respirazione tantrica

tantra-yoga, vie dello yoga vecchie e nuove
devata
brahmana
brahmana
Messaggi: 784
Iscritto il: 25 gennaio 2006, 14:14
Località: Roma

Messaggioda devata » 1 maggio 2006, 1:29

Scusate se mi intrometto ma mi sento tirato dentro a forza... non ho letto tutte le post e quindi se ripeto qualcosa perdonatemi... ma porca pupazza non capisco come ci si possa ancora oggi dopo che tanto è stato scritto sin dall'inizio del secolo scorso parlare del sesso tantrico così...
1 - sono RITI (e sottolineo e risottolineo RITI) mooooolto EVOLUTI e risottolineo EVOLUTI a cui ci si può accostare solo dopo anni di pratiche e di purificazioni... quando ormai dell'atto sessuale in quanto tale non ce ne importa praticamente nulla (e da psicologo vi assicuro che questo è un punto estremamente difficile da raggiungere)
2 - lo scopo è accelerare il risveglio della Kundalini quindi raggiungere la jivanmoksha...
3 - perchè non si parla mai del fatto che in quei riti evoluti si mangia carne e pesce e si beve vino!?!?
4 - e i Guru dove li mettiamo?!? i chakra con il Guru!?!? se il sesso tantrico si intende in quel modo allora queste sono dei mega-orgioni!!! e ricordatevi che per quei riti è FONDAMENTALE la presenza del Guru pena il decadimento del rito stesso...

Purtroppo mi devo un attimo contraddire... forse di tantra ne è stato scritto troppo a sproposito da gente (e sto usando un eufemismo enorme) che di tantra avrà letto qualcosa su novella 2000...

Faccio una domanda... quanti sono i Tantra secondo le varie scuole?
Altra domanda: quanti Tantra sono stati tradotti in Inglese? l'italiano praticamente scordiamocelo...

Ultima domanda: quanti e quali Tantra avete letto? perchè altrimenti sarebbe come parlare di qualcuno che si dice cristiano e che non ha mai letto il Vangelo (e questo purtroppo succede... anche troppo spesso... ehehehhe)


Va beh... scusate questo piccolo sbotto ma mi incomincio ad alterare a leggere alcune cose...


Ciao Marco
1- è vero che i riti si fanno dopo anni di pratica, ma chi ne ha parlato?

2-Non eravamo neanche arrivati allo scopo visto che non ne avevamo parlato...

3-..dell'uso di carne ecc...dipende dal rito...

4-che cosa intendi con i" chakra con il Guru?" ....parli percaso di iniziazione nelle posture?
D'accordo sull'importanza del Guru...quando non è presente può essere evocato...

Personalmente non leggo novella 2000, mi risparmio di elencarti cosa ho letto per non ricreare alcune situazioni ...
Posso però dirti che molto di quello che so l'ho appreso attraverso la pratica con chi ne sa molto più di me.... :wink:
Ciao

Avatar utente
Marco Rotonda
vaisya
vaisya
Messaggi: 161
Iscritto il: 12 gennaio 2006, 13:51

Messaggioda Marco Rotonda » 1 maggio 2006, 21:20

per AT:
mi ripeto, non avevo letto tutti i post... e mi ero scusato preventivamente di questo...
come ho già avuto modo di dire più volte la mia conoscenza è limitata al versante hinduista tantrico (in special modo quello shaktico, spero si dica così in italiano), lo so che forse è limitato, ma questo so... eheheheh...
per tutto quello che riguarda il mondo cinese... beh... per me è un mistero... quindi bella lì...
per le aberrzioni indiane... ce ne sono state e anche tante... è molto facile trattando un argomento del genere credo...

mikel

Messaggioda mikel » 2 maggio 2006, 12:06

ho pensato anche a un altra cosa e se la senzazione di vuoto che viene dopo il coito fosse l inizio come diceva paolo per gente che nn e pura come noi e quindi nn trattenere fa bene fino a che non si e puri poi e meglio trattenere....che ne dite...???

devata
brahmana
brahmana
Messaggi: 784
Iscritto il: 25 gennaio 2006, 14:14
Località: Roma

Messaggioda devata » 2 maggio 2006, 12:11

la sensazione di vuoto che tu dici è dovuta al fatto che hai perso del potenziale energetico...il discorso dell'aspettare ...del forse non sono ancora pronto...è uno degli "inganni"..che impediscono di andare avanti nelle cose ...
ciao

Avatar utente
fabio
moderatore
Messaggi: 3074
Iscritto il: 24 marzo 2006, 11:35

Messaggioda fabio » 2 maggio 2006, 12:24

mikel ha scritto:ho pensato anche a un altra cosa e se la senzazione di vuoto che viene dopo il coito fosse l inizio come diceva paolo per gente che nn e pura come noi e quindi nn trattenere fa bene fino a che non si e puri poi e meglio trattenere....che ne dite...???


Io direi che l'importante è ascoltare il proprio corpo... a me suonano così lontane queste pratiche...probabilmente non è il momento per me... e per Voi? Siete sicuri? Non è il caso di "arrendersi" un pochino? Ola
IL GRANDE CONTROLLORE

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4293
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Messaggioda gb » 2 maggio 2006, 12:40

devata ha scritto:la sensazione di vuoto che tu dici è dovuta al fatto che hai perso del potenziale energetico...il discorso dell'aspettare ...del forse non sono ancora pronto...è uno degli "inganni"..che impediscono di andare avanti nelle cose ...
ciao


consiglierei di non dare mai niente per scontato: il discorso dell'"aspettare" e "del non sono ancora pronto" può avere significati diversi per ciascuno di noi, potrebbe essere per alcuni un inganno, per altri un avvertimento della (chiamatela con altri nomi se vi pare) "voce interiore".

In mancanza di conoscenza diretta delle persone (come avviene nel forum), per me ad esempio non è facilissimo capire quale sia la situazione effettiva di chi "parla", e quindi consiglio di, appunto, non dare mai niente per scontato
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,
nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”
Giovanni Vannucci

devata
brahmana
brahmana
Messaggi: 784
Iscritto il: 25 gennaio 2006, 14:14
Località: Roma

Messaggioda devata » 2 maggio 2006, 13:09

ciao Gb io non voglio dare qualcosa per scontato...è solo che per quel che riguarda lo specifico, insomma troppo se ne è parlato, mi sento (soprattutto per l'esperienza personale che ho) di poter dire di provare ...che non fa male...bacio

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4293
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Messaggioda gb » 2 maggio 2006, 14:04

Io invece non mi riferivo alla tecnica ma alla reazione della persona che dice di "non sentirsi pronta", il mio è un discorso generale può valere per la ritenzione del seme come per prendere la patente.... a presto....
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,

nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”

Giovanni Vannucci

devata
brahmana
brahmana
Messaggi: 784
Iscritto il: 25 gennaio 2006, 14:14
Località: Roma

Messaggioda devata » 2 maggio 2006, 14:06

Gb:...a presto...

..quando?dove? ...come? :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

devata
brahmana
brahmana
Messaggi: 784
Iscritto il: 25 gennaio 2006, 14:14
Località: Roma

Messaggioda devata » 2 maggio 2006, 14:12

gb ha scritto:Io invece non mi riferivo alla tecnica ma alla reazione della persona che dice di "non sentirsi pronta", il mio è un discorso generale può valere per la ritenzione del seme come per prendere la patente....


A parte gli scherzi, io ho una mia idea a riguardo che adesso non faccio in tempo a spiegare, però in breve molte volte ci facciamo fregare da questa cosa e perdiamo delle possibiltà...in fin dei conti se ci appaiono delle "possibilità" (parlo di quelle positive) forse siano pronti?!..

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4293
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Messaggioda gb » 2 maggio 2006, 14:22

Quando vuoi dolce devy, posto che Paolo non sia troppo geloso :wink:

Per il resto quello che dici è vero, magari però non per tutti i casi e non per tutte le persone: a volte è possibile secondo me dare un aiuto per superare certe "ritrosie" che sono autoinganni della mente (ove richiesto), a volte è bene non interferirie perchè equivarrebbe ad una "spinta" non richiesta (non mi sto riferendo a questo 3d in particolare); ora siccome credo che sul forum sia difficile valutare di quale delle due situazioni si tratti, il mio consiglio era semplicememnte di....prudenza!

In generale credo infatti che se quelle "condizioni" di cui parli si presentano, l'esperienza è completa se è la persona a cui si presentano che riesce a coglierle senza "spinte" esterne, ma anche questa è solo una mia opinione...
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,

nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”

Giovanni Vannucci

eracle
vaisya
vaisya
Messaggi: 160
Iscritto il: 27 aprile 2006, 17:29

"inganni", possibilità, potenziali

Messaggioda eracle » 2 maggio 2006, 19:24

:roll: come mai ci sarebbero degl' "inganni", come diceva, devata, pochi messaggi sopra :? :?:

:mrgreen: anche io avrei delle idee :idea: :idea: sulla storia delle "possibilità", ma magari sarebbe più utile se devata scrivesse prima delle sue :roll: :P :)

...inoltre, anche sulla storia del pontenziale energetico avrei dei pareri che, :idea: intersecherei :idea: , :lol: :) volentieri con quelli di altri :)

:idea: saluti :mrgreen: :!: :)

Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5599
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

Messaggioda Paolo proietti » 2 maggio 2006, 23:39

Marco Rotonda ha scritto:Scusate se mi intrometto ma mi sento tirato dentro a forza... non ho letto tutte le post e quindi se ripeto qualcosa perdonatemi... ma porca pupazza non capisco come ci si possa ancora oggi dopo che tanto è stato scritto sin dall'inizio del secolo scorso parlare del sesso tantrico così...
1 - sono RITI (e sottolineo e risottolineo RITI) mooooolto EVOLUTI e risottolineo EVOLUTI a cui ci si può accostare solo dopo anni di pratiche e di purificazioni... quando ormai dell'atto sessuale in quanto tale non ce ne importa praticamente nulla (e da psicologo vi assicuro che questo è un punto estremamente difficile da raggiungere)
2 - lo scopo è accelerare il risveglio della Kundalini quindi raggiungere la jivanmoksha...
3 - perchè non si parla mai del fatto che in quei riti evoluti si mangia carne e pesce e si beve vino!?!?
4 - e i Guru dove li mettiamo?!? i chakra con il Guru!?!? se il sesso tantrico si intende in quel modo allora queste sono dei mega-orgioni!!! e ricordatevi che per quei riti è FONDAMENTALE la presenza del Guru pena il decadimento del rito stesso...

Purtroppo mi devo un attimo contraddire... forse di tantra ne è stato scritto troppo a sproposito da gente (e sto usando un eufemismo enorme) che di tantra avrà letto qualcosa su novella 2000...

Faccio una domanda... quanti sono i Tantra secondo le varie scuole?
Altra domanda: quanti Tantra sono stati tradotti in Inglese? l'italiano praticamente scordiamocelo...

Ultima domanda: quanti e quali Tantra avete letto? perchè altrimenti sarebbe come parlare di qualcuno che si dice cristiano e che non ha mai letto il Vangelo (e questo purtroppo succede... anche troppo spesso... ehehehhe)


Va beh... scusate questo piccolo sbotto ma mi incomincio ad alterare a leggere alcune cose...



saluti


Non sbottare, marco, sei in piena fase di evacuazione...le esplosioni che ti aspettano sono altre!
( e qui penso che ci capiamo in due :wink: )

In linea di massima comunque ha ragione Marco.
Il tantrismo è una cosmogonia ma in occidente si parla dell'aspetto più pruriginoso, naturalmente.

Marco è l'unico , sul Forum, che sta veramente seguendo un 'insegnamento tantrico shivaita.
E questo sbotto, per il poco che ci capisco, secondo me fa parte di una fase di "evacuazione" ( leggera perchè Marco è abbastanza puro") che in questi casi prelude all'apertura (vera in questo caso) del Primo Chakra.

Leggo i suoi post sempre con attenzione.
Pronto, tra qualche anno, a chiamarlo Maestro :D .
Il Manzo non Esiste

Avatar utente
Marco Rotonda
vaisya
vaisya
Messaggi: 161
Iscritto il: 12 gennaio 2006, 13:51

Messaggioda Marco Rotonda » 3 maggio 2006, 6:54

Paolo non esagerare... alla fine spero e credo di non essere l'unico come dici... altriemnti sarebbe veramente grave... conoscendomi... ehehhehehe...
comunque il mondo dello yoga è così vasto e multiforme... ci sono tante scuole e teorie, punti di vista...
alla fine uno ne sceglie uno... naturalmente...
io mi sono buttato sul versante shaktico... e lì qualcosina l'ho studiata e provata in prima persona... ma di tutto il mondo buddista tantrico ne so veramente poco... nonchè del toaismo (solo una leggerissa infarinata da studi comparati)...
quindi spero in futuro leggerò con più attenzione tutti i post (anche se a volte ci vuole un sacco di tempo... soprattutto se si sta a lungo senza controllarli) e spero di non fraintendere più le risposte...
il fatto è che se leggo un messaggio dal titolo "respirazione tantrica" mi sento chiamato in gioco... e quando leggo alcune cose non mi riesco a trattenere... ma poi... lentamente si chiarisce il tutto...

Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5599
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

Messaggioda Paolo proietti » 3 maggio 2006, 10:12

Va bene Marco, visto che ti sei messo a fare il paolo proietti della situazione, dovrò fare me stesso :D
facciamo un po' di luce sul Tantra davvero.
A quanto so io marco ha ragione.
ma anche no!
So che sta seguendo un percorso che non esito a definire iniziatico con un maestro indiano.
E immagino che molto del suo sapere "occidentale" sia dovuto alla lettura di Avalon.
Cominciamo da lì.
Arthur Avalon è lo pseudonimo con cui John Woodroffe, un nobile inglese vissuto nel secolo scorso, firmava i suoi libri come Avalonquando li scriveva insieme a maestri Indù.
Era un ricercatore serio.
Se qualcuno non conosce l'inglese può trovare,un testo fondamentale, "Il Potere del Serpente" nelle edizioni mediterranee.
Se non trova quel libro può far riferimento a "Lo Yoga della Potenza" di Julius Evola che lo riprende quasi completamente.
perchè dico che Marco ha ragione ma anche no?
perchè lui stesso dichiara che fa riferimento al tantra dei Riti.

Vediamo adesso cosa significa, secondo il mio sapere di derivazione tibetana TANTRA.
Tantra si può tradurre con Trame di tessitura ma secondo un mio amico tibetano Tsong-Ka-Pa (sto scherzando...avrebbe più di 500 anni :D ) Vuol dire flusso, "Continuum".
E ci sono tre tipi di flusso:
-Base;
-Sentiero;
-Frutto
;
La base è la persona che pratica il Tantra.
Ci sono 5 tipi di persona (cioè di Tantra base:
- Loto Bianco;
-Utpala;
-Loto;
-Legno di Sandalo;
-Gioiello
;

i Sentieri sono le vie mediante le quali le basi vengono purificate e sviluppate.
Il Guru o come preferisco dire io l'insegnante decide con che bASE (PERSONA)ha ache fare e sceglie il sentiero.

Il frutto è la realizzazione .....

Il frutto quindi, cioè l'obbiettivo da raggiungere è il medesimo.
le basi sono i praticanti

I sentieri, variano.
A grandi linee si hanno 4 classi di tantra caratterizzate dai diversi aspetti

del ridere,
del guardare,
del tendere le mani,
del doppio abbraccio
(il fare l'amore).

le quattro classi sono:
i tantra dell'azione;
i tantra dei riti;
i tantra dello yoga;
i tantra dello yoga supremo
.
il ridere ,il guardare,iltendere le mani il fare l'amore generano desiderio, ma se la via del desiderio viene praticata insieme allo yoga delle divinità.il desiderio stesso si estingue(......)

I Tantra a cui fa riferimento Devy (secondo me...anche se in un altro post ne ha negato l'esistenza, quindi evidentemente ha informazioni diverse da tsong-ka-pa) e che riguardano in particolare l'attività sessuale e l'uso dei fluidi vaginali e dello sperma sono specialmente i tantra di Visnù.
chi non riesce a distaccarsi dal desiderio fisico penetra fisicamente la vagina della compagna.
nella vagina risiede "Il Beato" insieme alle sue quattro consorti:

Lochana,
Mamaki,
Pandaravasani,
Tara.

Citazione:

LA VAGINA BEATIFICA è VISHNU.
Che risiede nei genitali della donna.
poichè dà piacere
E' chiamata Narayana

il Beato si trova di fronte a Bhrkuti.
Egli volge i suoi occhi a destra della Dea Tara, timido e con il corpo piegato, mostrando il "Sigillo" che dona il supremo.
Sulla sinistra Sundari, della stirpe del loto,timida secondo i modi del mantra segreto, volge il suo sguardo ad Amoghapasha.....

Stretta alla vita la dea del Vajra emette dei suoni.
verso di lui volge il capo la dea.
Sorridendo e guardando intensamente.
stringe le mani del beato.....
Il Manzo non Esiste


Torna a “Tantra e altre vie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron