il maestro se ne va

società, ambiente, famiglia, autoanalisi, effetti dello Yoga
Avatar utente
albachiara
brahmana
brahmana
Messaggi: 652
Iscritto il: 18 dicembre 2010, 17:19

il maestro se ne va

Messaggioda albachiara » 5 settembre 2017, 19:56

Ciao a tutti,
per prima cosa saluto tutti i forumisti di yoga.it,
ferie terminate almeno per me e, rientro orma già da 3 settimane nella quotidianità
lavoro compreso.
Ieri sono ripartite le lezioni di yoga nella scuola che frequento.
Prima di iniziare ci sono stati i soliti saluti e convenevoli del caso poi
l'insegnate ci ha detto che fra un paio d'anni chiuderà la scuola di yoga.
Dopo 30 anni d'insegnamento.
Sono rimasta colpita dalla reazione che ho avuto; non ero preparata forse al pensiero di questo cambiamento e
anche oggi al lavoro ogni tanto ci ripensavo.
Sono quasi 15 anni che frequento quella scuola e quel maestro,
so che la chiusura potrebbe essere anche prima di quanto ha detto.
Allora mi chiedo: si perde un maestro?
il legame ovvio che rimane, è da li che la ricerca o meglio il mio cammino prenderà una nuova strada.
Ma mi chiedo: che legame resta?
sarà anche questa una nuova scoperta di me stessa.

tashi delek

Avatar utente
briciola
sudra
sudra
Messaggi: 6
Iscritto il: 6 settembre 2017, 15:34

Re: il maestro se ne va

Messaggioda briciola » 6 settembre 2017, 16:50

Ciao come si fa a fare le domande qui?
Cerco anche io un maestro di yoga a Roma chi può aiutarmi?

Avatar utente
rogiopad
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 323
Iscritto il: 26 maggio 2008, 23:30
Località: La Salle (AO)

Re: il maestro se ne va

Messaggioda rogiopad » 6 settembre 2017, 18:22

Ciao albachiara, ti posso dire dall'altra parte : dopo una quindicina d'anni d'insegnamento in un paio di posti a Genova ho deciso di trasferirmi in Valle d'Aosta (contentissimo), ho deciso di comunicarlo l'ultima lezione prima dell'estate e.... è stato non facile da parte mia (attaccamento?) ma sicuramente di più dall'altra parte (allievi). Con parecchi siamo in contatto (richieste di consigli) alcune lo hanno preso... direi male non rivolgendomi più parola ma... A distanza di anni alcuni si sono ravvicinati con affetto e "quasi" ringraziando l'occasione, per provare altro e capire ciò che volevano. Credo di essere soddisfatto del "lavoro" fatto e di ciò che ho seminato.
"Non ci sono estranei qui ma solo amici che non abbiamo ancora incontrato"

Avatar utente
albachiara
brahmana
brahmana
Messaggi: 652
Iscritto il: 18 dicembre 2010, 17:19

Re: il maestro se ne va

Messaggioda albachiara » 6 settembre 2017, 20:44

sono contenta di sentire anche un'opinione dell'altra parte.
Certo il tuo è stato un bel cambiamento, ma quando sei arrivato in valle D'Aosta hai ripreso l'insegnamento?
e se si, hai insegnato sempre allo stesso modo o hai cambiato qualcosa?
ciao

Avatar utente
rogiopad
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 323
Iscritto il: 26 maggio 2008, 23:30
Località: La Salle (AO)

Re: il maestro se ne va

Messaggioda rogiopad » 8 settembre 2017, 20:32

Ciao albachiara, sì che insegno certo !! Ci sia trasferiti a inizio luglio (non conoscendo nessuno) e a fine settembre ho iniziato con un paio di corsi. A Morgex, Courmayeur e La Thuile. Ma tornando alla tua domanda..... credo che tutti cambiamo anche se il mio modo di insegnare mi sembra lo stesso, il contesto è cambiato. Ho trovato che gli allievi/ve (la maggior parte non sapevano nulla) hanno tutti una maggiore consapevolezza corporea e bastano poche indicazioni perché capiscano subito (in città, Genova le stesse indicazioni dovevano essere ripetute per anni a volte). È stata una piacevolissima sorpresa! Un paio di mie amiche psicologhe mi hanno detto che è probabile la mancanza di "stress". Questo vale sia per i ventenni che per la mia allieva ottantenne!
"Non ci sono estranei qui ma solo amici che non abbiamo ancora incontrato"

Avatar utente
BabaJaga
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 492
Iscritto il: 18 novembre 2014, 10:37
Località: Selva Nera

Re: il maestro se ne va

Messaggioda BabaJaga » 12 settembre 2017, 11:16

Tutto termina prima o poi.
Il cambiamento e l' assenza creano sofferenza.
I legami affettivi e relazionali con i genitori, noi sappiamo che non ci sopravviveranno.
E spesso nemmeno quelli con amici e fratelli.
Tutto scorre...
Nel caso del rapporto Maestro-Allievo, in qualsiasi campo, vale lo stesso che nel rapporto coi genitori.
E' il momento di coltivare il Maestro Interiore più che mai, di apprendere dall' esperienza della solitudine.
Ovvero di fare da genitore e Maestro/Guida- a se stessi.
CI SONO COSE CHE SI DICONO SOLO ALL'UNIVERSO...


Torna a “Yoga e vita quotidiana”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron