(DIARIO)TADASANA

discussioni specifiche sulle posizioni
francescofrancesco
paria
paria
Messaggi: 1
Iscritto il: 16 febbraio 2016, 14:09

(DIARIO)TADASANA

Messaggioda francescofrancesco » 16 febbraio 2016, 14:45

Salve gente,e' da un Po che leggo questo forum senza però partecipare attivamente.Vorrei iniziare a praticare le Asana da autodidatta,procedendo molto lentamente in maniera tale da poter conoscere meglio il mio corpo e registrare via via le impressioni e i miglioramenti.
Scriverò quindi le difficoltà che incontrò,i miglioramenti che noto e così via per poter avere uno scambio di opinioni con la gente più esperta e magari creare un Po di materiale per ragazzi che come me che vogliono iniziare.
iniziò con la prima Asana(facendo riferimento a un libro di yoga):tadasana
Scriverò le varie fasi della posizione e le mie domande:
1stare in piedi a piedi uniti con i talloni e gli al luci che si toccano l uno con l altro.Allungare bene le basi delle dita dei piedi per terra e stirare tutte le dita sul pavimento.(fin qui tutto chiaro)
2stirare le ginocchia e tirare in alto le rotule (qui non ho capito se bisogna contrarre i quadricipiti inmodo da far alzare le rotule),contrarre le anche e tendere i muscoli che sono dietro le cosce (in poche parole bisogna contrarre quadricipiti,bicipiti femorali e quindi di conseguenza anche i glutei?)
3tenere in dentro lo stomaco (in maniera naturale o volontariamente?)il torace aperto,la colonna vertebrale allungata e il collo dritto.
4distribuire il peso del corpo su tutta la pianta di entrambi i piedi
5tenere le braccia di lato alle cosce
Altre domande:
1le ginocchia bisogna averle leggermente f lesse?
Oppure bisogna spingerlo all indietro?
2per quanto bisogna mantenere la posizione?

Avatar utente
fabio
moderatore
Messaggi: 3051
Iscritto il: 24 marzo 2006, 11:35

Re: (DIARIO)TADASANA

Messaggioda fabio » 16 febbraio 2016, 17:23

Ciao, premetto che non sono un insegnante.

1stare in piedi a piedi uniti con i talloni e gli al luci che si toccano l uno con l altro.Allungare bene le basi delle dita dei piedi per terra e stirare tutte le dita sul pavimento.(fin qui tutto chiaro)


Personalmente trovo aiuto anche nel sentirmi radicato (letteralmente) a terra. Le piante dei piedi è come se si allargassero, come se potessi respirare dal centro delle piante dei piedi

2stirare le ginocchia e tirare in alto le rotule (qui non ho capito se bisogna contrarre i quadricipiti inmodo da far alzare le rotule),contrarre le anche e tendere i muscoli che sono dietro le cosce (in poche parole bisogna contrarre quadricipiti,bicipiti femorali e quindi di conseguenza anche i glutei?)


Su questo non ti posso essere di grande aiuto, per me la posizione da tenere è quella che mi aiuta a mantere la posizione il più a lungo possibile con il minore sforzo (e quindi con più piacere). Le contrazioni muscorali ci sono, ma il giusto per non cadere in terra…

3tenere in dentro lo stomaco (in maniera naturale o volontariamente?)il torace aperto,la colonna vertebrale allungata e il collo dritto.


La colonna vertebrale e il collo mi trovano concorde (sempre in maniera delicata e mai rigida), riguardo il ventre io durante l’esecuzione tendo a rilassarlo completamente, formando quella pancia antiestetica ma chi se ne importa…

4distribuire il peso del corpo su tutta la pianta di entrambi i piedi
5tenere le braccia di lato alle cosce


Prima di andare in Tadasana passo dall’alzare completamente le braccia al cielo, per poi riporle delicatamente lungo i fianchi. La sensazione è che le braccia siano un collegamento col cielo, i piedi con la terra. Trovata questa sensazione cerco di portarla in tadasana classica.

Altre domande:
1le ginocchia bisogna averle leggermente f lesse?
Oppure bisogna spingerlo all indietro?
2per quanto bisogna mantenere la posizione?


Riguardo le ginocchia non saprei davvero, la posizione poi non ha un tempo. Dipende da te. Se vuoi davvero partire da autodidatta comincia col concederti il tempo che vuoi, in totale libertà, e a lavorare anche con l’allungamento dei tempi di inspiro ed espiro nella posizione.

E’ un luogo tuo la pratica, sacralizzalo e portalo dentro te.
IL GRANDE CONTROLLORE

Avatar utente
rogiopad
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 323
Iscritto il: 26 maggio 2008, 23:30
Località: La Salle (AO)

Re: (DIARIO)TADASANA

Messaggioda rogiopad » 20 febbraio 2016, 18:57

Ciao Francesco, c'è una lunga serie di errori! Che puoi dipanarli quando ti concederai i almeno un po' di lezioni! All'inizio è troppo importante essere seguiti!! Buon viaggio!
"Non ci sono estranei qui ma solo amici che non abbiamo ancora incontrato"

tamerlano
vaisya
vaisya
Messaggi: 77
Iscritto il: 9 dicembre 2015, 13:07

Re: (DIARIO)TADASANA

Messaggioda tamerlano » 21 febbraio 2016, 13:08

rogiopad ha scritto:Ciao Francesco, c'è una lunga serie di errori! Che puoi dipanarli quando ti concederai i almeno un po' di lezioni! All'inizio è troppo importante essere seguiti!! Buon viaggio!


Quali errori? ha citato pagina 58 di "teoria e pratica dello yoga"... quali errori
avrebbe fatto Iyengar di grazia :D

Avatar utente
rogiopad
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 323
Iscritto il: 26 maggio 2008, 23:30
Località: La Salle (AO)

Re: (DIARIO)TADASANA

Messaggioda rogiopad » 23 febbraio 2016, 19:28

Da come pratichi, Fabio, hai un buon modo di approcciare l'asana! Comunque, tadasana è la montagna e il praticante "deve" sentirsi montagna :forte stabile, non c'è vento che la faccia cadere. Se i piedi sono uniti (per non parlare di chi avesse le ginocchia "vare"), le ginocchia tese e l'addome contratto basterebbe una piccola spinta per far cadere il praticante. La montagna ha le pendici larghe!
Si parte dai piedi appoggiati a terra come fossero gocce d'olio che si" spalmano "distanti tra loro in modo che il secondo dito sia in asse ad ogni cresta iliaca, le ginocchia" morbide" (lascio perdere le rotule), il bacino in leggera retroversione (la proiezione del coccige cade tra i talloni. Ascolta le piante dei piedi, il dx e il sx hanno la stessa pressione a terra, se poniamo, peso 60kl,30 sull'avampiede e 30 sui talloni. Tutto il busto è eretto, do una leggera apertura alle spalle, le braccia sono letteralmente "appese", la testa "impilata" in maniera neutra (l'apice della testa /7°chakra in asse con il primo chakra /perineo). Poi, magari di lato ad uno specchio, orecchio-spalla-testa femore-caviglia, sono sullo stesso asse. A questo punto ricontrolla l'appoggio equilibrato sui piedi. Se sembra di aver fatto tutto, rilassa i glutei e in minima parte i quadricipedi, chiudi gli occhi e sentirai pulsare le mani con la sensazione come se si gonfiassero. Se uno ti spingesse tu ondeggerai solamente etornerai stabile come "una montagna" - Sentirai i piedi come sprofondare " nella terra..... Ora sei in Tadasana!!!
"Non ci sono estranei qui ma solo amici che non abbiamo ancora incontrato"

Guido B
paria
paria
Messaggi: 2
Iscritto il: 23 febbraio 2016, 12:12

Re: (DIARIO)TADASANA

Messaggioda Guido B » 24 febbraio 2016, 14:10

tamerlano ha scritto:
rogiopad ha scritto:Ciao Francesco, c'è una lunga serie di errori! Che puoi dipanarli quando ti concederai i almeno un po' di lezioni! All'inizio è troppo importante essere seguiti!! Buon viaggio!


Quali errori? ha citato pagina 58 di "teoria e pratica dello yoga"... quali errori
avrebbe fatto Iyengar di grazia :D


Probabilmente ha fatto l'errore di dare indicazioni generali sull'allineamento delle asana.
In fondo le asana non hanno allineamento, sono i praticante che si "allineano"a loro modo, a secondo della struttura fisica.

tamerlano
vaisya
vaisya
Messaggi: 77
Iscritto il: 9 dicembre 2015, 13:07

Re: (DIARIO)TADASANA

Messaggioda tamerlano » 24 febbraio 2016, 18:57

Guido B ha scritto:
tamerlano ha scritto:
rogiopad ha scritto:Ciao Francesco, c'è una lunga serie di errori! Che puoi dipanarli quando ti concederai i almeno un po' di lezioni! All'inizio è troppo importante essere seguiti!! Buon viaggio!


Quali errori? ha citato pagina 58 di "teoria e pratica dello yoga"... quali errori
avrebbe fatto Iyengar di grazia :D


Probabilmente ha fatto l'errore di dare indicazioni generali sull'allineamento delle asana.
In fondo le asana non hanno allineamento, sono i praticante che si "allineano"a loro modo, a secondo della struttura fisica.


Il punto è che le tensioni suggerite dal Maestro hanno un senso posturale, quando parla di stirare le ginocchia, tirare in alto le rotule , contrarre le anche e tendere i muscoli che sono dietro le cosce sta facendo in modo che il lettore/allievo attivi,ad esempio, lo psoas, e contemporaneamente evitare grosse compensazioni. Tutta l'asana è descritta in maniera perfetta e ci vorrebbero 5 pagine per spiegare il perché di certe raccomandazione (o una laurea ...) , non bisognerebbe neanche sottolinearlo.
Fa invece sorridere questa litania del "prima vai da un maestro altrimenti ...", che poi de facto riempie di PRE -GIUDIZI (in senso letterale) non facendo fermare a leggere un testo e bollandolo subito come pieno di errori :D

Avatar utente
jasmin
moderatore
Messaggi: 1366
Iscritto il: 25 aprile 2010, 15:19
Località: Catania

Re: (DIARIO)TADASANA

Messaggioda jasmin » 25 febbraio 2016, 11:52

tamerlano ha scritto:
Guido B ha scritto:
tamerlano ha scritto:
Quali errori? ha citato pagina 58 di "teoria e pratica dello yoga"... quali errori
avrebbe fatto Iyengar di grazia :D


Probabilmente ha fatto l'errore di dare indicazioni generali sull'allineamento delle asana.
In fondo le asana non hanno allineamento, sono i praticante che si "allineano"a loro modo, a secondo della struttura fisica.


Il punto è che le tensioni suggerite dal Maestro hanno un senso posturale, quando parla di stirare le ginocchia, tirare in alto le rotule , contrarre le anche e tendere i muscoli che sono dietro le cosce sta facendo in modo che il lettore/allievo attivi,ad esempio, lo psoas, e contemporaneamente evitare grosse compensazioni. Tutta l'asana è descritta in maniera perfetta e ci vorrebbero 5 pagine per spiegare il perché di certe raccomandazione (o una laurea ...) , non bisognerebbe neanche sottolinearlo.
Fa invece sorridere questa litania del "prima vai da un maestro altrimenti ...", che poi de facto riempie di PRE -GIUDIZI (in senso letterale) non facendo fermare a leggere un testo e bollandolo subito come pieno di errori :D


ciao Tamerlano, innanzi tutto complimenti per aver dedotto dall'accenno a "un libro di yoga" fatto da Francesco che si trattasse di un libro di Iyengar citando addirittura la pagina, questo significa che studi e la materia ti appassiona.

A mio parere gli errori (che poi Ragiopad se e quando vuole potrà specificare) non erano riferiti al testo del maestro (d'altronde sfido chiunque a farlo) ma evidentemente agli errori del lettore/allievo. Fra l'altro Francesco stesso esprime nel suo scritto dubbi e perplessità dimostrando che il testo anche migliore a volte può essere non esauriente per chi avendo poca pratica con il proprio corpo si accinge ad apprendere.
Quindi in alcuni casi l'invito a farsi seguire, quanto meno all'inizio, da un insegnante è secondo me giustificato.
Poi ognuno ovviamente segue la sua strada.

Avatar utente
rogiopad
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 323
Iscritto il: 26 maggio 2008, 23:30
Località: La Salle (AO)

Re: (DIARIO)TADASANA

Messaggioda rogiopad » 25 febbraio 2016, 12:41

Sì Yasmin. Per eseguire, "entrare nell'asana, per" sentire ", occorrono almeno più di 3 minuti (altrimenti è uno stare in piedi e basta). Chi inizia, non può (a meno che abbia una innata capacità di ascolto corporeo, insegno da 16 anni e qualche centinaio di allievi che ho osservato ), fare a meno di un insegnante che lo aiuti a correggersi. Io faccio così!
"Non ci sono estranei qui ma solo amici che non abbiamo ancora incontrato"


Torna a “Asana”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti