Il cambiamento è la vita

commenti sul sito, netiquette, iniziative dei membri
Avatar utente
matasilogo
brahmana
brahmana
Messaggi: 1947
Iscritto il: 16 agosto 2008, 11:41
Località: Villa d'Adda Bergamo
Contatta:

Il cambiamento è la vita

Messaggioda matasilogo » 12 ottobre 2013, 0:05

Da quasi 40 anni ho tenuto le lezioni evolvendone gradatamente l'impostazione , ma da questi giorni il cambiamento sarà più radicale e un pò alla volta, nei prossimi mesi, verrà qui raccontato con tutte le sue peculiarità ed esposto alla critica.
Lo standard delle lezioni degli anni scorsi era un pò diverso da altri: per circa 45 minuti una o due serie di saluto al sole da 12 o 24 posizioni, poi alcune posture semplici diversificate ogni mese, 15 minuti respirazione; 15 minuti conversazione su temi diversi: spiegazione su pratiche del giorno, risposte a domande anche personali, attualità e per ultimo il rilassamento di circa 15 minuti per un totale di più di 90 minuti.
Ora invece, per 12 settimane, ci sarà ogni settimana l’analisi di uno degli stadi particolare, con un ordine ed una composizione diversa di quello tradizionale degli 8 stadi dell’ASTHANGA, che sarà allargata a 12, esponendo alcune discipline che ho elaborato analizzando il pensiero Indiano, contaminato con la cultura occidentale: posture, respirazione, rilassamento, concentrazione, meditazione, canto-musica-danza, cibo, massaggio, cose da non fare, cose da fare, sessualità, samadhi.

Porto quì una rapida sintesi per evidenziare l’orientamento non sempre tradizionale.
Questo testo è per mia abitudine soggetto a continui rimaneggiamenti e perfezionamenti che si possono reperire sul mio sito citato in fondo.

1 ASANA POSTURE
Non è presentato come una ginnastica dominata con sforzo, sudore e dinamica, ma da movimenti lenti e di ricerca dell’equilibrio, per arrivare dolcemente e lentamente alle posizioni volute fino ad arrivare ai propri limiti naturali. Poi si sta fermi per qualche secondo e si cerca di sentire il corpo, nella sua totalità, poi più attentamente le articolazioni, i legamenti ed sistema nervoso ed in qualche caso anche i fluidi: sangue venoso, arterioso, linfatico.
A domanda il corpo risponde e risolve molti problemi

2 PRANAYAMA RESPIRAZIONE
Presa di coscienza del proprio modo di respirare a riposo poi attivazione per migliorare le prestazioni, l’efficienza e prevenire, con esercizi ripetuti, le apnee involontarie e le affezioni flogistiche (dovute al freddo o virus come mal di gola, costipazione e bronchiti, ma ricordando che non si sostituiscono a pratiche mediche specifiche).

3 PRATYAHARA RILASSAMENTO citta vrtti nirodhah=La mente agitata va calmata.
Distacco. (Nirvana secondo qualcuno, ma non è questo). Allontanamento dei pensieri ricorrenti o fissi, riduzione dello stress, ansia, tensioni muscolari, movimenti inconsulti.
Si pratica sdraiati con un cuscino cilindrico sotto le ginocchia, ascoltando musiche, guardando immagini, colori e visualizzazione guidata di panorami marini, montani od altro.
La mente ed il corpo, si rilassano, ma non si deve scivolare nel sonno

4 DHARANA: descritto come ANALISI, STUDIO, CONCENTRAZIONE, CURIOSITA' e CONOSCENZA
Osservazione dei particolari sempre più ristretti in ogni pensiero, situazione o cosa come con una lente o anche più accurata, anche concentrati su mandala, mantra, musiche e lavori manuali. Raccomando di ampliare la propria conoscenza nei campi più vari pern avere più materiale da analizzare.
(fino a percepire quasi la dimensione minima [0]).

5 DHYANA (sanscrito indiano) > CHAN (cinese) > ZEN (giapponese)
MEDITAZIONE, riflessione, confronto, connessione tra idee e cose diverse (percezione in 3 dimensioni) (3 D) Qualcuno la propone come ricerca del vuoto o della liberazione, invece è il contrario della pratica precedente, con ricerca e comprensione delle connessioni tra le opposte parti dello scibile, come la fase di progettazione in campo scientifico ed artistico dove si discute e confronta varie soluzioni
Una pratica molto attiva, concreta, razionale e profonda, purtroppo interpretata in modi diversi e secondo me fantastici e inadeguati, che svuotano il suo grande valore.
Si connettono tutti i comparti percettivi e quindi neurologici posti tra mente e corpo.

6 CANTO, MUSICA E DANZA
Da 8000 anni ed oltre sono praticate per migliorare i rapporti tra i componenti delle comunità. Oggi ogni nazione ha il suo inno e le sue danze. Le danze SUFI sono base antica di elevazione della mente, verifica della sua stabilità assieme al corpo ed ai corpi dei compagni del gruppo, rituale di accoppiamento e stimolazione per lo sciamano che si appresta ad essere consigliere o veggente.

7 ALIMENTAZIONE E CIBO IN GENERALE
In ogni tempo, in ogni luogo, in ogni cultura, ogni persona si è abituata ad una alimentazione che a volte porta disagi e spesso non riesce a cambiare nella quantità e tipo.
Consiglierò come provare alcune modifiche suggerite da prove scientifiche adatte a ridurre l’impatto sulla salute.
8 YAMA COSA NON FARE (nella tradizione, queste parti sono 5, l'ultima è introdotta da me perché la ritengo ancestrale e presente anche negli animali)
8.1.Non falsità
8.2 Non violenza
8.3.Non appropriarsi (non rubare)
8.4.Non disperdere energia (astinenza sessuale nella versione tradizionale, ma non coerente nel contesto perche la sequenza non riguarda la sessualità, ma i beni)
8.5.Non accumulare BENI E POTERE
8.6.COAZIONE A RIPETERE (errori, comportamenti, amicizie sbagliate)

9 NIYAMA COSA FARE (come nella parte precedente Yama, nella tradizione, queste parti sono , l'ultima è introdotta da me perché la ritengo ancestrale e presente anche negli animali)
9.1.PURIFICAZIONE (mente e corpo)
9.2.ACCONTENTARSI
9.3.SERIETA'
9.4.STUDIO
9.5.FINALIZZAZIONE (cercare e trovare cose importanti da fare nella vita per dare a questa uno scopo importante)
9.6.ABBANDONARE I BLOCCHI ( molti hanno difficoltà o riluttanza a sperimentare cose o comportamenti nuovi o poco noti. Questo non vuol dire rischiare, quindi bisogna informarsi, conoscere e comprendere. L'evoluzione richiede cambiamenti )

10 MASSAGGIO
Nelle attuali società la percezione di se, si è andata riducendo per convenzioni, repulsioni e sensi di colpa indotti dalle culture dominanti. I sensi proprio-cettivi sono ignoti ai più ed il loro ascolto migliora le pratiche yoga. I tipi di massaggio sono diversi e variamente utili.
Il contatto corporeo è un elemento necessario per lo sviluppo dei bambini, per la sicurezza degli adulti (la stretta di mano, l'abbraccio, la cresima o il bacio) e per gli anziani.

11.TANTRA SESSUALITA'
I tabù sessuali hanno avuto una funzione antidemografica e di controllo culturale in certi periodi storici, ma da secoli si sono prodotti fraintendimenti ed esagerazioni che possono essere rimossi. Oggi abbiamo conoscenze scientifiche diffuse molto complete. Si possono utilizzare molte parti dello yoga, finora descritte, per acquisire elevazione mentale e fisica fino alla illuminazione descritta al prossimo punto.

12 SAMADHI ARMONIA, CREATIVITA, ILLUMINAZIONE, TRANCE’

Pochi conoscono questo livello che dovrebbe essere fisiologico, come verrà dimostrato da evidenze di neurologia. Realizzate le altre parti dello Yoga (in 3 secondi, 3 anni, 30 anni o mai!!!) si trascende tempo e spazio (3D+T) con percezione del tutto (trance, illuminazione, armonia con il TUTTO o il CAOS: MOTORE PRIMO, veggenza, abbandono delle esagerazioni ed illusioni). E' necessaria una presenza della coscienza e dell'equilibrio mentale per non cadere in allucinazioni e presunzione di potenza. Il rilievo elettroencefalografico sembra corrispondere alle onde TETA, comuni agli schizofrenici che mancano della capacità di controllo e di coerenza guidate dalla coscienza mediatrice. Questa deve essere acquisita con lunghi esercizi, prima di immergersi in questa pratica. Infatti le religioni hanno sempre combattuto e represso questi praticanti [inquisizione] forse perché formavano individui che non avevano poi bisogno di altre guide. Guide che pretendevano un obolo).
Si eliminano le barriere mente-corpo e tempo!
Nei prossimi giorni verranno aggiunti articoli che chiariscono ampiamente il pensiero sugli argomenti trattati qui' sopra.
Si prega di logarsi e fare delle osservazioni, anche critiche, proposte di modifiche e correzione di errori GRAZIE OM
Ultima modifica di matasilogo il 13 ottobre 2013, 12:01, modificato 3 volte in totale.
Leggi i Sutra di Patangiali Edizione tradotta da Taimni o Iyengar.
Nella Natura, nello Yoga, nella Scienza i percorsi si intrecciano e producono l'evoluzione.
Il cambiamento è vita. Meglio collaborare che confliggere.
OM

Avatar utente
Chlòé
brahmana
brahmana
Messaggi: 538
Iscritto il: 14 maggio 2012, 17:15

Re: Il cambiamento è la vita

Messaggioda Chlòé » 12 ottobre 2013, 10:34

matasilogo ha scritto:12 SAMADHI ARMONIA, CREATIVITA, ILLUMINAZIONE, TRANCE’
http://yogaapaia.it/?attachment_id=1462
Pochi conoscono questo livello che dovrebbe essere fisiologico, come verrà dimostrato da evidenze di neurologia. Realizzate le altre parti dello Yoga (in 3 secondi, 3 anni, 30 anni o mai!!!) si trascende tempo e spazio (3D+T) con percezione del tutto (trance, illuminazione, armonia con il TUTTO o il CAOS: MOTORE PRIMO, veggenza, abbandono delle esagerazioni ed illusioni). E' necessaria una presenza della coscienza e dell'equilibrio mentale per non cadere in allucinazioni e presunzione di potenza. Il rilievo elettroencefalografico sembra corrispondere alle onde TETA, comuni agli schizofrenici che mancano della capacità di controllo e di coerenza guidate dalla coscienza mediatrice. Questa deve essere acquisita con lunghi esercizi, prima di immergersi in questa pratica. Infatti le religioni hanno sempre combattuto e represso questi praticanti [inquisizione] forse perché formavano individui che non avevano poi bisogno di altre guide. Guide che pretendevano un obolo).
Si eliminano le barriere mente-corpo e tempo!
Nei prossimi giorni verranno aggiunti articoli che chiariscono ampiamente il pensiero sugli argomenti trattati qui' sopra.
Si prega di logarsi e fare delle osservazioni, anche critiche, proposte di modifiche e correzione di errori GRAZIE OM[url][/url]


Caro Zio Matas, sono certa che è una svista, perché conosco il tuo rigore scientifico...Le onde non sono le TETA ma le DELTA.
(Teta: rilassamento profondo e deconnessione organismica o, se vuoi, piccolo samadhi. In psicopatologia, stati depressivi)
(Delta:percezione della coscienza cosmica :idea: In psicopatologia le onde delta sono correlate a stati schizotipici ).
...Dii di dooh
daa
da daah...

Avatar utente
matasilogo
brahmana
brahmana
Messaggi: 1947
Iscritto il: 16 agosto 2008, 11:41
Località: Villa d'Adda Bergamo
Contatta:

Re: Il cambiamento è la vita

Messaggioda matasilogo » 13 ottobre 2013, 11:57

Chlòé ha scritto:
matasilogo ha scritto:12 SAMADHI ARMONIA, CREATIVITA, ILLUMINAZIONE, TRANCE’
sembra corrispondere alle onde TETA, comuni agli schizofrenici che mancano della capacità di controllo e di coerenza guidate dalla coscienza mediatrice. Si prega di logarsi e fare delle osservazioni, anche critiche, proposte di modifiche e correzione di errori GRAZIE OM[url][/url]


Caro Zio Matas, sono certa che è una svista, perché conosco il tuo rigore scientifico...Le onde non sono le TETA ma le DELTA.
(Teta: rilassamento profondo e deconnessione organismica o, se vuoi, piccolo samadhi. In psicopatologia, stati depressivi)
(Delta:percezione della coscienza cosmica :idea: In psicopatologia le onde delta sono correlate a stati schizotipici ).


Ti ringrazio dell'attenzione con cui segui i miei interventi anche se si erano interrotti per un pò a causa di studi e cambiamenti che sto vivendo.
Effettivamente avevo citato a memoria su base di vecchi studi antecedenti ad una revisione della materia da parte dei ricercatori che hanno reimpostato tutto dopo il lavoro di questi signori che trovi quì http://www.arcnaut.it/installazioni/neu ... skonc.html
(Si è rilevato che uno stato di sonno produce onde molto "lunghe" e lente (bassa frequenza - onde DELTA e THETA), mentre in uno stato di veglia le onde sono più strette e veloci e tendono ad aumentare la loro frequenza quando l'individuo è alle prese con complessi problemi logici o matematici (onde BETA). Determinati ritmi caratteristici compaiono in circostanze ben definite: il "ritmo ALFA" ad esempio compare nello stato di riposo, in condizione di "assenza di pensiero" in cui il tracciato EEG è netto e armonizzato, mentre il "ritmo THETA" compare nelle fasi di sonno REM (sonno con sogni) e nelle fasi di pensiero caratterizzate da grande produzioni di immagini mentali (stato ipnagogico, stato di intensa creatività ed emozione).

Nell'incertezza delle rinnovate e non univoche interpretazione delle onde avevo prudentemente scitto

sembra

e tu mi confermi forse che altri ne danno una interpretazione più centrata nel campo di coloro che parlano di stati di trance con un orientamento yogico.
Riesci a dirmi in base a quale sito o testo hai fatto quella segnalazione?
La ricerca non è mai esaurita o esausta.

Questo campo purtroppo è poco immerso nel cosiddetto rigore scientifico perchè la scienza non è certezza assoluta e definitiva.
Rigorosa deve essere la indicazioe di come si è operato e quali gli strumenti usati, perchè chiunque possa riprodurre un esperimento ed eventualmente avanzare o discutere o criticare senza acrimonia un esperimento.
Quando facevo preove in alta tensione dovevo riempire una scheda con data, condizioni ambientali di temperatura. umidità e pressione all'inizio ed al termine delle prove, il numero di serie, il produttore e la data di taratura degli strumenti: amperometri, voltmetri, divisori di tensione e di corrente ed oscillografi utilizzati. Dovevano poter ripodurre l'esperimento in Giappone, USA, germania, Francia, Olanda, infatti abbiamo impiegato 15 anni a ridurre il divario valutato della tensione di lavoro di una catena di isolatori da 220,000 volt dal 50 al 5% che girava per il mondo in quei laboratori.

Rincorro da tempo dei neurologi del Besta per ottenere delle indagini per scoprire le peculiarità del mio cervello e che cosa combino io quando vado in vari stadi: attività cosciente di lavoro, sonno, rilassamento, concentrazione, meditazione trance. Semprechè ci riesca ancora.
Nel tempo le evidenze percepite sono state diverse.
Non so se con un casco di elettrodi sulla testa riuscirò a riprodurre gli stati che ho vissuto in passato. tra l'altro gli eventi che ho vissuti sono stati diveri in passato anche se prevalentemente erano di un senso di totalità non facilmente descrivibili razionalmente.
La mia vita complicata e sofferta, psichicamente e fisicamente, mi fa ammettere che una porzione di schizofrenia ci sia in me, ma ho formulato l'ipotesi (((orgogliosa))) che l'autocontrollo che una coscienza fortemente voluta e strutturata nella positività possa decisamente far stare dentro i confini di una rispettosità di se e del prossimo.
Formulo l'ipotesi che eros e tanatos; bontà, amore, paure, rabbia, e rancori siano, seppur negati, presenti in varia natura in ogni animale e uomo/donna, ma una radicata e mazdeistica (persiana e precristica) volontà di condurre RETTO PENSIERO, RETTA PAROLA E RETTA AZIONE, possa educare e guidare ad una condotta buona perchè

FARE BENE FA BENE.

Formulo ancora l'ipotesi che lo schizzofrenico in camicia di forza dentro una struttura ASL ed un creativo, nell'arte o nella tecnologia o scienza o nella matematica
che è in mezzo agli altri, abbia una struttura molto simile della connettiva cerebrale (questo è il termine oggi di moda, vedi:
http://www.lescienze.it/edicola/2013/08 ... e-1761453/

libro che ho letto avidamente.)
Ieri in pulman, di ritorno dalla manifestazione di Torino, mi sono confrontato con uno storico dell'arte di 69 anni famoso ed attivo, che in mezzo ad un capannello di persone di media cultura, ha acceso con me, un dibattito sul sesso, sconvolgendo tutti con nozioni sui comportamenti estremi.
Anche lui ha travagli fisici: diabete, obesità, bombola ossigeno, apnee, ma sembra che abbia il diavolo in corpo.
Difatti una volta ci avrebbero bruciati.

Cosa è la mente umana?

E sbagliato questo termine.

La mente dovrebbe essere il pensiero prodotto dall'insieme della massa cerebrale, più il sistema nervoso corporeo e le singole cellule anche dell'intestino e dei genitali e del cuore e polmoni che come un'assemblea urlano, fanno cas..ino e e dicono la loro producendo infiammazioni e apnee.
Ogni cosa ha un linguaggio e deve essere interpretato, almeno tentare e vale anche con il mio gatto.
Cosa conta nella vita?

Esserci ed agire con creatività.

Cosè creatività?
Cosa è arte?
Fare qualcosa ( diceva il prof Ballo di BRERA ) che provochi qualcosa di nuovo.

Continui in se quello che è mitizzato come il creatore, il motore primo secondo Aristotele che ha detto tante stupidate sulle donne, e qualche cosa di giusto su qualcosa. Come tutti.

Quello che conta è saper capire cosa è valido e cosa no.

Trarre fior da fiore come le api.

Uffa Mi sono spremuto.

Di più non so dire.
O forse si.
Buon appetito.
OM
Leggi i Sutra di Patangiali Edizione tradotta da Taimni o Iyengar.
Nella Natura, nello Yoga, nella Scienza i percorsi si intrecciano e producono l'evoluzione.
Il cambiamento è vita. Meglio collaborare che confliggere.
OM

Avatar utente
Chlòé
brahmana
brahmana
Messaggi: 538
Iscritto il: 14 maggio 2012, 17:15

Messaggioda Chlòé » 17 ottobre 2013, 8:46

Sì, ti mando i riferimenti con messaggio privato. Lo faccio stasera, con un minimo di calma, perché qui "citavo a memoria"...
Grazie.
...Dii di dooh

daa

da daah...

Avatar utente
Chlòé
brahmana
brahmana
Messaggi: 538
Iscritto il: 14 maggio 2012, 17:15

Re: Il cambiamento è la vita

Messaggioda Chlòé » 17 ottobre 2013, 9:09

matasilogo ha scritto:La mia vita complicata e sofferta, psichicamente e fisicamente, mi fa ammettere che una porzione di schizofrenia ci sia in me, ma ho formulato l'ipotesi (((orgogliosa))) che l'autocontrollo che una coscienza fortemente voluta e strutturata nella positività possa decisamente far stare dentro i confini di una rispettosità di se e del prossimo.
Formulo l'ipotesi che eros e tanatos; bontà, amore, paure, rabbia, e rancori siano, seppur negati, presenti in varia natura in ogni animale e uomo/donna, ma una radicata e mazdeistica (persiana e precristica) volontà di condurre RETTO PENSIERO, RETTA PAROLA E RETTA AZIONE, possa educare e guidare ad una condotta buona perchè

FARE BENE FA BENE.

...................................................................................................................................
Cosa conta nella vita?

Esserci ed agire con creatività.

Cosè creatività?
Cosa è arte?
Fare qualcosa ( diceva il prof Ballo di BRERA ) che provochi qualcosa di nuovo.

Continui in se quello che è mitizzato come il creatore, il motore primo secondo Aristotele che ha detto tante stupidate sulle donne, e qualche cosa di giusto su qualcosa. Come tutti.

Quello che conta è saper capire cosa è valido e cosa no.

Trarre fior da fiore come le api.

Uffa Mi sono spremuto.

Di più non so dire.
O forse si.
Buon appetito.
OM


Sì, anche le neuroscienze oggi si dilettano a dimostrare che come dici tu e come intuiamo tutti qui, "RETTO PENSIERO, RETTA PAROLA E RETTA AZIONE, possa educare e guidare ad una condotta buona" perchè

FARE BENE FA BENE.

Ovviamente è la scoperta dell' acqua calda...ma abbiamo la malattia di dover dimostrare tutto scientificamente invece di accettare i segnali del nostro corpo, che affermano esattamente da migliaia di anni la stessa cosa...

Ogni persona ha almeno, nell' arco della propria esistenza, 1 episodio di schizofrenia.
Tieni presente che come mille altre cose, solo nel momento in cui una cosa viene etichettata da un esperto con un nome, diventa "quella cosa lì".

Aggiungo criticamente che se si sfoglia l' ultimo manuale statistico-diagnostico di psichiatria ( consultato anche da psicologi, psicoterapeuti etc...), c'è da mettersi le mani nei capelli, perché siamo tutti ma proprio tutti malati da psicofarmaci! Il nuovo manuale COSTRUISCE e indica molte nuove etichette diagnostiche e nuove "problematiche mentali" (mentre hanno tolte alcune etichette che non erano più AL PASSO CON I TEMPI...tanto per dirti quanto può essere scientifica un' etichetta diagnostica in questo settore...) che alla fine servono solo a mandare la gente presso i servizi sanitari, pagando esperti, case farmaceutiche e quant' altro...
Creatività e arte sono sì associate ad uno stato di fuidità e sincronizzazione tra gli emisferi a ritmo THETA, o anche a vere proprie forme di trance, come sa bene chi viene preso da "ispirazione artistica" in cui le mani dipingono quasi senza controllo...MA c'è una profonda differenza tra vera arte e arte legata alla psicopatologia, per esempio alla schizofrenia, perché nel caso del "malato di mente" non c'è l' Io sufficientemente forte da tenere il timone della nave, in tempesta. E il risultato artistico è esteticamente non piacevole. E' "espressione" ma "non è arte" ( per lo più...togliendo i rari casi geniali---).
Se vuoi approfondire questi argomenti, io mi sono formata in Psicologia dell' Arte e dell' Espressione artistica con la Dr.ssa Minevra Pillot, che ha scritto un bel libro, che forse riuscirai a trovare in giro a biblioteche. ( Non so se è ancora in stampa, ahimè...)

Ciao, Zio Matas!
Sei un grande!
Un affettuoso abbraccio dal cuore!
...Dii di dooh

daa

da daah...


Torna a “Proposte e suggerimenti”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti