Rujing e Soon

chakra, nadi, kundalini ed esperienze del corpo energetico
Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5614
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

Rujing e Soon

Messaggioda Paolo proietti » 30 novembre 2011, 22:02

Le pratiche taoiste (così come lo yoga) necessitano di tre condizioni preliminari:

1) assumere la giusta posizione (DIAOSHEN).

2)Trovare la giusta respirazione (DIAOXI).

3) Ottenere il giusto stato mentale (YISHOU o mantenere l'attenzione focalizzata).

La giusta posizione è la più comoda che si può assumere con le gambe incrociate , la schiena diritta, i muscoli del collo e le spalle rilassate gli occhi socchiusi (nè aperti per non rischiare di farsi distrarre nè chiusi per non rischiare di non sprofondare nell'immaginazione) .

La giusta respirazione è la respirazione sottile leggera e naturale.

Il giusto stato mentale è quello che scaturisce da RUJING e per alcuni, coincide con RUJING

La parola Rujing formata dagli ideogrammi 靜 jìng​ che vuol dire quiete, pace, calma e dall'ideogramma 入 rù​ che letteralmente significa entrare [in uno stato o paese straniero), andare in un luogo , trovare un legame con....significa entrare nel territorio della quiete.
Come se la quiete fosse non uno stato d'animo ma un luogo.

Ma , jing con la stessa pronuncia , si può scrivere anche 鏡 jìng​ che significa specchio.

入 rù​鏡 jìng​ starebbe quindi per "entrare nel paese dello specchio".
Come l'Alice di Lewis Carrol.
Immagine

Rujing, qualsiasi cosa significhi, è lo stato dal quale partono tutte le tecniche operative della meditazione taoista.

Capire cosa sia effettivamente Rujing credo sia un passo necessario per poterlo raggiungere/realizzare.

Nella cina moderna RuJing è inteso come "distacco dalle attività mentali".

In altre parole RuJing è "la soppressione delle modificazioni della mente".


鬆 sōng , è formato dall'ideogramma che si pronuncia alla stessa maniera 松 sōng​ che significa pino e dai segni 竹 zhú​ che significa bambù e 尸 shī​ che significa sia cadavere che "attore che interpreta la morte o il cadavere"

松 sōng​ = pino è invece formato dai segni
戈 gē​ che significa lancia.
金 jīn​ che significa oro
木 mù​ che significa albero-legno.

Rujing è formato da
入 rù​ che significa entrare in un paese o in un luogo
人 rén​ Uomo/persona e
竹 zhú​ che vuol dire Bambù.

靜 jìng​ che vuol dire quiete, pace, calma .
sua volta è composto da:
手 shǒu​ che vuol dire mano (ma anche "potenziale artefice")
月 yuè​ che vuol dire luna
ancora 月 yuè​ (月月 yuè​ yuè​ significa "ogni mese")
尸 shī​ che vuol dire cadavere .
木 mù​ che vuol dire albero, legno.
Il Manzo non Esiste

Avatar utente
matasilogo
brahmana
brahmana
Messaggi: 1947
Iscritto il: 16 agosto 2008, 11:41
Località: Villa d'Adda Bergamo
Contatta:

Re: Rujing e Soon

Messaggioda matasilogo » 21 dicembre 2011, 14:53

Paolo proietti ha scritto:Le pratiche taoiste (così come lo yoga) necessitano di tre condizioni preliminari:

1) assumere la giusta posizione (DIAOSHEN).

2)Trovare la giusta respirazione (DIAOXI).

3) Ottenere il giusto stato mentale (YISHOU o mantenere l'attenzione focalizzata).
...........
Il giusto stato mentale è quello che scaturisce da RUJING e per alcuni, coincide con RUJING
...........
In altre parole RuJing è "la soppressione delle modificazioni della mente".
.................


Mi fa piacere che unisci due culture così rilevanti.
Rimane il vecchio problema del Sutra di Patangiali 1.2 che tu traduci, come troppi altri, con "sopressione delle modificazioni della mente".
Tu forse eri troppo giovane, ma al congresso della neonata Federazione Italiana Yoga con i pilastri della cultura europea Da Messie Bliz a Andre Van Lysebeth a sri Carlo Patrian a Nuzzo in via Corridoni a Milano nel 1976 era stato esposto il manifesto della manifestazione con sottotitolo: "La mente agitata va calmata"
Modificazioni rispetto a cosa è "normale"?
Se vedi il video Di Krisnamurti sulla meditazione, irride al concetto di vuoto mentale.
La mente se si vuota è in coma.
E poi in uno stato diverso non si deve tener conto del sistema nervoso periferico?.
Propongo, come metodi: o concentrarsi sulla respirazione e l'aria che passa nelle narici o
su un oggetto che può essere la definizione delle propie paure e fobie o rabbia, da localizzare in un passato che "di momento si allontana e esaurisce", di momento in momento oppure in un oggetto che può essere la ricerca "creativa" di un progetto di vita prossimo o futuro che confronta le alternative possibile o future al fine del proprio od altrui benessere.Questo è lo scopo della nostra vita.
Questa fase può arrivare allo stato di trance.

Sfffffffffffffffff
Leggi i Sutra di Patangiali Edizione tradotta da Taimni o Iyengar.
Nella Natura, nello Yoga, nella Scienza i percorsi si intrecciano e producono l'evoluzione.
Il cambiamento è vita. Meglio collaborare che confliggere.
OM

R9+
brahmana
brahmana
Messaggi: 1354
Iscritto il: 7 marzo 2006, 22:52
Località: ovunque ci sia mare e amore

Messaggioda R9+ » 21 dicembre 2011, 15:50

Credo che, alla fine di interventi di questo tipo, sia una ottima cosa chiudere il discorso con:

"questo è quello che io credo di aver capito di...."

Sarebbe un ottimo segno di buon senso ed equilibrio, da parte di tutti, a cominciare da me.


Torna a “La fisiologia sottile”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron