LO YOGA PER TE COS'E'?

società, ambiente, famiglia, autoanalisi, effetti dello Yoga
Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5641
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

meditazione e onde del mare

Messaggioda Paolo proietti » 9 novembre 2005, 15:35

aster ha scritto:Cos'è per me lo yoga.. Boh?!


...stare in riva al mare per coordinare il respiro alla risacca..non vedo l'ora di provare.


Esempio di meditazione sulle onde del mare (spero ti possa essere utile :)

Respiro, è una cosa naturale. E’ così naturale che non ne sono consapevole.
Mi accorgo dell’aria solo quando non c’è.
Quando manca. Posso camminare, cucinare, leggere e intanto respiro, o meglio, ”qualcosa” respira dentro di me. Provo a respirare volontariamente, anzi, consapevolmente: inspiro, vale a dire riempio i polmoni. Spingo all’interno del mio corpo qualcosa che prima era all’esterno: l’aria, che non è solo aria ci sono migliaia di diverse sostanze, inspirando immetto nel mio corpo anche la polvere contenuta nella stanza in cui mi trovo, minuscole particelle staccate dalla pelle di chi è entrato nella stanza prima di me. se fossi in riva al mare assorbirei minuscole particelle di acqua salata e di alghe e di scaglie di pesce. Ogni volta che inspiro immetto nel mio organismo qualcosa dell’ambiente che mi circonda. Dopo ogni inspirazione il mio organismo cambia, ha qualcosa in più.
Adesso espiro: parte delle sostanze che prima erano contenute nel mio organismo si disperdono nell’ambiente circostante: l’ambiente assorbe qualcosa che prima era dentro di me, qualcosa proveniente dall’interno si espande fuori di me. Nel momento in cui espiro la stanza in cui mi trovo diventa qualcosa di diverso,qualcosa che non esisteva prima e che esisterà solo fino alla prossima inspirazione. Tra ciò che sta dentro e ciò che sta fuori c’è uno scambio continuo, una continua comunicazione.
Inspiro e mi lascio penetrare dall’ambiente.

Espiro e penetro lo spazio che mi circonda;
Quando resto troppo a lungo in una stanza, chiusa l’aria diviene “viziata”;
In realtà ciò che sta “dentro” e ciò che sta fuori diventano troppo simili: non può più esserci scambio, devo aprire una finestra ed entrare in comunicazione con un ambiente più vasto.
Insieme ai gas e alle particelle di materia l’ambiente mi comunica altre cose: il ritmo,ad esempio.
Se respiro in riva al mare e adeguo il mio ritmo a quello delle onde in qualche maniera “entrerò a far parte del movimento del mare”.
Cambieranno i ritmi interni del mio corpo.
Mi siedo sulla riva del mare e “ascolto” la mia respirazione.
Non devo controllare la respirazione,devo limitarmi ad “ascoltare” .Sento l’aria che riempie i polmoni,dolcemente.
Senza tensioni.
Quando sono “pieno” sento che il movimento si arresta per un istante,poi s’inverte.
Espiro.
Quando sono vuoto continuo ad immaginare che qualcosa esca da me e si
estenda all’infinito.
Il movimento si arresta di nuovo e dopo una pausa infinitesimale s’inverte.

Inspiro .
Tento di seguire il percorso dell’aria all’interno del mio corpo:
Entra dalle narici, poi si sposta in alto (avverto una pressione al centro della fronte e ai lati del naso), se faccio molta attenzione ho la sensazione che tutto il cranio si allarghi leggermente. Poi è la volta del collo, del cinto scapolare, del torace.
Avverto un peso all’altezza del plesso solare e dei reni. Se adesso spingo verso il basso, leggermente, i muscoli addominali, l’intera zona del bacino si allarga: avverto una tensione al Perineo e alle vertebre sacrali. Quando i polmoni si svuotano, avverto l’aria che risale, la sento nella gola e nel naso, ma sento anche una leggera tensione all’addome, ai genitali, all’altezza dell’osso sacro. E’ come se qualcosa ruotasse nel basso ventre. Provo a spingere verso il basso il diaframma quando inspiro e cerco di mantenerlo verso il basso quando espiro.
La tensione nella zona del basso ventre si accentua. Mi sembra di avere nella pancia una palla di gomma morbida che ruota.
Quando inspiro sembra che ruoti in senso antiorario dall’osso sacro all’ombelico e quando espiro ruota in senso opposto.
Dopo un po’ di tempo sento qualcosa che “cede” nella zona del plesso solare, qualcosa che si rilassa e si allunga, anche i muscoli intercostali si rilassano: il risultato è (almeno mi sembra) l’allargamento della schiena.
Comincio ad avvertire una tensione al collo ed alle spalle, mi sforzo, quindi di
lasciar cadere i gomiti.
La nuca sembra allungarsi ed ho l’impressione che sì “allentino” i muscoli del volto e della testa.
Sento ancora una tensione all’altezza del petto: tento di rilassarlo durante l’inspirazione, ma la tensione aumenta facendo contrarre anche la nuca.
Se provo a spostare il torace, in avanti la situazione peggiora e si contraggono anche i muscoli del collo e quelli della zona lombare.
Provo allora ad immaginare che l’aria gonfia, la parte alte della schiena, collegando(mentalmente)il movimento verso il basso del diaframma ad un movimento “indietro” e verso l’alto del cinto scapolare e, dopo un po’ di tempo, le vertebre cervicali si allungano, le sento scrocchiare, soprattutto la 7^,
le spalle si spostano leggermente in avanti ed ho l’impressione che le vertebre lombari si dispongano in asse con le ultime vertebre dorsali.
Adesso mi sento “comodo”: il respiro diventa più sottile, più “dolce”.
Mi concentro sull’osso sacro: quando inspiro sento una tensione verso l’alto, anzi, mi sembra che la pelle ai due lati della colonna vertebrale si sollevi.
Si solleva quando inspiro e sì “appiattisce” quando espiro.
La sensazione è più forte nella zona
Dei reni.
Progressivamente riesco, con un’unica inspirazione, a far gonfiare i due lati della spina dorsale in maniera uniforme, dall’osso sacro fino alla 7^ cervicale, dove avverto distintamente un blocco: l’aria non passa.
Provo a spingere, leggermente il mento verso il basso e la zona compresa tra il naso e il labbro superiore all’indietro e finalmente anche la pelle ai due lati delle vertebre cervicali si gonfia.
Adesso il “movimento” parte dal basso e si propaga fino alla nuca: è come se inspirassi dall’osso sacro, o dal coccige.
Provo a concentrare l’attenzione sulla zona più alta del cranio, la “fontanula” o fontanella.
Quasi immediatamente il movimento s’inverte, come se inspirassi dal cranio ed espirassi dal coccige: quando inspiro sento che si gonfiano la nuca poi il collo, la schiena e il bacino, quando espiro sento sgonfiarsi prima il bacino, poi la schiena ed infine la nuca.
Durante il movimento respiratorio la testa compie movimenti quasi impercettibili
In avanti e in basso durante la fase inspiratoria, in dietro e in basso nella fase espiratoria.
A partire da questo momento ho la “sensazione” di poter spedire il respiro in qualsiasi parte del corpo (n.b. uso spesso la parola sensazione dandole il significato di percezione soggettiva. In questa fase della pratica meditativa è difficile distinguere le percezioni reali dall’immaginazione, solo in seguito potrò avere un riscontro oggettivo, potrò verificare dei cambiamenti fisici come l’allungamento del collo, l’allargamento della schiena, il cambiamento della “qualità” della pelle, l’aumento delle dimensioni dei piedi e delle mani, una maggior velocità di crescita delle unghie e dei capelli, un generale diverso funzionamento dell’organismo ma si tratta di un processo che può durare molti anni .All’inizio si avranno grandi difficoltà a distinguere i reali processi di cambiamento da ciò che è frutto dell’immaginazione ).
Mi concentro sulla bocca e sento che, inspirando, le labbra si gonfiano, avverto anche una specie di formicolio.
Penso all’occhio sinistro e avverto distintamente la pelle dello zigomo e dell’arcata sopraccigliare che si solleva.
Penso all’orecchio destro e mi pare che tutta la parte destra del mio viso si gonfi e si sposti verso l’orecchio.
Mi sembra di “inspirare attraverso l’orecchio destro”.
Alla fine riesco a respirare con un polmone alla volta, o almeno così mi sembra.
Una leggerissima torsione dopo l’inspirazione mi fa schioccare le vertebre dorsali (3^, 4^ e 5^ dorsale): la sensazione è molto piacevole. Concentrandomi su un polmone alla volta sento distintamente le costole che si allargano e i muscoli dorsali che si rilassano ora da una parte, ora dall’altra. Prova adesso a considerare separatamente la parte destra e la parte sinistra del bacino: avverto delle tensioni alle gambe, i piedi e i polpacci cominciano a “formicolare”….E’ come se qualcosa tentasse di circolare all’interno del mio corpo, ma qua e là incontrasse degli ostacoli, dei blocchi.
Comincio a sentire una tensione fastidiosa alle gambe, all’altezza delle scapole e nella zona dei reni….
Respiro…penso solo al respiro…lentamente le tensioni si sciolgono.
Provo ad immaginare che nel mio ventre, al di sotto dell’ombelico, ci sia una palla di gomma morbida che gira su se stessa seguendo il ritmo del mio respiro: quando inspiro si muove in senso antiorario e quando espiro in senso orario. Dopo un po’ comincio a sentire qualcosa che non può essere frutto dell’immaginazione: è una specie di vibrazione, o meglio di pulsazione.
Istintivamente la associo al battito cardiaco.
Mi metto ad “ascoltare”….La pulsazione sembra avere origine all’altezza del plesso solare.
Non è una sensazione molto piacevole, è come se ci fosse da allentare un nodo…

Mentre sono concentrato sulla pulsazione del plesso solare sento qualcosa di simile al dolore….
E’ come se una lama entrasse di scatto nella mia testa, apro gli occhi(solo adesso mi rendo conto che li tenevo chiusi!)il respiro è un po’ affannoso.
Dopo un qualche secondo capisco che la “lama” non è altro che un rumore. E’ passato un treno, lontano.
Sono sulla spiaggia.
Il suono del mare, il vento, le voci dei bimbi che giocano vicino a me tornano percepibili…e ciò significa che prima non lo erano!
Stavo “ascoltando” il mio organismo.
Ho adeguato il ritmo della mia respirazione a quello delle onde e, ad un certo punto, i suoni dell’ambiente circostante sono diventati silenzio…
Il rumore del treno ha rotto un Equilibrio, provocando qualcosa di simile alla paura.
Provo a concentrarmi di nuovo, ma mi viene freddo (in realtà non so per quanto tempo sono rimasto seduto, immobile, in riva al mare!), mi sento rilassato, ma un po’ intontito. Strofino velocemente i palmi delle mani per riscaldarli e poi comincio a massaggiarmi il torace, l’addome, i reni.
C’è una vibrazione sottile in tutto il corpo, una specie di prurito “sotto pelle” come quando fai un bagno troppo caldo.
Non è una sensazione spiacevole.
Guardo intorno: ho l’impressione che i colori siano più accesi, ma forse dipende dal fatto che sono stato per molto tempo con gli occhi chiusi e si sta avvicinando il tramonto.
Il Manzo non Esiste

Avatar utente
adriana
vaisya
vaisya
Messaggi: 154
Iscritto il: 8 agosto 2005, 14:27
Località: buenos aires

cose é per te lo yoga

Messaggioda adriana » 9 novembre 2005, 17:42

Lo YOGA per me e tutto nella mia vita , é la nuova dimensione di essa .Non posso concepire la mia vita senza. :cerco di essere consapevole nel trascorso del giorno E per me é una primavera quel momento in qui mi ritrovo , come prender il zuco di cui parlavate prima.Lo YOGA é il senso Il senso di quel che esperimento, di quel che faccio ed anche lo scopo della mia esistenza :l´unita.Non credevo di poter esperimentare un movimento cosi importante , una scossa cosi forte da modificare tutto , da aprire cosi grandi le porte e fare entrare il sole ed uscire il buio OM SHANTI a tutti
l' odio non finisce con odio.solo si ferma con l'amore.buda

Avatar utente
Govinda
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 226
Iscritto il: 7 novembre 2005, 17:45
Località: Roma

Una meditazione

Messaggioda Govinda » 10 novembre 2005, 13:08

Un'ottima e semplice meditazione ...

"Ci possiamo mettere in una posizione comoda, possibilmente a gambe incrociate . Schiena dritta e rilassata, occhi chiusi."

"Osserviamo il respiro, l’aria che entra e che esce.
Il corpo respira e la mente semplicemente osserva.
Come l’aria entra possiamo osservare che i polmoni si espandono, come l’aria esce che i polmoni diventano più piccoli.
Prendiamo atto che siamo seduti, a occhi chiusi, con l'intento di fare meditazione, di entrare nella profondità di noi stessi. Ascoltiamo i suoni di fronte a noi, le sensazioni di contatto con l'aria, i vestiti."

"Cominciamo a sentire che ogni sensazione esterna, ogni percezione del mondo che ci circonda (ogni suono e altra sensazione fisica) non sono altro che Amore Infinito, sono espressione di un Amore Universale, Cosmico."


"Cominciamo a sentire che anche il nostro corpo è Amore Infinito:
la gamba destra (un minuto circa per questa e le fasi che seguono)
la gamba sinistra,
la zona dell'addome,
il torace,
le braccia ,
il collo e la testa."


"Sentiamo che anche il nostro essere più profondo, la nostra intera esistenza, il nostro senso dell'Io, sono Amore Infinito, tutto è Amore Infinito."


"Ora come l’aria entra ripetiamo mentalmente BABA NAM
Ora come l’aria esce ripetiamo mentalmente KEVALAM

BABA NAM come l’aria entra, KEVALAM come l’aria esce.

Continuiamo ripetendo il MANTRA mentalmente.
(per 5...10...15 minuti... quanto vogliamo)

Terminiamo con:

"Riprendiamo consapevolezza del corpo e delle sue sensazioni, dello spazio circostante, del contatto con il terreno, con i vestiti, con l’aria che sfiora la pelle e che respiriamo, del rumore e dei suoni attorno a noi, quindi quando più ce lo sentiamo riapriamo gli occhi gradualmente."
Tu non sei mai solo o senza aiuto. La forza che guida le stelle guida anche te.

Shrii Shrii Anandamurti

Avatar utente
Faber
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 284
Iscritto il: 24 novembre 2004, 13:44
Località: roma
Contatta:

Messaggioda Faber » 10 novembre 2005, 13:58

Davvero belle queste esperienze, grazie Paolo e Govinda.. anchi'o dopo la meditazione vedo le cose diverse, (colori, odori, suoni...) credo si tratti anche del fatto che attiviamo la mente silenziosa e la percezione senza la parola e il mentale, è la visione della consapevolezza senza il ragionamento che credo sia anche fisiologicamente diversa da quella ordinaria..
quella cosa di cui parla sempre krishnamurti, sul guardare veramente le cose, con tutta la nostra energia senza la mediazione del pensiero, dell' io, dell'osservatore..

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4294
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Messaggioda gb » 11 novembre 2005, 14:09

una scala

chiara
vaisya
vaisya
Messaggi: 73
Iscritto il: 10 giugno 2005, 12:08

Messaggioda chiara » 11 novembre 2005, 16:20

unione, lo si vede anche in questo forum!

HathaJo

Messaggioda HathaJo » 12 novembre 2005, 1:09

Per me è un 'incanto', non quelle delle vendite all'asta!
E' un subire-evocare l'incanto, un 'incantarmi', un essere 'incantato', rapito dal corpo e dalla sua presenza, rapito dalla realtà e dalla sua imponenza, rapito dal tempo e dalla sua persistenza, rapito dal trascendente e dalla sua assenza.

Jo

Avatar utente
Rita
brahmana
brahmana
Messaggi: 975
Iscritto il: 7 ottobre 2005, 21:51
Località: Luserna san giovanni

....ci provo

Messaggioda Rita » 13 novembre 2005, 14:36

Mi pongo in yoga e divento YOGA, in un viaggio IL viaggio, dentro di me, alla ricerca di DIO, all'unione con DIO, IO.

Mellyn

Messaggioda Mellyn » 21 novembre 2005, 21:17

In passato è stato curiosa ricerca di andare "oltre", soprattutto curiosità orientale e fuga fisiologica adolescenziale dall'Occidente.
Poi mi sono persa per un po'. Poi ho trovato una via Bhakti che ad un certo punto non ho sentito più mia, poi altre ricerche personali su altri argomenti esoterici...
Poi problemi personali, malessere interiore forse depressione, tanta solitudine.

In questo momento per me lo Yoga è Hatha Yoga, molto semplice nelle asanas, molto respirato, con meditazione.
Non posso seguire corsi, ma faccio da me.
E' equilibrio, riposizionamento dei pezzi fisici e interiori (che poi dove sta il dentro e dove sta il fuori?), ricostruzione, riorganizzazione. Nel peggiore dei casi mancato sfacelo che è già molto.

r9positivo

Yoga

Messaggioda r9positivo » 8 dicembre 2005, 22:14

Yoga , in Sanscrito, significa UNIONE CON CHI HA CREATO TUTTO, ogni pratica che porta all'unione(vera) col creato e il suo creatore è Yoga.

robie
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 231
Iscritto il: 25 maggio 2005, 0:06
Località: savona

re:lo yoga per me

Messaggioda robie » 12 dicembre 2005, 23:22

Spesso durante la meditazione per me lo yoga e': Negativo fotografico dove solo le cose e le persone che ami e che amano sono colorate o prendono gradatamente colore....Bellissimo.Om shanti.

Avatar utente
freealex
sudra
sudra
Messaggi: 34
Iscritto il: 9 ottobre 2004, 21:10
Località: Preganziol (TV) - Quercianella (LI)
Contatta:

Messaggioda freealex » 19 dicembre 2005, 12:31

Ascoltare e ascoltarmi.

alex

Avatar utente
viveka
vaisya
vaisya
Messaggi: 117
Iscritto il: 7 settembre 2010, 20:52

Messaggioda viveka » 26 settembre 2011, 22:24

ripropongo questo vecchio tread anche per conoscere i nuovi punti di vista di "vecchi frequentatori", insomma lo ripropongo anche per osservare il cambiamento, l'evoluzione, delle opinioni (se vi è stato).

per quanto mi riguarda, al momento, lo YOGA è un metodo, una tecnica, per creare dentro di noi le migliori condizioni affinchè la comprensione avvenga in modo quanto più chiara e completa possibile, ed è anche la stessa comprensione del mondo.

grazie ciao a tutti


Torna a “Yoga e vita quotidiana”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti