[QUADERNI TECNICI] Baddha Konasana

discussioni specifiche sulle posizioni
ckstars
brahmana
brahmana
Messaggi: 1209
Iscritto il: 6 settembre 2005, 19:14
Contatta:

[QUADERNI TECNICI] Baddha Konasana

Messaggioda ckstars » 15 dicembre 2006, 11:01

BADDHA KONASANA

(Rev.A del 14.12.2006) a cura di Ckstars

IL NOME

- Baddha significa legato, tenuto, tenuto in maniera forzata, trattenuto
- Kona ha 2 significati: angolo e di etimologia piu’ incerta e discutibile aquila

Dunque in modo canonico possiamo tradurre posizione dell’ “Angolo Trattenuto” o “Angolo Forzato” o “Legato con forza”.

Oppure in modo molto meno noto, posizione dell’ “Aquila vincolata”

Poi siccome questa posizione veniva/viene mantenuta dai ciabattini indiani viene anche chiamata Posizione del Ciabattino.

Qual’e’ l’angolo di cui si parla ? Perche’ sarebbe trattenuto ? e da chi ?
Guardando chi pratica la posizione la risposta alla prima domanda sembra essere immediata: l’angolo non proprio secondo la natura umana e’ quello che ha per lati i femori che si contrappongono ed e’ di 180 gradi.
Eppure chi pratica la posizione “avverte” che non si parla soltanto di questo angolo: anche le tibie formano tra loro un angolo di 180 gradi mentre con i rispettivi femori tendono a formare un angolo piccolo, il piu’ piccolo possibile compatibilmente con l’ anatomia del corpo umano.
Ed ecco che dalla descrizione compaiono le altre due risposte: gli angoli vengono trattenuti/legati/forzati per donare spazio anzi per trovare uno spazio maggiore, il piu’ vasto possibile agli organi contenuti nel bacino laddove secondo molte teorie sarebbe presente una forza ancestrale che se messa in moto e’ in grado di cambiare il microcosmo ed il macrocosmo. Ed infatti le teste dei femori vengono tirate lateralmente e cosi’ anche il bacino viene disteso cosi’ il sangue ed il prana indefinibile ed indefinito possono essere richiamati vorticosamente in esso ed essere distribuiti nelle due arterie femorali e nelle nadi a sazieta’, di contro i piedi vengono premuti l’ uno contro l’altro.
Non esiste altra posizione “ginnica” capace di provocare simili effetti nel corpo umano mente umana non e’ stata capace nei secoli di partorire niente di simile.
Nella II variante il corpo viene disteso a terra in modo che l’ombelico poggi sopra i piedi e prima la fronte poi il naso infine il mento tocchino terra. In questa posizione appare chiara la seconda definizione: Aquila Vincolata, il corpo del Sadhaka visto dall’alto appare come quello di un’ aquila con i femori le ali e il busto il corpo.
Ma quella parola Vincolata che senso ha ?
Il ventre ed il torace distesi al suolo chiudono il cammino alla risalita dell’ Energia che viene accesa nel bacino e come una valvola permettono che solo una parte di essa possa risalire(…. se si e’ in grado di farlo !), per accendere il II chakra.
Da questa libera introduzione non ci sono piu’ dubbi: ci troviamo di fronte ad una posizione non solo FONDAMENTALE dello Yoga ma patrimonio di inestimabile valore per l’ intera umanita’.

POSIZIONI E MOVIMENTI PREPARATORI

Vale quanto detto per Padmasana: e’ importante fare mente locale sull’ allineamento delle proprie vertebre, dondolare con dolcezza la colonna vertebrale prima lateralmente quindi sinuosamente avanti ed indietro. Prima di iniziare se si avverte tensione al torace SOFFIARE via l’aria a piu’ riprese prima dalla bocca “ricaricando” i polmoni d’aria attraverso il naso molto molto lentamente, poi attraverso il naso. Facendo cio’ si avvertiranno le “spinte” del diafframma durante l’espulsione dell’aria.
Adesso ci sentiamo tranquilli e possiamo procedere a intraprendere la Via Baddha Konasana.

Ci troviamo sul nostro materassino, mettiamoci a sedere e uniamo i piedi in modo che la pianta combaci e le ginocchia libere nello spazio possano in un secondo momento scendere lateralmente al suolo. Piano piano raddriziamo la colonna vertebrale ed allunghiamo la zona cervicale, il mento e’ leggermente in basso.

Portiamo i talloni a contatto con il perineo, probabilmente le ginocchia si alzeranno ancor piu’ verso l’alto: non preoccupiamocene.

Portiamo le braccia dietro il bacino e parallele, le mani in contatto con il suolo sono posizionate in modo che il dito medio sinistro sia parallelo al dito medio della mano destra.

Con un leggero espiro solleviamo il bacino dal suolo di qualche MILLIMETRO, quindi dopo un tempo variabile tra 10 e 30 secondi riportiamo il bacino a terra. Mentre il corpo e’ sollevato da terra dobbiamo respirare profondamente e dolcemente. Durante questa pratica i punti del corpo a contatto del suolo sono dunque le mani ed il fianco esterno dei piedi.

Ripetiamo piu’ volte il sollevamento da terra.


TECNICA e CONSIGLI PER L’ESECUZIONE

I Variante
Dalla posizione preparatoria mantenendo la schiena nella posizione raggiunta, appoggiamo la mano sinistra sul ginocchio sinistro e la mano destra sul ginocchio destro, osserviamo l’ angolo al gomito di 90 gradi.

Facendo un leggero piegamento del tronco in avanti spostiamo un po’ di peso sulle ginocchia attraverso le mani. Attenzione: il peso dovra’ essere costante come intensita’ e nel tempo, come se sulle ginocchia avessimo appoggiato due pesi. Cio’ all’ inizio non e’ semplice, cerchiamo di equilibrare il peso respirando lentamente e restiamo estremamente consapevoli di cio’ che stiamo facendo, allentiamo le tensioni della muscolatura interno coscia. Per abituarsi alla sensazione possiamo anche posare su ciascun ginocchio un asciugamano piegato in 4 e sopra un disco da bilancere da 1 Kg.

Osserviamo cio’ che accade: le ginocchia dopo qualche minuto possono scendere verso il suolo lentamente oppure rimanere alla stessa altezza come se fossero inchiodate, se quest’ultima fosse la situazione meglio impegnare la Variante Preparatoria descritta piu’ sotto oppure eseguire alcuni cicli di Posizioni in piedi.

II Variante
Se l’angolo tra ciascun femore ed il suolo e’ inferiore a 30 gradi, possiamo impegnare la II Variante.
Manteniamo la schiena eretta, tutti i movimenti di avvicinamento al suolo da parte della faccia dovranno essere effettuati con la colonna dritta, la cerniera del movimento si trova nel bacino.

Agganciando le mani ai piedi, spingiamo i piedi verso il perineo cioe’ con una forza parallela al suolo. In questo modo la schiena sara’ facilitata nel mantenersi dritta.

Adesso e’ ancor piu’ il momento di affidare al respiro il compito di completare l’asana, se respirando verra’ allentata la tensione presente si potra’ procedere ulteriormente fino a raggiungere con l’addome i piedi e con il volto il suolo se invece la tensione rimarra’ presente nelle gambe e nel bacino ci dovremo accontentare dell’angolo di inclinazione raggiunto della schiena con il suolo. Dolcemente e lentamente incliniamo la schiena verso il suolo di un piccolo angolo appena si presentera’ tensione ci fermiamo ed intensifichiamo l’ espirazione e l’ inspirazioine lunga e raccordata al termine di ogni fase.

Dopo un certo periodo di lavoro che puo’ durare anche un tempo considerevole raggiungeremo con l’addome i talloni e con il volto il suolo. A questo punto rimarremo nella posizione per un certo periodo di tempo quindi sganciando le mani dai piedi poniamo le mani esterno coscia e chiudiamo dolcemente le gambe mediante l’azione delle braccia.

A questo vengono chiuse le gambe in un abbraccio e portati i gomiti al petto. Le ginocchia sono al torace, portiamo i piedi a qualche millimetro dal suolo: il peso del corpo si trova soltanto nella parte anteriore del bacino. Rimanere in questa posizione per qualche minuto quindi distendersi in Savasana.

III Variante
Differisce dalla II Variante per la posizione dei piedi: invece di portare la pianta dei piedi affacciata, si piegano alla caviglia i piedi che poggiano con il dorso al suolo, il volto vede la pianta dei piedi che toccano lungo il fianco esterno.

Variante preparatoria
Come la I variante la schiena pero’ e’ a contatto con una parete, poniamo su ciascun ginocchio un asciugamano asciutto piegato in 4 e sopra ciascun ginocchio un disco di ghisa da 1 – 2 Kg, allentiamo la tensione dalle braccia, spalle e collo e RESPIRIAMO profondamente, restiano nella posizione per una decina di minuti, ELIMINIAMO ogni resistenza dalle gambe, osserveremo che volta dopo volta le ginocchia scenderanno verso il suolo.

Parsva Baddha Konasana
Verra’ descritta nelle revisioni successive.

Supta Baddha Konasana
Verra’ descritta nelle revisioni successive.


CONTROINDICAZIONI, CONTROPOSIZIONI e POSIZIONAMENTO ENERGETICO di Baddha Konasana

La posizione non ha in linea teorica controindicazioni anche se dato il livello di intensita’ raggiunto nelle varianti piu’ complesse richiede la massima concentrazione sui propri atti respiratori da un lato e il piu’ alto rispetto delle possibilita’ attuali dei proprio corpo.
Matsyasana e Parsva Baddha Konasana sono tra le migliori controposizioni.
Baddha Konasana Variante II e’ in equilibrio Yin-Yang e nella Variante III debolmente Yin, cio’ significa che e’ adatta per qualsiasi momento del giorno e della notte e per ogni tipo di sadhaka.


INDICAZIONI e APPLICAZIONI TERAPEUTICHE

Praticanti affetti da:
- patologie renali (insufficienza renale, nefriti, calcoli, ecc.)
- surrenali
- patologie dell’ apparato riproduttore ( gonadi maschili e femminili, disturbi psicologici relativi a Svadisthana, ecc.)
- ipertensione
- artrosi a livello femorale (coxo-artrosi) e dell’anca
- artrosi del ginocchio
- patologie della colonna nella parte lombo-sacrale

dovrebbero essere DEVOTI a Baddha Konasana. Cio’ significa che in questo caso la pratica deve essere quotidiana variando tempo di permanenza, intensita’ e coordinamento con altre pratiche yoga dipendentemente da tipo di patologia da affrontare e caratteristiche del Sadhaka.
In linea del tutto generale una possibile tabella di attivita’ di Baddha Konasana potrebbe essere:

.1 - Variante preparatoria 5 min
.2 - I Variante 5 – 10 min
.3 – II o III Variante OLTRE i 10 minuti (la III variante e’ particolarmente indicata nei casi di caviglie deboli o rigide)
.4 – Matsyasana almeno 5 minuti
.5 - Savasana

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4293
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Messaggioda gb » 15 dicembre 2006, 11:09

Ckstars tornando al discorso di ieri sera, se tu fossi anche una bella f*#a saresti perfetto :lol:

secondo me da questi quaderni tecnici deve venire fuori un libro prima o poi: quello che ci mettete qui non l'ho trvoato in nessun testo, sia a livello qualitativo che quantitativo (mi rivolgo anche a Proietti e agli altri esperti).

Ma invece di cianciare di convegni e congressi, perchè quando c'è abbastanza materiale non scrivete un libro?!?!?!?!
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,
nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”
Giovanni Vannucci

ckstars
brahmana
brahmana
Messaggi: 1209
Iscritto il: 6 settembre 2005, 19:14
Contatta:

Ciao Gb

Messaggioda ckstars » 15 dicembre 2006, 11:29

Dopo aver letto il messaggio di Paolo che ci sollecitava a dare un po' di piu' mi sono messo e ad avanza tempo, in una settimana ho riassunto 25 anni di Baddha Konasana .... beh l' ho riletto e non mi convinceva a pieno pero' meglio che farlo rimanere sul mio computer ..... vedi se fossi una bella gno.ca e non si fosse felicemente sposati .... forse tra una pratica tantra e l'altra si troverebbe il tempo anche di scrivere qualcosa di piu' ! Intanto mi hai incastrato privatamente con l'altra "domandina" .... prima di Natale ti rispondo. A proposito RAGAZZI ..... BUON NATALE A TUTTI !!!!!

Avatar utente
tweety75
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 469
Iscritto il: 24 febbraio 2006, 11:51
Località: varese

Messaggioda tweety75 » 15 dicembre 2006, 11:59

ma sei almeno UN... bel gnoccO???lo dico per le donnine come me che amano gli uomini saggi e affascinanti! :wink:

Avatar utente
Sha
vaisya
vaisya
Messaggi: 58
Iscritto il: 13 dicembre 2006, 13:04
Località: Il non-luogo ;)

Variante preparatoria molto interessante

Messaggioda Sha » 15 dicembre 2006, 12:38

Ciao Ragazzi. Buon natale anche a te ckstars. :D
Volevo proporvi una variante preparatoria che ebbi la fortuna
di scoprire da solo quando ero ancora un pivellino.
Ma secondo me, alla fine, può essere considerata una vera e propria posizione a se, dato che ha degli effetti molto particolari.

Quando la scoprìi e cominciai a praticarla, provai subito una esperienza particolarissima. Era come se avessi liberato il serpente alla base della mia colonna. Questa energia arrivava sino alla testa, facendomi perdere la concezione del tempo e dello spazio e provocando una sorta di semi-distacco dal corpo. Era come essere sopra ma contemporaneamente dentro il mio corpo. Ogni volta che la pratico, sento l'energia scorrere lungo la sushumna e giungere fino alla sommità del capo. Ed è così intensa da provocare appunto quelle sensazioni di cui vi ho parlato poco fa.

E' preparatoria non solo per Baddha Konasana, ma anche per Eka pada sirsasana e in generale tutte le posizioni che comportano piegamenti in avanti della colonna e torsioni delle gambe.

Ve la descrivo:

TECNICA

1) Sedetevi sul vostro tappetino con le gambe davanti a voi.
2) Prendete i piedi e portateli in avanti a una distanza pari più o meno a quella fra l'inguine e il collo.
3) Unite le piante dei piedi. Adesso, le vostre gambe formano una figura geometrica con 4 vertici(le due ginocchia, l'inguine e le punte dei piedi): il rombo.
4) Compiete due respiri completi. Inspirate, ed espirando scendete in avanti col busto fino a portare la fronte ad appoggiarsi fra l'incavo formato dai piedi uniti. Ponete le mani sul dorso dei piedi. Respirate normalmente.
5) La schiena è curva come il guscio di una tartaruga.
5) Noterete che pian piano, il respiro diventerà sempre più impercettibile...

Commento:

All'inizio non riuscirete ad appoggiare la testa sui piedi. Ma non preoccupatevi. Fa parte del gioco. Rilassatevi e scendete pian piano senza forzare ad ogni espirazione. Proverete sensazioni forti sin dalle prime volte. Almeno, su di me ha avuto effetto fin da subito.

Benefici

Rende flessibili ginocchia, caviglie e schiena. Porta calma e chiarezza mentale. Attiva la circolazione. Il cuore si rilassa. Non fa fatica per portare sangue al cervello. Sblocca le ossa lombo-sacrali.

Controindicazioni

Possibile surriscaldamento. Evitatela se fa caldo.
Possibile affanno. Dopo averla praticata, stendetevi e portate le braccia indietro inspirando per aprire il petto 2-3 volte.

ckstars
brahmana
brahmana
Messaggi: 1209
Iscritto il: 6 settembre 2005, 19:14
Contatta:

Messaggioda ckstars » 15 dicembre 2006, 13:34

Ciao Sha tanti Auguri anche a te !
Hai descritto la Variante I di Kurmasana, una delle asana piu' portentose del mondo yogico.

ckstars
brahmana
brahmana
Messaggi: 1209
Iscritto il: 6 settembre 2005, 19:14
Contatta:

Messaggioda ckstars » 15 dicembre 2006, 13:36

Buon Natale Tweety!

Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5573
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

Messaggioda Paolo proietti » 15 dicembre 2006, 15:16

buon natale...


Posso citare i quaderni tecnici che abbiamo scritto fino ad adesso sul mio sito?
Il Manzo non Esiste

Avatar utente
Sha
vaisya
vaisya
Messaggi: 58
Iscritto il: 13 dicembre 2006, 13:04
Località: Il non-luogo ;)

Messaggioda Sha » 15 dicembre 2006, 15:28

Paolo proietti ha scritto:buon natale...


Posso citare i quaderni tecnici che abbiamo scritto fino ad adesso sul mio sito?


Buon natale :)
Perchè no? :wink:

labor
brahmana
brahmana
Messaggi: 1026
Iscritto il: 7 ottobre 2005, 16:55

immagini

Messaggioda labor » 15 dicembre 2006, 16:24

grazie, presto mi leggerò attentamente le descrizioni.

Si tratta di questa?

Immagine

Immagine

ckstars
brahmana
brahmana
Messaggi: 1209
Iscritto il: 6 settembre 2005, 19:14
Contatta:

Messaggioda ckstars » 15 dicembre 2006, 18:34

Buon Natale Paolo Proietti ! Certo che puoi citare nel tuo sito personale ...
Buon Natale labor, le immagini si riferiscono alla II Variante prima della discesa al suolo, mi piace piu' quella dell' uomo.

labor
brahmana
brahmana
Messaggi: 1026
Iscritto il: 7 ottobre 2005, 16:55

Buon Natale

Messaggioda labor » 15 dicembre 2006, 20:51

Buon Natale Ckstars

Buon Natale Paolo

e Buon Natale a tutti Voi, ciao a presto

ckstars
brahmana
brahmana
Messaggi: 1209
Iscritto il: 6 settembre 2005, 19:14
Contatta:

Messaggioda ckstars » 19 dicembre 2006, 16:41

malcolm mi ha fatto notare che dalla descrizione Baddha Konasana sembrerebbe essere posizione importante durante la gravidanza, a costo di sembrare oltremodo rigido vale sempre quello che ho detto piu' volte del rapporto tra Yoga e gravidanza: se una donna non ha mai praticato Yoga il periodo di gravidanza e' il meno adatto per imparare; oppure (il che e' lo stesso) i benefici provenienti da una pratica Yoga intrapresa ed appresa durante la fase di gravidanza sono di gran lunga inferiori ai possibili rischi.
Cio' vale anche per Baddha Konasana che se fatto con una certa intensita' comporta delle variazioni nella morfologia del bacino e del sistema ormonale poco controllabili durante il periodo di gravidanza, se di contro viene praticato "superficialmente" i suoi benefici sono trascurabili restano invece alcuni pericoli.
Termino dicendo che Baddha Konasana potrebbe essere utilizzata per affrontare alcuni problemi che si presentano durante la gravidanza ma sotto il diretto controllo del ginecologo e di un insegnante esperto che se fosse possibile dovrebbero essere la stessa persona: insomma un evento oltremodo RARO !!!

JoshMi
paria
paria
Messaggi: 4
Iscritto il: 12 aprile 2017, 10:46

Re: [QUADERNI TECNICI] Baddha Konasana

Messaggioda JoshMi » 11 luglio 2017, 21:04

la mia insegnante yoga, mi disse che è problematica questa posizione per le ginocchia! il che lo aggiungerei al quaderno! inoltre è sconsigliato il movimento elastico continuo duraturo nel tempo, ma va fatto soltanto per pochi secondi e poi mantenere la posizione da fermi. Questo lo disse a me che ho problemi alle ginocchia


Torna a “Asana”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron