Chakra del Cuore

chakra, nadi, kundalini ed esperienze del corpo energetico
Avatar utente
Sha
vaisya
vaisya
Messaggi: 58
Iscritto il: 13 dicembre 2006, 13:04
Località: Il non-luogo ;)

Chakra del Cuore

Messaggioda Sha » 16 agosto 2007, 12:08

Salve signori... :roll:
Vado dritto al sodo perchè non amo fare
lunghe introduzioni. Non mi piace dilungarmi in discorsi sterili.

Questo mese ho controllato la mia energia sessuale e ho notato
certe interessanti correlazioni pervenendo a delle conclusioni.
Vorrei sapere che ne pensate.

Prima di tutto come l'ho controllata...
Ogni volta che mi veniva lo "spillo" di fare sesso, mi concentravo su quello che succedeva nel mio corpo, e notavo che nella zona

delle viscere, lungo la linea centrale superficiale, partendo da qualche millimetro sopra l'ombelico, era come se qualcosa "scendesse". Mi è venuto subito spontaneo di abbinare tale

sensazione al colore rosso. Ho così visualizzato nella mia mente
questa linea rossa che scendeva ad impulsi partendo da una regione situata due dita sopra il punto in cui la linea centrale del

torace (il processo xifoideo) si biforca e una linea blu che risaliva ad impulsi fino al punto da dove era partita.
Ho notato così che la mia energia che scendeva verso il basso

all'inizio, ha cominciato a stagnare in quella regione, quella di partenza. L'energia non scendeva più spontaneamente. Scendeva solo se io lo desideravo.

Ho avvertito una strana sensazione nella regione dove avevo

rediretto l'energia, come qualcosa che batteva e ruotava da sinistra verso destra. Dal punto di vista di un osservatore sarebbe stato antiorario. Dal mio punto di vista era orario.

Se mi concentro lo sento ancora adesso, mentre scrivo.
Appena avrò la possibilità, riproverò facendo stagnare l'energia in gola. Vediamo che succede...

Mi sono concentrato sulla parte anteriore del corpo, e non sulla colonna. Avevo gia provato concentrandomi sulla colonna, ma questo non aveva fatto altro che incrementare di molto quella

energia che diventava così difficile da gestire. La direzionavo alla testa, e conseguentemente se il corpo restava fermo aveva degli scatti, come dei riflessi condizionati.

L'energia doveva essere scaricata. Se invece lasciavo che il corpo
si muovesse secondo il suo volere (una specie di dondolio tremologgiante a scatti), avevo sensazioni molto piacevoli.

Comunque, le mie conclusioni sono le seguenti: l'energia sessuale non dovrebbe chiamarsi sessuale (perchè implica il sesso), ma energia e basta.

Inoltre, questa energia non è provocata dal testosterone, ma dalla
mente stessa. Il ruolo del testosterone è solo quello di alimentare
certi tipi di pensieri(come buttare alcool sul fuoco per intenderci).

Avatar utente
adriana
vaisya
vaisya
Messaggi: 154
Iscritto il: 8 agosto 2005, 14:27
Località: buenos aires

cittazione

Messaggioda adriana » 16 agosto 2007, 23:34

Ciao SHa , é molto bella la tua esperienza ed anche molto interessante Mai ci sono riuscita a guardare le energie , sia sessuali o di qualunque tipo La tua esperienza mi e sembrata meravigliosa molto vicina a quel che insegnano i mAestri sopratutto mi ha fatto ricordare a Vivekananda che sempre consigliava di visualizare la kundalini ed ordinare ad essa di svegliarsi Complimenti !
l' odio non finisce con odio.solo si ferma con l'amore.buda

Avatar utente
Sha
vaisya
vaisya
Messaggi: 58
Iscritto il: 13 dicembre 2006, 13:04
Località: Il non-luogo ;)

Re: cittazione

Messaggioda Sha » 17 agosto 2007, 15:36

adriana ha scritto:Ciao SHa , é molto bella la tua esperienza ed anche molto interessante Mai ci sono riuscita a guardare le energie , sia sessuali o di qualunque tipo La tua esperienza mi e sembrata meravigliosa molto vicina a quel che insegnano i mAestri sopratutto mi ha fatto ricordare a Vivekananda che sempre consigliava di visualizare la kundalini ed ordinare ad essa di svegliarsi Complimenti !


Avrei voluto descriverla meglio, ma le parole possono arrivare
fino a un certo punto. Comunque, ho mancato di descrivere una cosa: l'energia che all'inizio scendeva e che abbinavo ad una linea ad impulsi rossa, la facevo risalire visualizzando una linea ad impulsi blu fino a quando il tutto non è rientrato sotto il mio controllo (decisione di farla o non farla scendere). Rossa quando scendeva e blu quando saliva...

Questa cosa continua ad avere effetti ancora adesso.
Ho maggiore chiarezza mentale e un perfetto controllo dei processi. Se posso dire la mia, non esistono tanti tipi di energie.
Secondo me, basandomi insomma su quello che sento, che avverto, l'energia è una soltanto.

Quando poi prende certe direzioni, che io chiamerei "direzioni di scarico" (perchè l'energia deve trovare sfogo), si cominciano a darle nomi ben definiti. Per digerire ci vuole energia, per mantenere una temperatura media di 36 gradi ci vuole energia, per camminare ci vuole energia, per pensare ci vuole energia, e anche per meditare, ci vuole energia. Quando va in basso, questa energia prende il nome di "sessuale". Quando va in alto si chiama cerebrale. Quando è diffusa in tutto il corpo si chiama locomozione. Insomma...sempre quella è l'energia.

La fisica ci è d'aiuto. L'unità di misura dell'energia è la caloria o il joule. Ogni spesa di energia, avviene con le calorie. Quindi l'energia è sempre una, altrimenti avremmo più unità di misura.
Poi a seconda della direzione che prende, le cose cambiano.

La kundalini secondo me, o almeno per come ne ho fatto esperienza, è sempre la stessa energia presente in tutti i corpi che però è forzata a percorrere la direzione che va dalla colonna vertebrale alla testa. Secondo me, sono molti i legami fra la kundalini e l'epilessia. Non per niente, l'epilessia in antichità veniva ritenuta un dono degli dei. Cesare era epilettico...

Riflettendoci sopra, cosa succede quando si ha un attacco di epilessia? Convulsioni...un eccesso di elettricità (energia mal controllata) viaggia attraverso il sistema nervoso fino al cervello. Il corpo si contrae tutto e la respirazione cessa per un po. Se quei miei scatti tipo riflessi condizionati fossero stati prolungati, cioè se l'energia non fosse arrivata ad impulsi, ma come un flusso continuo, avrei avuto i sintomi di quello che si chiama un attacco di epilessia vero e proprio.

Mi viene di definirla come una "fuga incontrollata di energia" alla quale il corpo pone rimedio con quei sintomi tipici per trattenerla.
Queste sono soltanto riflessioni personali.
Non sono medico...

Andris
vaisya
vaisya
Messaggi: 63
Iscritto il: 5 gennaio 2008, 12:51

Chiusura del centro del petto

Messaggioda Andris » 7 giugno 2008, 1:11

Ciao a tutti!

ho una domanda aperta per tutti.

ho letto che uno shock o una fatica estrema possono determinare la chiusura del centro del petto (quarto chakra) e conseguenti ripercussioni sul meridiano del cuore.
secondo voi è possibile riaprire questo chakra o si è condannati per sempre?

un abbraccio
A.

R9+
brahmana
brahmana
Messaggi: 1354
Iscritto il: 7 marzo 2006, 22:52
Località: ovunque ci sia mare e amore

Messaggioda R9+ » 7 giugno 2008, 10:04

L'epilessia è causata da grossi varchi nel corpo eterico, quindi è una cosa un po diversa, ma che l'energia sia semplicemente energia è una bella constatazione, man mano che essa scende...(l'energia segue il pensiero) tende a densificarsi e a trasformarsi in cio che chiamiamo sperma, se grazie alla giusta pratica yoga e al corretto pensiero tende a compiere il suo percorso di risalita lungo la colonna vertebrale, allora si compie lo scopo di ciascuna esistenza fisica e si realizzano una serie di auspicabili risultati, tra i quali il liberarsi dal fastidioso ciclo di morti e rinascite per proseguire la propria esperienza su altri piani vibrazionali della creazione.

R9+
brahmana
brahmana
Messaggi: 1354
Iscritto il: 7 marzo 2006, 22:52
Località: ovunque ci sia mare e amore

Re: Chiusura del centro del petto

Messaggioda R9+ » 7 giugno 2008, 10:06

Andris ha scritto:Ciao a tutti!

ho una domanda aperta per tutti.

ho letto che uno shock o una fatica estrema possono determinare la chiusura del centro del petto (quarto chakra) e conseguenti ripercussioni sul meridiano del cuore.
secondo voi è possibile riaprire questo chakra o si è condannati per sempre?

un abbraccio
A.



Qualsiasi sia il giornale su cui hai letto questa idiozia, non comperarlo piu, sono soldi buttati.

Andris
vaisya
vaisya
Messaggi: 63
Iscritto il: 5 gennaio 2008, 12:51

Re: Chiusura del centro del petto

Messaggioda Andris » 7 giugno 2008, 11:37

R9+ ha scritto:
Andris ha scritto:Ciao a tutti!

ho una domanda aperta per tutti.

ho letto che uno shock o una fatica estrema possono determinare la chiusura del centro del petto (quarto chakra) e conseguenti ripercussioni sul meridiano del cuore.
secondo voi è possibile riaprire questo chakra o si è condannati per sempre?

un abbraccio
A.



Qualsiasi sia il giornale su cui hai letto questa idiozia, non comperarlo piu, sono soldi buttati.


Ciao R9,

metto tra virgolette quanto ho letto su internet con relativo link.
"La disfunzione del meridiano del Cuore è causata da un conflitto di separazione da una persona cara, o da una tensione (preoccupazione) notevole con una persona della famiglia; appare generalmente dopo la chiusura del centro del torace accompagnata da una tensione nervosa dovuta a uno shock o a una fatica estrema".

http://spazioinwind.libero.it/risveglio ... ni%201.htm

per favore dimmi allora se posso ancora aprire il chakra?

R9+
brahmana
brahmana
Messaggi: 1354
Iscritto il: 7 marzo 2006, 22:52
Località: ovunque ci sia mare e amore

Messaggioda R9+ » 7 giugno 2008, 13:05

Maddai su, siamo seri....ti pare mai possibile che un chakra si chiuda per un dispiacere e non si riapra piu?? :lol:
Credi di essere l'unico ad avere avuto dei dispiaceri? Allora dovremmo avere tutti il chakra chiuso murato......maddai su!
Non esiste NIENTE che sia fisso, standard, o uguale per tutti, ognuno è diverso,
questo tipo di ragionamento viene da chi non ha capito niente di niente, figuriamoci poi di chakras!
Stai tranquillo, se c'è una cosa di cui non devi proprio minimamente preoccuparti è proprio dei chakras, lasciali pure stare come sono e vivi la tua vita nel modo migliore possibile, vedrai che tutto andrà bene, nonostante quello che dicono i "sapienti" :lol: .

Andris
vaisya
vaisya
Messaggi: 63
Iscritto il: 5 gennaio 2008, 12:51

Messaggioda Andris » 7 giugno 2008, 14:40

R9+ ha scritto:Maddai su, siamo seri....ti pare mai possibile che un chakra si chiuda per un dispiacere e non si riapra piu?? :lol:
Credi di essere l'unico ad avere avuto dei dispiaceri? Allora dovremmo avere tutti il chakra chiuso murato......maddai su!
Non esiste NIENTE che sia fisso, standard, o uguale per tutti, ognuno è diverso,
questo tipo di ragionamento viene da chi non ha capito niente di niente, figuriamoci poi di chakras!
Stai tranquillo, se c'è una cosa di cui non devi proprio minimamente preoccuparti è proprio dei chakras, lasciali pure stare come sono e vivi la tua vita nel modo migliore possibile, vedrai che tutto andrà bene, nonostante quello che dicono i "sapienti" :lol: .


Ok! ricevuto...
in ogni caso cercherò di privilegiare gli alimenti del IV chakra ed anche le sue asana.
speriamo di poterlo gradualmente aprire...sono sicuro che se ci riuscissi sboccherei il mio corpo...Devo "continuare ad osservare"...

Andris
vaisya
vaisya
Messaggi: 63
Iscritto il: 5 gennaio 2008, 12:51

Messaggioda Andris » 8 giugno 2008, 12:08

R9+ ha scritto: se grazie alla giusta pratica yoga e al corretto pensiero tende a compiere il suo percorso di risalita lungo la colonna vertebrale, allora si compie lo scopo di ciascuna esistenza fisica e si realizzano una serie di auspicabili risultati, tra i quali il liberarsi dal fastidioso ciclo di morti e rinascite per proseguire la propria esperienza su altri piani vibrazionali della creazione.


quali sono questi altri piani vibrazionali?

ho letto che il risveglio di kundalini determina una mutazione genetica che conduce ad un piano vibrazionale più alto.
A.

R9+
brahmana
brahmana
Messaggi: 1354
Iscritto il: 7 marzo 2006, 22:52
Località: ovunque ci sia mare e amore

Messaggioda R9+ » 9 giugno 2008, 22:04

Tu leggi troppo, stai tranquillo.

Andris
vaisya
vaisya
Messaggi: 63
Iscritto il: 5 gennaio 2008, 12:51

Messaggioda Andris » 28 giugno 2008, 23:10

R9+ ha scritto:Tu leggi troppo, stai tranquillo.


Hai ragione...è più forte di me!
l'ultima che ho letto è che il chakra del cuore è doppio: anteriore e posteriore.
secondo voi se si forma una cicatrice nel petto, è chiuso solo l'anteriore o anche il posteriore?
un abbraccio
A.

Avatar utente
Faber
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 284
Iscritto il: 24 novembre 2004, 13:44
Località: roma
Contatta:

Messaggioda Faber » 30 giugno 2008, 13:20

Considera che le descrizioni che hai trovato riguardo i chakra sono dei modelli, non vanno presi troppo alla lettera come se fossero descrizioni di oggetti fisici..(siamo pur sempre nel sottile..)
Non direi che la cicatrice è un segno sicuro di chiusura del chakra (che può derivere da traumi emozionali)
esistono molte pratiche yoga che mirano a sbloccare l'energia del IV Chakra (puoi trovare un kriya apposito sul mio blog)

Andris
vaisya
vaisya
Messaggi: 63
Iscritto il: 5 gennaio 2008, 12:51

Messaggioda Andris » 30 giugno 2008, 15:00

Faber ha scritto:Considera che le descrizioni che hai trovato riguardo i chakra sono dei modelli, non vanno presi troppo alla lettera come se fossero descrizioni di oggetti fisici..(siamo pur sempre nel sottile..)
Non direi che la cicatrice è un segno sicuro di chiusura del chakra (che può derivere da traumi emozionali)
esistono molte pratiche yoga che mirano a sbloccare l'energia del IV Chakra (puoi trovare un kriya apposito sul mio blog)


Ciao Faber!
grazie per la risposta.
il fatto è che la cicatrice è emersa dopo un trauma emozionale che ho avuto; c'è chi mi dice che non posso più rimettere a posto il chakra (purtroppo adesso sento tensione nel meridiano del cuore destro e faccio fatica a dormire).

scusa la mia ignoranza, cosa è un kriya?
mi mandi un link più diretto?

un abbraccio
A.

Avatar utente
Faber
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 284
Iscritto il: 24 novembre 2004, 13:44
Località: roma
Contatta:

Messaggioda Faber » 1 luglio 2008, 1:08

Ciao, un kryia è una sequenza di asana, movimenti e respirazioni, che sono finalizzate a muovere o a sbloccare l'energia in determinate direzioni stimolando i meridiani e i chakra secondo un preciso disegno. Possono essere utilizzati anche per risolvere problematiche specifiche.
Certo io non mi fiderei molto di chi mi dicesse che "non potrei mai risolvere un problema attuale.."
il link per il kryia per il IV CK è
http://olohealing.blogspot.com/2008/06/ ... atuta.html


Torna a “La fisiologia sottile”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron