Pasta e Micotossine

cucina vegetariana e yogica, digiuno
ckstars
brahmana
brahmana
Messaggi: 1209
Iscritto il: 6 settembre 2005, 19:14
Contatta:

Pasta e Micotossine

Messaggioda ckstars » 30 novembre 2012, 10:39

La ditta Barilla non è più italiana ma americana e usa grano con tassi di micotossine altissimo (ammuffito), derivante da lunghi stoccaggi al prezzo più basso possibile. L'UE nel 2006 ha alzato, con un colpo di mano, i livelli accettati di micotossine presenti nel grano duro, di modo che tanti paesi potranno produrre grano duro in climi non adatti badando solo alla quantità, distruggendo i contadini del sud Italia il cui grano non contiene micotossine e portando al fallimento le industrie sementiere mediterranee. Per esportare pasta in USA (Canada) il grano deve avere un tasso di micotossine di circa la metà di quello che la UE accetta per le importazioni di grano duro dagli stessi paesi, così succede che i prezzi internazionali del grano duro crollano. I commercianti italiani e i monopolisti internazionali acquistano al prezzo più basso possibile da contadini che hanno bisogno di soldi per pagare i debiti, per poi speculare quando tutto il grano è nei loro magazzini (ammuffito) - gli stessi commercianti esportano il grano migliore italiano all'estero lucrandoci sul prezzo e importano grano ammuffito e radioattivo dall'estero. Così facendo, si avvelena di fatto il pane e la pasta venduti in Italia" Dott.ssa Giuliana Icardi Universita' del Piemonte Orientale - Biblioteca DiGSPES "N. Bobbio"

ckstars
brahmana
brahmana
Messaggi: 1209
Iscritto il: 6 settembre 2005, 19:14
Contatta:

Messaggioda ckstars » 30 novembre 2012, 10:41

Purtroppo tra le micotossine sono presenti le famigerate aflotossine dovute appunto a lunghi stoccaggi in luoghi umidi e senza ricambio di aria, sono resistenti alla temperatura sono responsabili del tumore all’ apparato linfatico, allo stomaco, pancreas, fegato, duodeno.
C’e’ da dire che la pasta di cattiva qualita’ ha una grande quantita’ di riciclato: quando viene trafilato uno spaghetto per esempio si generano percentuali alte di scarti gli scarti vengono rimiscelati e di nuovi trafilati, cio’ da’ alla pasta un grado alto di grossa granulosita’ e cattivo sapore.
Fonte: Ckstars

ckstars
brahmana
brahmana
Messaggi: 1209
Iscritto il: 6 settembre 2005, 19:14
Contatta:

Messaggioda ckstars » 30 novembre 2012, 10:42

Mi si domanda:

Quindi bisogna evitare la Barilla e le marche più famose e scegliere bio o non è sufficiente ?

ckstars
brahmana
brahmana
Messaggi: 1209
Iscritto il: 6 settembre 2005, 19:14
Contatta:

Messaggioda ckstars » 30 novembre 2012, 10:44

Evitare Barilla, Arrigoni …. Controllare lo stabilimento di produzione

poi un sapore neutro della pasta significa spesso che nel tentativo di eliminare gli odori e i sapori delle micotossine (alcune pero’ non hanno ne’ odore ne’ sapore!) per esempio con getti di aria calda si e’ eliminato anche il sapore del grano !

Evitare pasta che presenta granulosita’ bianca anche apparente.

La pasta BIO dovrebbe essere garantita .....

Le paste dichiarate trafilate al bronzo o alla pietra difficile che possano utilizzare grano riciclato perche’ non resisterebbe al trattamento. Inoltre e’ un controsenso utilizzare mescole di grano di cattiva qualita’ per poi utilizzare stabilimenti di trafilatura ed essiccazione (come quelli al bronzo) molto costosi.

Ancora e’ da considerare che l’ attacco delle micotossine deve essere reiterato, non e’ che se mangi un piatto di Barilla all’ anno ti becchi un tumore .... tendenzialmente nell’ uso reiterato puoi aumentare la probabilita’ di formazione di cellule malformate (oncogenesi) molto intelligenti ma un sistema immunitario solido e’ in grado di scovarle e farle fuori.

Cambiando spesso marca di pasta quindi riduci drasticamente la probabilita’ di consumare pasta tossica.

Un abbraccio, Cks

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4293
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Messaggioda gb » 30 novembre 2012, 11:04

Grazie per la segnalazione: noi andiamo di pasta bio, cambiando marca e tipo di grano (kamut, saraceno, mais etc.) e di solito andando sulle paste integrali...
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,
nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”
Giovanni Vannucci

ckstars
brahmana
brahmana
Messaggi: 1209
Iscritto il: 6 settembre 2005, 19:14
Contatta:

Messaggioda ckstars » 30 novembre 2012, 11:38

Con ottima probabilita' cosi' mangiate un ottimo alimento, di meglio ci sono i cereali in chicchi ... .. ...
Un abbraccio, Cks

ckstars
brahmana
brahmana
Messaggi: 1209
Iscritto il: 6 settembre 2005, 19:14
Contatta:

Messaggioda ckstars » 30 novembre 2012, 12:03

Purtroppo il problema non e' soltanto cio' che compriamo ma anche dove mangiamo ... io per esempio 5 gg su sette sono a pranzo fuori per lavoro: sono 5 su 19 pasti alla settimana.
Credo che piuttosto che rinforzare le barriere (comprare bene) allertare il Sistema Immunitario per avere un esercito sempre attivo.
Un abbraccio, Cks

Avatar utente
padmasana2000
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 274
Iscritto il: 10 febbraio 2006, 17:17
Località: arona

Messaggioda padmasana2000 » 30 novembre 2012, 13:23

mah, che Barilla sia statunitense mi giunge nuova.
cmq, io vivo di pasta ( anche barilla, ma pure low cost ), e non ho mai avuto sintomi strani.
stando a quanto leggo qui sopra, dovrei essere defunto da tempo. invece godo di ottima salute. che sia a causa dello yoga?
in attesa di subire una curiosa mutazione genetica, vi mando un caro saluto.

Avatar utente
Chlòé
brahmana
brahmana
Messaggi: 538
Iscritto il: 14 maggio 2012, 17:15

Re: Pasta e Micotossine

Messaggioda Chlòé » 2 dicembre 2012, 9:48

ckstars ha scritto:La ditta Barilla non è più italiana ma americana e usa grano con tassi di micotossine altissimo (ammuffito), derivante da lunghi stoccaggi al prezzo più basso possibile. L'UE nel 2006 ha alzato, con un colpo di mano, i livelli accettati di micotossine presenti nel grano duro, di modo che tanti paesi potranno produrre grano duro in climi non adatti badando solo alla quantità, distruggendo i contadini del sud Italia il cui grano non contiene micotossine e portando al fallimento le industrie sementiere mediterranee. Per esportare pasta in USA (Canada) il grano deve avere un tasso di micotossine di circa la metà di quello che la UE accetta per le importazioni di grano duro dagli stessi paesi, così succede che i prezzi internazionali del grano duro crollano. I commercianti italiani e i monopolisti internazionali acquistano al prezzo più basso possibile da contadini che hanno bisogno di soldi per pagare i debiti, per poi speculare quando tutto il grano è nei loro magazzini (ammuffito) - gli stessi commercianti esportano il grano migliore italiano all'estero lucrandoci sul prezzo e importano grano ammuffito e radioattivo dall'estero. Così facendo, si avvelena di fatto il pane e la pasta venduti in Italia" Dott.ssa Giuliana Icardi Universita' del Piemonte Orientale - Biblioteca DiGSPES "N. Bobbio"


Questa informazione è scritta ad arte MA è una bufala.
L'ha smentita la stessa dottoressa citata in questione.
Occorre stare molto attenti alla veridicità di quello che si legge in giro...

W la pappa pappa,
col pomopomopomo pomodoro... :wink:
...Dii di dooh
daa
da daah...

Avatar utente
jasmin
moderatore
Messaggi: 1382
Iscritto il: 25 aprile 2010, 15:19
Località: Catania

Messaggioda jasmin » 2 dicembre 2012, 14:25

non so se può essere utile alla discussione, ma ho in casa una confezione di pasta barilla integrale e nella voce prodotta risulta lo stabilimento in provincia di caserta. Ora mi chiedo questa indicazione dovrebbe essere veritiera altrimenti si tratterebbe di una truffa. Ho visto che anche su F.B. molti mettono in guardia dai prodotti barilla, per quanto mi riguarda cerco di variare e comprare anche prodotti di altre ditte con farine diverse dal grano. Comunque certo che barilla è molto attaccata in questi giorni e mi chiedo se i dubbi riguardano anche gli altri prodotti da forno. Però vedo che da nessuna parte sulle confezioni viene fuori uno stabilimento all'estero. O forse come di dice Cloè è solo una bufala.

Avatar utente
albachiara
brahmana
brahmana
Messaggi: 658
Iscritto il: 18 dicembre 2010, 17:19

Messaggioda albachiara » 2 dicembre 2012, 14:29

però mi sembra un pò strano che la dott. Iccardi si prenda la briga di dare un'informazione del genere per poi smentirla.
Mi sa tanto di "ricattino" subito dalla stessa.
mah....mangiamo riso intanto :D

Avatar utente
jasmin
moderatore
Messaggi: 1382
Iscritto il: 25 aprile 2010, 15:19
Località: Catania

Messaggioda jasmin » 2 dicembre 2012, 15:04

albachiara ha scritto:però mi sembra un pò strano che la dott. Iccardi si prenda la briga di dare un'informazione del genere per poi smentirla.
Mi sa tanto di "ricattino" subito dalla stessa.
mah....mangiamo riso intanto :D


beh nel dubbio meglio comprare altro, la scelta non manca di certo :wink:

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4293
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Messaggioda gb » 2 dicembre 2012, 21:36

jasmin ha scritto:
albachiara ha scritto:però mi sembra un pò strano che la dott. Iccardi si prenda la briga di dare un'informazione del genere per poi smentirla.
Mi sa tanto di "ricattino" subito dalla stessa.
mah....mangiamo riso intanto :D


beh nel dubbio meglio comprare altro, la scelta non manca di certo :wink:


Poichè in realtà non sappiamo cosa stiamo mangiando mai fino in fondo (cioè cosa ci mettono i produttori per ogni azienda etc. etc.), è comunque secondo me bona norma variare sia in generi alimentari che in aziende e marche produttrici, pur scegliendo bio, non prodotti industriali etc.
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,

nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”

Giovanni Vannucci

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4293
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Messaggioda gb » 16 dicembre 2012, 11:07

“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,

nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”

Giovanni Vannucci

Avatar utente
matasilogo
brahmana
brahmana
Messaggi: 1940
Iscritto il: 16 agosto 2008, 11:41
Località: Villa d'Adda Bergamo
Contatta:

Re: Pasta e Micotossine

Messaggioda matasilogo » 17 dicembre 2012, 2:25

ckstars ha scritto:La ditta Barilla non è più italiana ma americana e usa grano con tassi di micotossine altissimo (ammuffito), .


Ma per favore

Informatevi prima di scrivere queste cose superate trenta anni fa

Dalla solita Wiki

Nel 1970 i fratelli Barilla cedettero la loro azienda alla multinazionale statunitense W. R. Grace and Company. Sotto la gestione statunitense Barilla nel 1973 acquisì il controllo della Voiello, e nel 1975 ampliò la propria produzione a quella dei prodotti da forno (biscotti, merende, torte) con il marchio Mulino Bianco.

Nel 1979 Pietro Barilla riacquisì il pacchetto di maggioranza della sua azienda, che così ritornò italiana.
Presidente: Guido Barilla
Vicepresidente: Luca Barilla
Vicepresidente: Paolo Barilla
Amministratore Delegato: Claudio Colzani (dal 1/10/2012)[1]

http://it.wikipedia.org/wiki/Barilla

Se non andavo a vedere dovevo andare in bagno subito a ..........

Vi perdono
Conoscere è meglio che credere

OM
Leggi i Sutra di Patangiali Edizione tradotta da Taimni o Iyengar.
Nella Natura, nello Yoga, nella Scienza i percorsi si intrecciano e producono l'evoluzione.
Il cambiamento è vita. Meglio collaborare che confliggere.
OM


Torna a “Alimentazione e ricette”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti