayama è bene realizzarlo dopo aver lavorato con le asana e non realizzarlo come pratica a parte.
Ciao
"Sii umile come un filo d'erba e paziente e capace di sopportare come un albero"


Torna a “Pranayama”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron