Le sei verità che non conosci sui Chakra

chakra, nadi, kundalini ed esperienze del corpo energetico
Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4293
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Re: Le sei verità che non conosci sui Chakra

Messaggioda gb » 19 febbraio 2016, 21:05

mauro ha scritto:Mettevo l'accento sul processo psicologico che si e' instaurato in me e che gb col suo intervento mi ha aiutato a dissipare.


Felice che sia successo: è esattamente (non pensavo a te ovviamente) quello che intendevo fare, cioè disinnescare l'inevitabile meccanismo che un articolo del genere, con il commento iniziale di neuromante a rinforzo, avrebbe innescato in chi legge.

Neuromante, ipotizzando una tua buona fede, hai capito ora di cosa ho parlato fino adesso o ritieni che anche mauro "abbia un problema"?
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,
nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”
Giovanni Vannucci

neuromante
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 209
Iscritto il: 25 giugno 2007, 14:05
Località: London
Contatta:

Re: Le sei verità che non conosci sui Chakra

Messaggioda neuromante » 19 febbraio 2016, 21:29

gb ha scritto:
mauro ha scritto:Mettevo l'accento sul processo psicologico che si e' instaurato in me e che gb col suo intervento mi ha aiutato a dissipare.


Felice che sia successo: è esattamente (non pensavo a te ovviamente) quello che intendevo fare, cioè disinnescare l'inevitabile meccanismo che un articolo del genere, con il commento iniziale di neuromante a rinforzo, avrebbe innescato in chi legge.

Neuromante, ipotizzando una tua buona fede, hai capito ora di cosa ho parlato fino adesso o ritieni che anche mauro "abbia un problema"?


Il punto e' , come la'utore del post stesso afferma riferendosi al testo tradotto da Avalon :" Ciò non invalida il testo in sé ma rende davvero molto problematica la sua egemonia."

Non afferma che il testo non e' valido, ma che si fa riferimento unicamente ad esso per il semplice fatto che era l'unica traduzione, e si da' per scontato che la descrizione dei chakra e' quella , semplicemente perche' c'e' scritto nel suo libro.

Avalon non aveva a disposizione il Kubjikamata tantra che e' il testo da cui lo shatchakranirupana prende spunto (dove esistono alcune differenze, alcune sostanziali dal punto di vista operativo) il punto del post, lo ripeto , e' quello di sfatare i luoghi comuni e le banalizzazioni che si creano attorno tale argomento.


Riguardo al fatto se mauro ha problemi....non credo che mauro mi stia accusando di fare pubblicita' ad un blog o di essere il portavoce della verita', queste sono deduzioni ed affermazioni tue....
ऐं ह्रीं श्रीं
ऐं क्लीं सौः

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4293
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Re: Le sei verità che non conosci sui Chakra

Messaggioda gb » 19 febbraio 2016, 21:46

neuromante ha scritto:
gb ha scritto:
mauro ha scritto:Mettevo l'accento sul processo psicologico che si e' instaurato in me e che gb col suo intervento mi ha aiutato a dissipare.


Felice che sia successo: è esattamente (non pensavo a te ovviamente) quello che intendevo fare, cioè disinnescare l'inevitabile meccanismo che un articolo del genere, con il commento iniziale di neuromante a rinforzo, avrebbe innescato in chi legge.

Neuromante, ipotizzando una tua buona fede, hai capito ora di cosa ho parlato fino adesso o ritieni che anche mauro "abbia un problema"?


Riguardo al fatto se mauro ha problemi....non credo che mauro mi stia accusando di fare pubblicita' ad un blog o di essere il portavoce della verita', queste sono deduzioni ed affermazioni tue....


Deduzioni e affermazioni mie? Al contrario neuromante, sono fatti.

Il link al tuo blog l'hai postato tu, e sempre tu hai scritto

neuromante ha scritto:Salve a tutti. Vi suggerisco un articolo che fornisce qualche spunto per cominciare a fare chiarezza su un argomento di cui si parla quasi sempre a sproposito, anche tra i sedicenti "addetti ai lavori".


affermando che al di fuori di quel che hai postato tu, dei chackra si "parla quasi sempre a sproposito", e parlando di "sedicenti addetti ai lavori".

Come vedi nessuna deduzione o affermazione, ma fatti.
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,

nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”

Giovanni Vannucci

neuromante
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 209
Iscritto il: 25 giugno 2007, 14:05
Località: London
Contatta:

Re: Le sei verità che non conosci sui Chakra

Messaggioda neuromante » 19 febbraio 2016, 21:55

gb ha scritto:
neuromante ha scritto:
gb ha scritto:
Felice che sia successo: è esattamente (non pensavo a te ovviamente) quello che intendevo fare, cioè disinnescare l'inevitabile meccanismo che un articolo del genere, con il commento iniziale di neuromante a rinforzo, avrebbe innescato in chi legge.

Neuromante, ipotizzando una tua buona fede, hai capito ora di cosa ho parlato fino adesso o ritieni che anche mauro "abbia un problema"?


Riguardo al fatto se mauro ha problemi....non credo che mauro mi stia accusando di fare pubblicita' ad un blog o di essere il portavoce della verita', queste sono deduzioni ed affermazioni tue....


Deduzioni e affermazioni mie? Al contrario neuromante, sono fatti.

Il link al tuo blog l'hai postato tu, e sempre tu hai scritto

neuromante ha scritto:Salve a tutti. Vi suggerisco un articolo che fornisce qualche spunto per cominciare a fare chiarezza su un argomento di cui si parla quasi sempre a sproposito, anche tra i sedicenti "addetti ai lavori".


affermando che al di fuori di quel che hai postato tu, dei chackra si "parla quasi sempre a sproposito", e parlando di "sedicenti addetti ai lavori".

Come vedi nessuna deduzione o affermazione, ma fatti.


"si parla quasi a sproposito" rispetto al contesto tradizionale dove il concetto di chakra e' nato e cresciuto.
"sedicenti addetti ai lavori" l'ho spiegato prima.

Vabbhe' che ti devo dire, credi quel che ti pare, non ho interesse a farti cambiare idea.
Ora ricordo perche non intervenivo piu in questo forum.

Ciao , buona continuazione.
ऐं ह्रीं श्रीं

ऐं क्लीं सौः

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4293
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Re: Le sei verità che non conosci sui Chakra

Messaggioda gb » 19 febbraio 2016, 22:00

neuromante ha scritto:
gb ha scritto:
neuromante ha scritto:
Riguardo al fatto se mauro ha problemi....non credo che mauro mi stia accusando di fare pubblicita' ad un blog o di essere il portavoce della verita', queste sono deduzioni ed affermazioni tue....


Deduzioni e affermazioni mie? Al contrario neuromante, sono fatti.

Il link al tuo blog l'hai postato tu, e sempre tu hai scritto

neuromante ha scritto:Salve a tutti. Vi suggerisco un articolo che fornisce qualche spunto per cominciare a fare chiarezza su un argomento di cui si parla quasi sempre a sproposito, anche tra i sedicenti "addetti ai lavori".


affermando che al di fuori di quel che hai postato tu, dei chackra si "parla quasi sempre a sproposito", e parlando di "sedicenti addetti ai lavori".

Come vedi nessuna deduzione o affermazione, ma fatti.


Ora ricordo perche non intervenivo piu in questo forum.



Perchè c'è chi non si lascia abbindolare?
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,

nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”

Giovanni Vannucci

Avatar utente
fabio
moderatore
Messaggi: 3074
Iscritto il: 24 marzo 2006, 11:35

Re: Le sei verità che non conosci sui Chakra

Messaggioda fabio » 20 febbraio 2016, 0:19

neuromante ha scritto:Ora ricordo perche non intervenivo piu in questo forum.

Ciao , buona continuazione.


Aridaje con ste generalizzazioni.
Comunque.

Forse più che il colore del cakra, la visualizzazione del quadrato giallo all'ombelico, piuttosto che la mezzaluna verde ecc ecc conviene, da parte degli istruttori, aiutare gli allievi nella percezione degli accadimenti sottili ed energetici durante la pratica.
Cosa succede se faccio così? Perché? Perché non succede niente? Perché invece succede cosà?

Certo è che si basa sull'esperienza.

Se lo stesso istruttore non ha esperienza di ciò che insegna, forse è un problema. O forse no chi lo sa. Ci sono persone che amano semplicemente sentirsi parte di una elite intellettuale, quindi problemi non ce ne sono.
IL GRANDE CONTROLLORE

mauro
brahmana
brahmana
Messaggi: 1484
Iscritto il: 29 marzo 2012, 22:02
Località: viterbo

Re: Le sei verità che non conosci sui Chakra

Messaggioda mauro » 20 febbraio 2016, 4:32

Sara' che non ho cliccato sul link e ho letto solo quanto qui riportato da neuromante, ma non credo volesse fare pubblicita' ad alcunche', e se pure fosse, mi chiedo dov'e' il problema, considerando che qui Paolo ha fatto pubblicita' ai suoi libri.

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4293
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Re: Le sei verità che non conosci sui Chakra

Messaggioda gb » 20 febbraio 2016, 6:39

mauro ha scritto:Sara' che non ho cliccato sul link e ho letto solo quanto qui riportato da neuromante, ma non credo volesse fare pubblicita' ad alcunche', e se pure fosse, mi chiedo dov'e' il problema, considerando che qui Paolo ha fatto pubblicita' ai suoi libri.


E dove avrei scritto che è un problema? Ho solo criticato il modo:


gb ha scritto:A meno che tu non sia Tizio 1, e voglia semplicemente far vedere il tuo sito: se così fosse, ti invito a non voler far vedere le "tue cose", magari anche valide, iniziando con critiche ad autori "storici" sostenute in modo fumoso e con dita puntate a destra e a manca, non è proprio una cosa di buonissimo gusto.



gb ha scritto:Ripeto se poi sei Tizio 1 che vuol fare conoscere il proprio blog magari validissimo ben venga, ma secondo la mia personale opinione questo non è il modo che incontra "i miei gusti".


Il fatto che poi neuromante abbia vissuto male questi appunti fatti e abbia pensato che io lo "accusassi" di farsi pubblicità (sua interessante scelta delle parole tra l'altro) è, usando le sue parole, un problema suo.
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,

nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”

Giovanni Vannucci

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4293
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Re: Le sei verità che non conosci sui Chakra

Messaggioda gb » 20 febbraio 2016, 6:54

Ad ogni modo questa cosa della pubblicità per me se rileggete era un appunto minore al come e non al cosa: la mia critica era alla struttura dell'articolo, come potete ri-leggere

gb ha scritto:Il fatto che ci sia un problema da qualche parte è una cosa che sostengono Tizio 1 e Tizio 2.

Ho citato Avalon come esempio, quello che tu dici non cambia niente di quello che ho scritto: in sostanza, se io oggi, mi metto a criticare quello che Avalon, o Manzoni, o Papa Woytilja, o Tiziano Terzani , o Santa Teresa d'Avila o Tolkien hanno scritto, dicendo che le loro fonti erano insufficienti etc devo fornire a chi legge informazioni ben più complete di quelle che scrivono Tizio 1 o Tizio 2, altrimenti per me puó essere tutta aria fritta o semplicemente opinioni.

E l'articolo non è neanche uno spunto ad approfondire: sono Tizio 1 e 2 che se portano avanti una loro tesi che devono fornire le prove di quello che hanno scritto.

Altrimenti chiunque puó scrivere qualsiasi cosa.

Il fatto che poi la chiosa finale sia un puntare il dito contro altri, volendo insegnare loro l'umiltà etc, perdonami ma rende tutto lo scritto ancor meno credibile.

A meno che tu non sia Tizio 1, e voglia semplicemente far vedere il tuo sito: se così fosse, ti invito a non voler far vedere le "tue cose", magari anche valide, iniziando con critiche ad autori "storici" sostenute in modo fumoso e con dita puntate a destra e a manca, non è proprio una cosa di buonissimo gusto.


Il fatto che neuromante si sia sentito punto sul vivo da un'osservazione minore sul come e l'abbia trasformata in un accusa sul cosa ripeto, sempre per usare sue parole, è un problema suo
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,

nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”

Giovanni Vannucci

mauro
brahmana
brahmana
Messaggi: 1484
Iscritto il: 29 marzo 2012, 22:02
Località: viterbo

Re: Le sei verità che non conosci sui Chakra

Messaggioda mauro » 20 febbraio 2016, 7:11

Non so, gb, io nel post di neuromante non ho visto secondi fini.
In quello che tu scrivi sembra che tu li abbia visti e sembra che tu te la sia presa a male.
Nei panni di neuromante, se fossi convinto della mia buona fede, sarei rimasto offeso anche io dalle tue accuse.
Che poi neuromante abbia utilizzato un linguaggio non appropriato nell'introdurre l'articolo, lo ha ammesso e ha chiesto scusa.
Perche' continui a puntare il dito?

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4293
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Re: Le sei verità che non conosci sui Chakra

Messaggioda gb » 20 febbraio 2016, 7:28

mauro ha scritto:Non so, gb, io nel post di neuromante non ho visto secondi fini.
In quello che tu scrivi sembra che tu li abbia visti e sembra che tu te la sia presa a male.
Nei panni di neuromante, se fossi convinto della mia buona fede, sarei rimasto offeso anche io dalle tue accuse.
Che poi neuromante abbia utilizzato un linguaggio non appropriato nell'introdurre l'articolo, lo ha ammesso e ha chiesto scusa.
Perche' continui a puntare il dito?


Per fare assaggiare a neuromante un pó della sua medicina?

Ahimè, purtroppo chi punta il dito poi se subisce lo stesso trattamento si mette un pó a piagnucolare, ma passata la bua ti assicuro che puó essere un'esperienza illuminante, altro che petali dei chackra :lol:
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,

nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”

Giovanni Vannucci

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4293
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Re: Le sei verità che non conosci sui Chakra

Messaggioda gb » 20 febbraio 2016, 7:31

Ad ogni modo direi che questa interesante review di dita puntate e di un articolo vago e fatto di chiacchere per me possono bastare, ai posteri l'ardua sentenza
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,

nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”

Giovanni Vannucci

mauro
brahmana
brahmana
Messaggi: 1484
Iscritto il: 29 marzo 2012, 22:02
Località: viterbo

Re: Le sei verità che non conosci sui Chakra

Messaggioda mauro » 20 febbraio 2016, 8:08

gb ha scritto:Ad ogni modo direi che questa interesante review di dita puntate e di un articolo vago e fatto di chiacchere per me possono bastare, ai posteri l'ardua sentenza


Non ti stavo giudicando, parlavo da lettore che di chakra non capisce una mazza e che sul merito gli si potrebbe dire tutto ed il contrario di tutto senza farmi battere ciglio.
Ma il tuo mi pare un po' un processo alle intenzioni di neuromante, e fino a prova contraria, se lui ti dice che non aveva secondi fini, bisogna credergli, io credo.

Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5613
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

Re: Le sei verità che non conosci sui Chakra

Messaggioda Paolo proietti » 23 febbraio 2016, 10:03

neuromante ha scritto:Salve a tutti. Vi suggerisco un articolo che fornisce qualche spunto per cominciare a fare chiarezza su un argomento di cui si parla quasi sempre a sproposito, anche tra i sedicenti "addetti ai lavori".

Dal sito: http://tripurayoga.altervista.org/blog/le-sei-verita-che-non-conosci-sui-chakra/

Le sei verità che non conosci sui Chakra
(a cura di Tripurayoga, liberamente tratto da un articolo di Christofer Wallis)

Da circa un secolo il concetto di Chakra o centro di energia sottile, è entrato nell’immaginario collettivo occidentale più di qualsiasi altro aspetto della tradizione yogica. Come per tutti gli insegnamenti derivati da fonti sanscrite, l’Occidente (fatta eccezione per pochi studiosi) ha fatto di tutto per snaturarne e distorcerne i contenuti, ergendo il chakra a sigillo emblematico delle banalizzazioni neo-spiritualiste contemporanee.

Senza alcuna pretesa di essere esaustivi in merito a un argomento di fisiologia occulta tanto delicato quanto complesso, con questo articolo cercheremo di rettificare per sommi capi solo alcune delle inesattezze irreversibilmente diffuse dagli agenti infettivi di un certo mercato spirituale che non ha risparmiato neppure l’attuale Oriente, ormai in larga parte contaminato dal grande malessere della modernità. Oggi anche in India è quasi impossibile trovare una corrente yogica che non sia (almeno parzialmente) influenzata da deviazioni euro-americane; difatti quando in tal sede utilizziamo il termine “occidentale” ci riferiamo a tutto l’insegnamento yogico che oggi esiste in lingua inglese, compreso quello indiano moderno.

Purtroppo anche in India è molto raro incontrare persone capaci di leggere il sanscrito in maniera corretta e fluente, basti pensare che la traduzione di un trattato cinquecentesco sui Chakra ad opera di un britannico del novecento (considerata mediocre da alcuni studiosi contemporanei di sanscrito) resta ancora oggi il punto di riferimento di molti lignaggi yoga indiani, mentre la stragrande maggioranza delle pubblicazioni in materia reperibili in commercio, sia in Oriente che in Occidente, non è composta da opere sull’autentica scienza dei Chakra ma da moderni libercoli sincretistici basati su tre punti cardine:

1. Opere di occultisti occidentali del ventesimo secolo che hanno preso in prestito termini dal sanscrito senza comprenderli (come ad esempio il libro del teosofo C.W. Leadbeater’s The Chakras, 1927).

2. La traduzione imperfetta da parte di John Woodroffe (Arthur Avalon) di un solo testo in sanscrito sui Chakra redatto nel 1577.

3. Libri del ventesimo secolo scritti da guru indiani ma basati sulle risorse del punto uno e del punto due.

Non fa eccezione il best seller new age “Il libro dei Chakra” di Anodea Judith (con tutti i suoi derivati) che rientra a pieno titolo tra le fuorvianti opere moderne che millantano di presentare insegnamenti antichi mentendo clamorosamente e forse in maniera del tutto inconsapevole per via della mancata conoscenza del sanscrito.

A questo punto sorge spontanea una domanda: esistono dei testi attendibili sullo studio dei sistemi dei Chakra?

La risposta è si, esistono, ma sono prerogativa di ristretti ambiti accademici che in seguito citeremo.

Adesso concentriamoci sui Chakra e cerchiamo di capire cosa sono e cosa non sono. Gli aspetti più importanti da chiarire sono i seguenti:

1. Non esiste un unico sistema di Chakra, nella tradizione originale ne esistono tanti.

Tantissimi a dire il vero. La teoria del corpo sottile e dei centri energetici chiamati Chakra (o padmas, ādhāras, lakṣyas, etc) deriva dalla tradizione dello yoga tantrico che probabilmente affonda le radici nel substrato pre-vedico e che rifiorì dal 600-1300 d.C. mantenendosi in vita ancora oggi.

Nello Yoga tantrico nella sua fase più matura (dopo il 900 circa), ognuna delle differenti ramificazioni della tradizione articolò un differente sistema di Chakra, alcuni rami tradizionali articolarono più di un sistema.

Venivano insegnati sistemi di cinque Chakra, di sei Chakra, di sette, di nove, di dieci, quindici, ventuno, ventotto e anche più Chakra, a seconda del testo di riferimento.

Il sistema di sette chakra (o tecnicamente 6+1) che i moderni praticanti di yoga conoscono, è solo uno dei tanti ma divenne quello dominante a partire dal sedicesimo secolo (vedi il punto quattro in basso).

Verrebbe da chiedersi quale sistema sia quello corretto e quanti siano realmente i Chakra. Una simile domanda ci condurrebbe al primo grande equivoco: considerare i Chakra alla stregua di autentici organi del corpo. Nulla di più sbagliato. Essi non sono oggetti che possono essere studiati così come i dottori studiano il sistema nervoso o l’apparato respiratorio. Il corpo energetico è una realtà estremamente fluida, come ci si deve aspettare da tutto ciò che non è fisico e va al di la dei sensi. Il corpo energetico può presentare, dal punto di vista dell’esperienza, un qualsiasi numero di centri energetici a seconda della persona e della pratica yogica che sta eseguendo.

Detto questo, esistono alcuni centri che sono presenti in tutti i sistemi, in particolare i Chakra al basso ventre, al cuore e alla corona (in cima al capo), questo perché sono i tre centri nel corpo umano dove tutti sperimentano fenomeni di natura emotiva e spirituale. Ma a parte questi tre, esiste un’immensa varietà di sistemi di Chakra nella letteratura originale. Un sistema non è mai più esatto di un altro, a parte il fatto di esserlo in relazione ad una particolare pratica. Per esempio se si sta operando una tecnica correlata ai cinque elementi, si userà un sistema di cinque Chakra. Se si sta interiorizzando l’energia di sei divinità differenti, si userà un sistema di sei Chakra differenti. Sembra ovvio, ma queste poche (benché importanti) informazioni basilari non sembrano aver raggiunto lo yoga occidentale, nonostante si tratti di nozioni elementari che compongono il cosiddetto “abc”.

2. I Sistemi dei Chakra sono prescrittivi e non descrittivi.

Questo potrebbe essere il punto più importante. Testi di riferimento in lingua occidentale tendono a presentare il sistema dei Chakra come un dato esistente, usando un linguaggio descrittivo, ad esempio: “il Mūlādhāra Chakra è alla base della spina dorsale, ha quattro petali…” e così via.

Nella maggior parte dei testi sanscriti originali questo non è un dato di fatto ma una specifica pratica yogica che consiste nel visualizzare un oggetto sottile caratterizzato da una luce di un particolare colore, con la forma di un loto o di un cerchio rotante in una specifica area del corpo, e in seguito attivare sillabe mantriche in esso, per uno scopo preciso.

Una volta compreso ciò, il punto uno diventa più chiaro. I testi sono prescrittivi, ti dicono cosa devi fare allo scopo di ottenere un particolare risultato per mezzo di tecniche yogiche. Quando in sanscrito si legge in maniera criptica e sintetica ”loto da quattro petali alla base del corpo” dobbiamo comprendere che vuole dire “lo yogi deve visualizzare un loto da quattro petali.”

Nella tradizione tantrica, i Chakra sono punti su cui concentrarsi per la pratica meditativa all’interno del corpo umano, visualizzati come strutture energetiche a forma di disco o di fiori in quei punti dove un numero di nadi o meridiani converge. Sono strutture concettuali ma sono basate sul piano fenomenologico, perché tendono a essere collocate laddove l’essere umano sperimenta esperienze di energia emotiva e/o spirituale e perché la forma in cui sono visualizzate riflette l’esperienza visionaria avuta da meditatori.

3. Gli stati psicologici associati ai Chakra sono invenzioni moderne e occidentali.

Su un enorme numero libri e siti web leggiamo che Mūlādhāra è associato con sopravvivenza e sicurezza, che Maṇipūra è associato con forza di volontà e autostima, e così via. I praticanti dello yoga moderno dovrebbero sapere che l’associazione dei Chakra agli stati psicologici è solo un’innovazione moderna iniziata con Jung.

E’ probabile che tale associazione rappresenti una realtà sperimentata da alcuni (tuttavia bisognerebbe anche considerare l’effetto psicologico del priming),

ma di certo non troviamo tale collegamento nelle risorse in lingua sanscrita che sono le uniche e sole depositarie tradizionali dell’antica scienza dei Chakra.

Esiste solo una simile eccezione di cui siamo a conoscenza ed è il sistema dei dieci Chakra per i musicisti. Si tratta di un sistema risalente al tredicesimo secolo e in esso non troviamo l’intero Chakra associato a una specifica emozione o stato psicologico ma ogni petalo di ogni Chakra è associato a uno stato d’animo differente e sembra che non ci sia alcuna struttura nella quale sia possibile associare ad un Chakra un unico stato psicologico o emotivo.


Ma c’è dell’altro: quasi tutte le associazioni Chakra/psicologia trovate nel libro dei Chakra di Anodea Judith non sono basate su fonti in sanscrito.

Ogni Chakra, secondo Judith, sarebbe associato ad una particolare ghiandola del corpo, ad alcune malfunzioni fisiche, ad alcuni cibi, ad un metallo, ad un minerale, ad un’erba, ad un pianeta, ad un percorse yogico, ad un arcano dei tarocchi, ad una sephira del misticismo ebraico (!) e finanche ad un arcangelo del Cristianesimo (!).

Nessuno di questi collegamenti è presente nei testi originali. Judith o il suo maestro le hanno create basandosi su similitudini percepite soggettivamente e non rappresentano alcuna verità tradizionale.

Lo stesso vale anche per gli oli essenziali e i cristalli che altri testi o siti web d’ispirazione New Age vorrebbero far corrispondere ad ogni Chakra, spacciando recentissime e moderne opinioni per antiche autenticità tradizionali. Non vi è nulla di più falso.

4. Il sistema di sette Chakra che oggi è molto popolare, non deriva da un testo sacro ma da un semplice trattato del 1577.

Il sistema dei Chakra che gli occidentali conoscono è quello contenuto in un testo sanscrito scritto da un signore chiamato Pūrṇānanda Yati che nel 1577 completò il suo saggio Ṣhaṭ-chakra-nirūpaṇa, o spiegazione dei sei Chakra, che in realtà rappresenta il sesto capitolo di un lavoro più vasto.

La maggior parte dei praticanti yoga (sia indiani che occidentali) conoscono il sistema dei sette Chakra solo ed esclusivamente attraverso il testo di Pūrṇānanda, o meglio attraverso una traduzione relativamente incoerente e confusa di tale testo fatta da John Woodroffe (Arthur Avalon) nel 1918.

Nonostante ciò, tale testo è importante per molti lignaggi in india ancora oggi. Lo sarebbe stato senza la traduzione di Woodroffe? probabilmente no, dato che davvero poche persone nell’india moderna sono capaci di leggere il sanscrito in maniera corretta.

Ancora più importante, tuttavia, è il fatto che la Tradizione stessa consideri i testi sacri infallibili e gli autori fallibili, quindi fa sorridere che gli yogi moderni considerino il sistema di sette Chakra di Pūrṇānanda come infallibile, sarebbe molto più sensato considerare infallibili gli scritti tantrici originali (composti prima del 1300). Naturalmente c’è da dire che Pūrṇānanda basa il suo lavoro su testi precedenti, ma ciò non significa che li abbia compresi a pieno (vedi il punto sei in basso).

In sintesi: il sistema dei sette Chakra che conosci è basato sulla traduzione non corretta di un testo non sacro. Ciò non invalida il testo in sé ma rende davvero molto problematica la sua egemonia.

5. Lo scopo del sistema dei Chakra è di funzionare come modello per la pratica del Nyāsa.

Per quanto riguarda i testi originali, lo scopo principale di ogni sistema dei Chakra era quello di funzionare come modello per il Nyāsa, che sarebbe l’installazione di mantra e divinità/energie su specifici punti del corpo sottile. Quindi, nonostante oggi milioni di persone si siano appassionate alle tecniche dei Chakra, quasi nessuno tra loro le utilizza nella maniera corretta. Le caratteristiche più importanti dei sistemi di Chakra nei testi originali sono due:

1) i suoni mistici dell’alfabeto sanscrito sono distribuiti attorno ai petali di tutti i Chakra presenti nel sistema.

2) ogni Chakra è associato ad una specifica divinità hindù.


Nel nyāsa si visualizzano specifiche sillabe mantriche in particolari punti di uno specifico Chakra nel corpo energetico, mentre silenziosamente s’intonano i suoni in ripetizione. Chiaramente, tale pratica è impressa in uno specifico contesto culturale in cui i suoni della lingua sanscrita sono visti come potenti vibrazioni che svolgono un ruolo efficace nella tecnica yogica che può portare liberazione spirituale e benefici mondani attraverso mezzi magici.

Invocare l’immagine e l’energia di una specifica divinità in uno specifico Chakra rappresenta un elemento fondamentale. Se i praticanti occidentali scoprissero cosa tali divinità rappresentano realmente, la pratica dovrebbe essere potenzialmente più significativa anche per loro. Le cosiddette Divinità Causa (karana-devatās) sono presenti in ogni sistema di Chakra.

Tali divinità formano una sequenza fissa. Dal Chakra più basso al più alto ci sono Indra, Brahmā, Vishnu, Rudra, Īśvara, Sadāśiva, e Bhairava, con la prima e l’ultima divinità spesso non presente, a seconda del numero di Chakra.


L’ultima divinità nella lista delle divinità-causa non è mai l’ultima divinità del dato sistema, ed è posta al di là della testa e quindi al di là del Chakra più alto. Dunque Bhairava (l’aspetto più esoterico di Shiva) è solo incluso nella lista delle divinità-causa. Se ho un sistema in cui l’aspetto trascendente è Bhairava, allora Bhairava non sarà incluso nelle divinità associate ai Chakra.

6. Il Bija Mantra che si crede sia associato al Chakra, in realtà è associato all’elemento che in tale Chakra può essere installato.

Spesso si legge che il mantra seme (bīja o mantra dalla singola sillaba) del Mūlādhāra Chakra sia LAM. Non lo è. Non lo è nelle fonti sanscrite, e nemmeno nella rivisitazione di Pūrṇānanda. Mentre il mantra di Svādhiṣṭhāna non è VAM. Sembra strano ma la spiegazione è molto semplice: LAM è il mantra-seme dell’elemento terra, che in molte pratiche di visualizzazione è installato nel Mūlādhāra. VAM è il mantra seme dell’elemento acqua che in molte pratiche è installato in Svādhiṣṭhāna (almeno per quanto riguarda il sistema dei sette Chakra che conosci), e così via: RAM è la sillaba dell’elemento fuoco, YAM è l’aria e HAM è lo spazio.

I mantra fondamentali associati ai i primi cinque Chakra in realtà non appartengono ad essi, ma ai cinque elementi installati su tali Chakra. Inoltre, alcune delle figure geometriche associate ai Chakra appartengono agli elementi, l’elemento terra è tradizionalmente rappresentato da un quadrato giallo, l’acqua da una luna crescente argentata, il fuoco da un triangolo rosso che punta in basso, l’aria da un esagramma o stella a sei punte e spazio da un cerchio. Quindi quando si notano tali figure nei Chakra bisogna capire che sono rappresentazioni di tali elementi, e non è una geometria inerente al Chakra stesso.

Questo ci conduce all’ultimo punto: anche le fonti sanscrite possono essere confuse. Per esempio nel testo di Pūrṇānanda del sedicesimo secolo (la base del moderno sistema dei Chakra) i cinque elementi sono installati nei primi cinque Chakra del sistema di sette.

Ma ciò non funziona in realtà, perché in tutti i sistemi classici l’elemento spazio è installato alla corona del capo, perché è in quel punto che lo yogi sperimenta un’espansiva apertura nello spazio infinito, e quindi deve essere alla cima del capo.

Conclusioni

A questo punto abbiamo appena sfiorato la superficie del nostro oggetto di studi, che in realtà è estremamente complesso. Il consiglio che possiamo dare ai lettori è quello di dare un’occhiata a una certa letteratura accademica come ai lavori di Dory Heilijgers-Seelen o di Gudrun Bühnemann. Sarà un procedimento molto complicato poiché la lettura delle loro opere richiederà non solo una grande concentrazione ma anche un immenso sforzo di umiltà.

L’umiltà servirà soprattutto ai “maestri yoga” che in buona fede credono di insegnare realmente ai propri discepoli la verità sui Chakra, ignari di divulgare inesattezze e distorsioni di natura moderna, spacciandole per autenticità tradizionali.

A costoro vorremmo chiedere soltanto la cortesia di rivelare ai propri allievi che ciò che stanno apprendendo sui Chakra è in realtà soltanto un possibile modello, uno dei tanti, frutto di moderne esperienze soggettive che non rappresentano in alcun modo l’autenticità tradizionale della dottrina. Sarebbe un grande gesto di umiltà e di onestà intellettuale, qualità che ogni vero maestro yoga in teoria dovrebbe avere.

Fonte: http://www.tantrikstudies.org/blog/2016 ... he-chakras


Ma
. ogni tanto ne arriva una vecchia/ nuova.
Il satchakra bheda nirupana, testo di riferimento di avalon, non parla assolutamente del sistema dei sette chakra, ma ne descrive molti di più secondo la tradizione dello hatha yoga.
Matsyendranath ne descrive 8 ad 8 petali, i veda quando parlano di narasimha ne descrivono 5 come i tibetani.
I sei ( non sette... Shat significa sei...) chakra tradizionali sono quelli legate alle sillabe della scrittura alfasillabica sanscrita: 48 + i due gruppi HAM e KSHAM.
il cosiddetto chakra dei mille petali è formato da q venti cerchi delle 50 sillabe. Sono frequenze, in buona sostanza.
I chakra per lo hatha yoga, sono i luoghi di partenza o di intersezione delle 72.000 nadi. A seconda della pratica che si vuole fare si prenderà come riferimento un gruppo di chakra o un altro.

Insomma ragazzi prima di criticare a alon o matsyendranath o admasambhava perché non leggete i loro testi? :)
Il Manzo non Esiste

Guido B
paria
paria
Messaggi: 2
Iscritto il: 23 febbraio 2016, 12:12

Re: Le sei verità che non conosci sui Chakra

Messaggioda Guido B » 23 febbraio 2016, 12:29

Paolo proietti ha scritto:Ma
. ogni tanto ne arriva una vecchia/ nuova.
Il satchakra bheda nirupana, testo di riferimento di avalon, non parla assolutamente del sistema dei sette chakra, ma ne descrive molti di più secondo la tradizione dello hatha yoga.


Satchakra nirupana descrive un sistema di 6 chakra principali piu sahasrara.
Non è un testo che appartiene alla tradizione Hatha yoga, ma è un testo Kaula (esiste una sostanziale differenza tra le due correnti, e se la si ignora vuoi dire che non si ha abbastanza conoscenza sull argomento).



Paolo proietti ha scritto:i veda quando parlano di narasimha ne descrivono 5 come i tibetani.


Confondi i chakra con gli anga del nyasa (ti consiglio di approfondire l'argomento)


Torna a “La fisiologia sottile”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite