Prasarita padottanasana

discussioni specifiche sulle posizioni
Phaedra
paria
paria
Messaggi: 1
Iscritto il: 13 aprile 2017, 21:30

Prasarita padottanasana

Messaggioda Phaedra » 13 aprile 2017, 21:37

Ciao a tutti, sono silvia e pratico ashtanga yoga da agosto 2016 e sono molto contenta di come sono migliorata in forza, flessibilita' ed equilibrii ma avrei una domanda: mentre riesco molto bene a piegarmi con le gambe unite sia in piedi sia da seduta, mi trovo in difficolta' nelle tre posizioni in piedi con le gambe divaricate..non riesco assolutamente a toccare con la testa per terra e anzi mi sento tirare moltissimo l'interno cosce. Ora sono consapevole che ci voglia tempo ecc ecc ma avete qualche esercizio da consigliarmi per facilitare queste posizioni tenendo presente che con le gambe unite riesco tranquillamente a sdraiarmi sulle cosce senza avvertire nessuna tensione? Molte grazie

Avatar utente
yoginieli
sudra
sudra
Messaggi: 12
Iscritto il: 16 giugno 2017, 9:10

Re: Prasarita padottanasana

Messaggioda yoginieli » 16 giugno 2017, 11:17

Ciao, sono nuova del forum e ho letto il tuo messaggio. Io ti posso dire come svolgo la posizione su indicazione della mia insegnante: non mi fa appoggiare la testa per terra, forse perchè vuole porre attenzione su come farci eseguire la posizione nel modo più corretto possibile riguardo all'allineamento prima di farci fare la posizione finale con la flessibilità massima possibile. E' infatti comune la tentazione di raggiungere subito la posizione estrema cercando il punto di contatto a terra con la testa. Lei invece ci consiglia di diminuire la distanza di apertura delle gambe se la testa tocca il pavimento (presumo perchè per soddisfare la tentazione di cui sopra, molti, distanziano eccessivamente e non correttamente le gambe proprio per raggiungere come fine principale la testa a terra).
in ashtanga se non sbaglio, la stessa versione di prasarita si può svolgere in più varianti (A B C D) rimanendo per cinque respiri; non so se è prevista la variante per chi è meno flessibile.
"..È fondamentale imparare a godere il “qui ed ora”, senza preoccuparsi per ciò che è già successo o potrebbe succedere, e invece immergerci e gioire vivendo pienamente l’eterno presente..." I.Devi


Torna a “Asana”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite