eticamente corretto?

le lezioni, gli alunni, la formazione, il lavoro dell'insegnante
Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4293
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Messaggioda gb » 31 luglio 2012, 11:55

Chloè, sul corpo come lavori? Contemporaneamente, alternando, e con che cosa? Corsa, yoga, esercizi, danza etc.?

Le discipline che pratichi (cognitiva-comprtamentale mi sembra?) che tipo di approccio hanno con il corpo/respiro?
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,
nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”
Giovanni Vannucci

Avatar utente
Chlòé
brahmana
brahmana
Messaggi: 538
Iscritto il: 14 maggio 2012, 17:15

Messaggioda Chlòé » 31 luglio 2012, 12:28

gb ha scritto:Chloè, sul corpo come lavori? Contemporaneamente, alternando, e con che cosa? Corsa, yoga, esercizi, danza etc.?

Le discipline che pratichi (cognitiva-comprtamentale mi sembra?) che tipo di approccio hanno con il corpo/respiro?


No.Io utilizzo tecniche di carattere analitico-fenomenologico, meditativo, immaginativo e Psicosintetico.E alcune tecniche di rilassamento corporeo e poi vado a correre, stile jogging. Ottima tecnica di respirazione fare jogging.
Con i problemi che ho di salute, il discorso è molto delicato. Poichè in certi momenti ho una respirazione spontanea invertita,utilizzo delle tecniche di respirazione al mattino e alla sera, in cui conto un numero pari a 100 di ampi respiri e controllo molto la postura durante il giorno e il rilassamento dei vari tratti del corpo, eventualmente accettuabndo la contrazione per poi liberarla.
...Dii di dooh
daa
da daah...

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4293
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Messaggioda gb » 31 luglio 2012, 17:15

Non so chie problemi di salute tu abbia, ma correre fa sicuramente bene, a meno di ernie al disco, se non sbaglio.

Sempre se non sbaglio l'Istituto di Psicosintesi è qua a Firenze, sulla via per Fiesole vero? Una nostra amica (bipolare grave) ci ha dato proprio piccolo libro di Assaggioli (lei frequenta l'istituto e fa yoga), piuttosto interessante.

Per me il lavoro è invece principalmente sul corpo: prima di tutto perchè sono molto rigido e ne ho bisogno, ma poi anche perchè lavorare sul corpo/respiro è per ora l'unica via che mi permette e mi ha permesso di superare/ sciogliere nodi emotivi, placare la mente, prendere coscienza. È anche vero che l'altra metá del lavoro è il continuo confronto con i familiari, confronto che in quanto quotidiano mi aiuta molto nella via della consapevolezza.
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,

nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”

Giovanni Vannucci


Torna a “Discussioni fra insegnanti”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti