luce splendente

società, ambiente, famiglia, autoanalisi, effetti dello Yoga
Avatar utente
Krishna
sudra
sudra
Messaggi: 45
Iscritto il: 7 marzo 2011, 14:06
Località: puglia

luce splendente

Messaggioda Krishna » 17 ottobre 2011, 21:42

voglio condividere con tutti voi, una frase di Madre Teresa di Calcutta "Impegnatevi con tutto il cuore ad essere luce splendente!"

come dicevo ieri durante il sat sang, la questione non è Impegnarsi ad essere luce splendente ma occorre impegnarsi a non aver paura di essere luce splendente. Io sono Luce, la Luce è Amore, ho l'Amore che mi permea e che mi circonda. Come posso aver paura io se sono LUCE?!?!? eh.

Appicciamo 'sta luce e abbandoniamo 'sta paura! :)
[/i]
va dove ti porta il cuore. eh. dove?

Ventus
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 402
Iscritto il: 9 gennaio 2010, 17:34

Messaggioda Ventus » 17 ottobre 2011, 22:46

Grazie Krishna.
Mi piace molto quando concetti alti ed evanescenti vengono "quotidianizzati" e resi immediatamente evidenti e "alla mano", facilmente identificabili, per quanto possibile, nell'esperienza che c'è già. Quell'"appicciamo sta luce" mi pare assai efficace. (Mi verrebbe da dire "in spirito zen").
Ventus

Avatar utente
Krishna
sudra
sudra
Messaggi: 45
Iscritto il: 7 marzo 2011, 14:06
Località: puglia

Messaggioda Krishna » 18 ottobre 2011, 15:10

grazie grazie :wink:
va dove ti porta il cuore. eh. dove?

Avatar utente
anais
brahmana
brahmana
Messaggi: 1239
Iscritto il: 25 gennaio 2007, 23:13
Località: ovunque e da nessuna parte

Messaggioda anais » 19 ottobre 2011, 13:05

capita a fagiuolo.
ci proverò ad appicciare la luce, sperando che la mia lampadina non sia bruciata. :shock:
Ma al limite si torna alle candele! :wink:
besos
anais
Se per la gioia cammini a un metro da terra, niente ti farà inciampare.

Ventus
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 402
Iscritto il: 9 gennaio 2010, 17:34

Messaggioda Ventus » 21 ottobre 2011, 0:04

Vorrei anche aggiungere che quella bellissima frase di Madre Teresa ha una toccante assonanza con una frase della tradizione del buddismo zen.
"Per arrivare qui dovete essere come una scintilla emessa da una pietra, come un lampo di luce. Solo allora riuscirete a raggiungerlo".
("La raccolta della roccia blu. Cento casi dello zen, modello di tutti i koan". Traduzione e commento a cura di Thoma e J.C.Cleary, Ubaldini editore).

Certo, ogni parola può avere accezioni infinite e possiamo trovare mille motivi per non accostare, non assaporare e non capire l'una o l'altro, o né l'una né l'altro...
Ma mi sembra molto più bello e naturale lasciar significare e risuonare entrambi. Mi piace interpretare l'esortazione a "essere luce", più o meno, come un invito a sentire la luce della creazione adesso agente in noi (come in ogni filo d'erba...). Ancora un istante, e un altro e un altro ancora. Un altro respiro. Un'altra idea, un'altra parola. Ancora forza nelle gambe e nelle mani. Un altro segno, un altro accorgersi. Roba che viene da dentro non meno che da fuori.

Comunque sia, e al di là della mia comprensione limitata, mi pare di vedere un altro esempio di come i mistici si intendono sempre bene fra loro

Ventus


Torna a “Yoga e vita quotidiana”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite