respirazione tantrica

tantra-yoga, vie dello yoga vecchie e nuove
Avatar utente
fabio
moderatore
Messaggi: 3046
Iscritto il: 24 marzo 2006, 11:35

Messaggioda fabio » 29 maggio 2006, 14:49

Paolo proietti ha scritto:Concentrare l’attenzione solo su determinate fasce muscolari ci porta,con il tempo, a percepire come “corretto” solo il movimento prodotto dalla tensione di “quelle” fasce muscolari, così prima di muovere un braccio contrarrò i muscoli delle spalle,prima di alzare la testa i muscoli del collo ,prima di sedermi i muscoli della schiena e delle cosce….
Le contrazioni che precedono i nostri movimenti volontari,oltre ad essere inutili e dannose per il nostro organismo(è come se girassimo in auto con il freno a mano perennemente tirato)sono automatiche:la persona che prima di cominciare a camminare contrae i muscoli del collo e della schiena non ne sarà consapevole e percepirà il suo movimento come giusto e “naturale”. Per questo è così difficile,per un maestro orientale,insegnare ad essere Shoong.


è un pò il lavoro che aveva iniziato il grande Bruce Lee con lo studio del jeet kune do. Colpire ad es. con un pugno ma senza contrazioni se non fino al momento prima dell'impatto. Questa assenza di contrazione nel braccio permetteva oltretutto una maggior velocità e di conseguenza una maggiore Potenza, non forza.
IL GRANDE CONTROLLORE

MirandaFey

ESTASI ESTETICA

Messaggioda MirandaFey » 31 maggio 2006, 11:52

Mi rivolgo al gentile amico, mondo di mente, acuto di senno, che ha nome AT...
Lei non crede, cortese signore, che l'istanza estetica, per così dire, apollinea, fondamento dell'Arte (che perseguì, quando non il "Bello" morale, in ogni modo e in ogni caso quello formale) e quella "estatica", dionisiaca, (a mio parere nella stessa misura partecipe dell'Arte suddetta, non fosse che per le finalità della medesima, ch'io rinvengo non nella mera contemplazione, ma nello sconvolgimento psichico ed emotivo, nell'euforia estatica del fruitore che, in virtù della percezione sensuale dell'opera artistica, manifestazione unitaria dell'ipostasi del Bello,
giunga ad unirsi all'ipostasi medesima, in una danza fisica e metafisica) altresì partecipino indistintamente a quell'atto d'Amore che possa, per le peculiari virtù che lo distinguono dai gesti belluini del volgo, dirsi magico, tantrico, o metafisico?
Rammenta lei il mito di Pigmalione, quel bravo misogino che, repellendo l'universo femminino a lui noto, tuttavia plasmò un simulacro dalle forme femminee perché la sua iride ne fosse paga? Costui cadde in dionisiaca adorazione di quel bello apollineo che poi, animato dalla venusta Dèa, divenne l'amata Galatèa...
Così, non dissimilmente, capita a me di cadere in estatica adorazione, dinanzi al simulacro del dìo, Dioniso o Shiva, se più vi piace, che giganteggia nel tempio a me più caro. Tra l'erbe, il dìo: ed io lo bacio, ne venero le forme eburnee ed un moto sessuale tutta m'invade e mi pare che il dìo mi stringa e sussurri: "Mia dèa..."
Così, signore, direi che l'Arte, come l'Amore, provvedano magicamente all'Unità tra il principio soggettivo e quello oggettivo. Platonicamente direi piuttosto che l'Amore non può in effetti generarsi se non dall'Arte e dalla Dialettica, configurandosi come estremo stato artistico e dialettico, per l'appunto.
Ho amato leggere quel che lei scriveva...La prego, anzi, di scrivermi senza indugio...
Scriveva la fanciulla che ero all'età di sedici anni:
"Oh chi, amando l'Amato, più n'amerà le vesti?
Oh, il germe del dìo feconda ogni cosa vivente, e il germe è detto "forma", e il tutto a la forma è veste.
Miri il savio lo splendido vestimento delle cose, ma frughi amorosamente di sotto alle medesime, per giungere al sacro estremo amplesso.
Il dìo procacciò ai mortali Diletto e Bellezza acciò per tutti gli obietti a lui si pervenisse, ma massimamente per l'Arte e la Dialettica degli amanti".

Avatar utente
Mellyna
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 252
Iscritto il: 16 novembre 2005, 1:31
Località: prov.MI

Messaggioda Mellyna » 31 maggio 2006, 22:47

'sti caxxi :shock:

Avatar utente
Rita
brahmana
brahmana
Messaggi: 975
Iscritto il: 7 ottobre 2005, 21:51
Località: Luserna san giovanni

Re: ESTASI ESTETICA

Messaggioda Rita » 31 maggio 2006, 23:33

[quote="MirandaFey"]
Mi rivolgo al gentile amico, mondo di mente, acuto di senno, che ha nome AT...
Rammenta lei il mito di Pigmalione, quel bravo misogino che, repellendo l'universo femminino a lui noto, tuttavia plasmò un simulacro dalle forme femminee perché la sua iride ne fosse paga? Costui cadde in dionisiaca adorazione di quel bello apollineo che poi, animato dalla venusta Dèa, divenne l'amata Galatèa...

In parole povere, povere, Signora Miranda Fey, Lei sta dicendo ad AT, che per la verità marco da un pò senza esito alcuno... "perchè mai disprezzi le donne, se poi le adori???"

è così?? :mrgreen: ...


Scriveva la fanciulla che ero all'età di sedici anni:
"Oh chi, amando l'Amato, più n'amerà le vesti?
Oh, il germe del dìo feconda ogni cosa vivente, e il germe è detto "forma", e il tutto a la forma è veste.
Miri il savio lo splendido vestimento delle cose, ma frughi amorosamente di sotto alle medesime, per giungere al sacro estremo amplesso.
Il dìo procacciò ai mortali Diletto e Bellezza acciò per tutti gli obietti a lui si pervenisse, ma massimamente per l'Arte e la Dialettica degli amanti".


e questo lo scriveva a 16 anni??? :roll:
ma Lei Signora Miranda Fey da quale pianeta arriva?
:shock: :wink:

AT
brahmana
brahmana
Messaggi: 2507
Iscritto il: 28 marzo 2005, 19:38

Messaggioda AT » 1 giugno 2006, 0:05

Pensare a una ragazzina di sedici anni che si nutre di idee simili fa venire i brividi. Io, come ho già detto, ho messo da parte ogni velleità neopagana e dionisiaca da diversi anni. Vorrei capire meglio, ci sono troppe questioni irrisolte. Le esperienze passate, belle o dolorose, restano comunque un patrimonio importante, forse in futuro riuscirò a dare un senso ai ricordi. Ecco quello che scrivevo nel 1991:-La Notte:

Io amo il silenzio e le tenebre
Quando tutto è diventato oscuro
E le cose intorno sono indistinte.
Entro tra alberi strani e odori selvaggi
Mentre percorro sentieri tortuosi
Immergendomi nel buio della Notte.
Il mio respiro è profondo e fluido
I miei passi sono morbidi e accorti
Penetrando in meandri percorsi da fruscii.
Il mondo è un'ombra!
Se lo prendi alla lettera
Diventi anche tu un'ombra.
Notte, proteggimi dal mondo esterno
Dalle sue apparenti certezze
Dalle chiacchiere rumorose della folla.-

Ed ecco quello che scriveva Nietzsche:

-O uomo! Ascolta!
Che dice la mezzanotte fonda?
<<Dormivo, dormivo-,
Da un sogno profondo mi sono destata:-
Il mondo è profondo,
Più profondo di quel che il giorno credeva.
(...) - Friedrich Nietzsche, "Così parlò Zarathustra".

La maggior parte degli eventi che ho vissuto non sono in grado di spiegarli, perché erano sicuramente collegati con realtà più grandi di me. Bisogna essere umili, bisogna cercare la verità.
Ma Miranda Fey non è per caso Proietti travestito? O qb? O R9+? O Stenton?

Avatar utente
ManRay
brahmana
brahmana
Messaggi: 507
Iscritto il: 31 agosto 2005, 0:45

Messaggioda ManRay » 1 giugno 2006, 12:35

No, per me è Huysmans, l' autore del romanzo " A ritroso".

AT
brahmana
brahmana
Messaggi: 2507
Iscritto il: 28 marzo 2005, 19:38

Messaggioda AT » 1 giugno 2006, 14:38

Certo che se davvero Miranda Fey scriveva quelle cose a sedici anni è impressionante.

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4280
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Messaggioda gb » 1 giugno 2006, 15:25

Non posso essere io visto che a sedici anni mi ammazzavo dalle seghe e non avrei avuto il tempo di scrivere alcunchè
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,
nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”
Giovanni Vannucci

Miranda Fey

REPLICA

Messaggioda Miranda Fey » 1 giugno 2006, 17:02

Orbene, ripropongo uno scritto che debbo avere allocato erroneamente, vogliate perdonarmi...


Cara signora, cara Rita,
quel che rivolgevo al gentile nostro amico non era che un invito a memorare come finanche nel mito un oggetto d'arte si configurasse medium delle istanze dionisiache dell'uomo e non esclusivamente apollinee com'egli asseverava...
L'Arte, che s'ingenera per lo spirito vivido umano mediato dal filtro ordinatore della "ratio", tuttavia sommuove gli animi e talora li induce a "furor".

Ed ora, volgendomi all'amico suddetto, mi domando per qual cagione egli mi tacci di neopaganesimo...Non intende egli forse quale peculiare sostanza, estranea allo spirito arcaico, muova il mio verbo? Non sono io forse la face del sincretismo?
Il mio Dioniso non è quello del popolo delle falloforìe, del volgo che levò ditirambi al cielo greco per ottenere benedizioni in stile priapico, dei simposii al chiaro di luna dove la prosopopea al dio del vino non fu che il pretesto migliore per sfiorar le natiche dei fanciulli dall'occhio ceruleo, i Ganimede dell'occasione. Oh no!
"Maybe they will dance and have a toast,
even so they won't know Dyonisus..."
("Silverea's Daffodils")

Signori, ai misteri del dio rari possono appropinquarsi, come rari sono gli amanti d'Amore raccolti in sciamiti blu.

Se in tenera età così scrivevo, fu perché in più tenera età ancora infinite bellezze vivevo (per qual ragione una del pari mio mentirebbe in annoverare gli anni?).
Mio caro A.T, lo spirito che miri la terra discoprirà in che maniere le altezze del Cielo? Tra i predicatori, non son quello dell'umiltà.
Piuttosto s'intendano le soavità dell'animo e gli slanci di cui l'umano ha possa, s'intenda il Bello, si plasmi il Bello!
E la Verità, non va essa speculata, signore... Va inventata.
L'uomo d'ingegno crea.


"La maggior parte degli eventi che ho vissuto non sono in grado di spiegarli, perché erano sicuramente collegati con realtà più grandi di me."

Quale mestizia... Non sopravviverei senza aver pesato ogni istante che scorre nell'infinito alveo ove due volte non possiam balneare.

Dolcemente v' amo.

Miranda

Post Scrittum:
E' possibile ch'io vi mostri un'immagine del santuario a me caro?
Se sì, in quale maniera dovrei tecnicamente operare?

Avatar utente
Rita
brahmana
brahmana
Messaggi: 975
Iscritto il: 7 ottobre 2005, 21:51
Località: Luserna san giovanni

Messaggioda Rita » 1 giugno 2006, 20:06

scrive Miranda Fey
Signori, ai misteri del dio rari possono appropinquarsi, come rari sono gli amanti d'Amore raccolti in sciamiti blu.

Mio caro A.T, lo spirito che miri la terra discoprirà in che maniere le altezze del Cielo?


Dolcemente v' amo.

Miranda

Post Scrittum:
E' possibile ch'io vi mostri un'immagine del santuario a me caro?
Se sì, in quale maniera dovrei tecnicamente operare?


Gentilissima Signora Miranda Fey, il suo modo di esprimersi è un poco estroso per i nostri tempi e forse per questo sito, ma continui la prego, mi ricorderò di Lei semmai dovessi innamorarmi! :wink:
Lei Signora Miranda ha preso a cuore il Signor AT?

mi trasformo un poco in romanaccia:
A poetessa!!! ascolti sta burina, lassi perde non ce cava un ragno dal buco, lui se ne sta tutto solo e beato sul monte insieme alla mucca viola e il cioccolato quello con le nocciole messe una a una.... ama il buio e soprattutto il silenzio, mmmm non credo andrete d'accordo.... e poi non fa.. :oops: non fa :oops: e non lo fa!!!... :mrgreen:
Ma lei insista, io aspettavo da un pò una nuova telenovela.
Aspè che vado a prende carta e penna che me segno le frasi più D'annunziane non se sa mai... e che qui mica se pettina li capelli alle bambole!!!

su su MIranda... :wink: scommetto che ha fatto il classico, poi laurea in lettere antiche, che so, e si nutre di poesia!!? :roll: :mrgreen:

con affetto Rita :wink:

AT
brahmana
brahmana
Messaggi: 2507
Iscritto il: 28 marzo 2005, 19:38

Messaggioda AT » 2 giugno 2006, 11:54

Cara Rita, io non vivo in cima ad una montagna, non odio le donne, non sono un serial killer, e sono anche capace di ridere.

Per Miranda Fey: quando parlate di un santuario, che cosa intendete?

Ospite

Messaggioda Ospite » 3 giugno 2006, 16:03

Anonymous ha scritto:Una precisazione nella donna quel fantomatico bottoncino (ma esiste davvero)? si chiama punto G, nell'uomo punto L (forse per la sua forma)..

La precisazione era dooverosa non confondiamo il sacro con il profano :D


BUONA PRATICA A TUTTI
:oops:

AT
brahmana
brahmana
Messaggi: 2507
Iscritto il: 28 marzo 2005, 19:38

Messaggioda AT » 3 giugno 2006, 20:08

Mio caro A.T, lo spirito che miri la terra discoprirà in che maniere le altezze del Cielo? Tra i predicatori, non son quello dell'umiltà.
Piuttosto s'intendano le soavità dell'animo e gli slanci di cui l'umano ha possa, s'intenda il Bello, si plasmi il Bello!
E la Verità, non va essa speculata, signore... Va inventata.
L'uomo d'ingegno crea.
In quello che dice Miranda sono contenuti due errori etici e metafisici molto pericolosi. Il primo riguarda l'umiltà, che in campo spirituale, ma non solo, è la base di tutto. La base di un sano realismo e di una sana concezione del proprio io, che non deve mai gonfiarsi di identificazione, di attaccamento e di orgoglio, pena la perdita di contatto con la parte più profonda e autentica di sé stessi.
L'altro terribile errore riguarda la verità. La Verità non si crea con l'ingegno, la Verità E', e non muta, non è stata né generata né creata, non diviene, appartiene all'Essere stabile ed eterno. In questo sono assolutamente d'accordo non solo le tre religioni monoteistiche, ma anche taoismo, vedanta, yoga, samkhya, e buddhismo. L'umiltà è la rinuncia ai capricci del proprio io per aprirsi a qualcosa che E' da sempre, al di là del tempo e del divenire, indipendente dai miei desideri e dalle mie pretese soggettive.

Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5530
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Roma

Messaggioda Paolo proietti » 3 giugno 2006, 23:54

scusa at sono poco lucido perchè ho dormito troppo poco le scorse notti ( niente bagordi...piccoli problemi di salute del mio cane... risolti per fortuna)
Sono d'accordo con quello che dici ma mi è venuta in mente una cosa assurda e te la dico.
Troppa filosofia , troppa intelligenza, troppo pieno.
Mi è venuto in mente che dovresti meditare su una roccia, a contatto con la roccia possibilmente davanti al mare.
e provare ad essere roccia.
Solo vento e mare e roccia e respiro....
Il Manzo non Esiste

Avatar utente
Mellyna
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 252
Iscritto il: 16 novembre 2005, 1:31
Località: prov.MI

Messaggioda Mellyna » 5 giugno 2006, 1:26

con una mucca viola e la cioccolata con le nocciole attaccate una ad una :)


Torna a “Tantra e altre vie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti