respirazione tantrica

tantra-yoga, vie dello yoga vecchie e nuove
Miranda Fey

DEL VERO, DEL BELLO E D'ALTRO

Messaggioda Miranda Fey » 5 giugno 2006, 13:24

Mia cara amica, gentile Rita,
s'io abbia a cuore il summenzionato signore? Statene certa, come a cuore ho le sorti d'ogni uomo d'ingegno o che tale mi paia. Con ciò, bando ad impeti erotici prematuri al momento odierno!
Per il resto, indovinate la mia radice (non può negarsi ch'io abbia atteso agli studii classici), ma non l'iter... Da quel che pareva a me mostrarsi quale prosieguo brillante degli studii ho tosto deviato, optando per la vita d'Arte...
Ed ora, conclusosi il quarto lustro per me di vita lo scorso ottobre, sono in balìa delle note, degli inni, dei miei remoti canti, in una conca campestre cui nulla del secolo giunge, da cui al secolo perviene un'aura zefirica sottile.
Omaggi a voi, cara signora...


Per quel che voi concerne, mio amico, A.T., quando nomino il mio proprio santuario, non dico che d'un loco a me non distante in cui è consuetudine ch'offra agli dèi (e sommamente al Sommo Dio, ch'è Bacco) libagioni di latte e vino, nonché sussurrate preci
in rima. Quivi sovente si mostra a me il Bello nella sua possa naturale, quivi conduco talora taluni amanti...


DELL'UMILE E DEL VERO
Signore, che s'intendano lo stato del proprio intendimento, le facoltà del proprio ingegno, i mutamenti dell'animo, le altezze e le bassezze del medesimo, questo (ch'io ritengo fondante per la cerca metafisica) io non chiamo umiltà. A me pare, piuttosto, che un tale procedere non sia che un uso proprio del mezzo razionale. Dunque designamolo "facoltà lucida", "metodo analitico", "osservazione adamantina"...Immediato cadere in equivoco ove la terminologia in uso sia quella abusata da secoli di dogmatismo cattolico...
Un tale metodo (l'osservazione adamantina) conduce, com'è bene, alla visione netta del sé: alla contemplazione del medesimo, ove scintilli d'inclita bellezza, al biasimo ove ancora sia soggetto a mende. E in tal caso è d'uopo che l'io da sé per sé provveda all'intima catarsi.

Il Vero, signore, si mostra a me palesemente un'essenza parmenidea cui l'individuo metafisico tende, bramando l'ipostasi suprema... Ma questo pare a me così chiaro, una tale idea parmi così solatìa, ch'io non potevo scriverne, certo...
Piuttosto dicevo del Vero che il soggetto plasma, volente o nolente, e che discende dall'umor della mente...
Mi rifarò al mio adorato Gabriele per esser palese (non vi fu maggiore eloquente, in terra, di questo facondo virtuoso del Verbo, caro a Calliope e a Sarasvati):
"Io non comprendo perché oggi i poeti si sdegnino contro la volgarità dell'epoca presente e si rammarichino d'esser nati troppo tardi o troppo presto. Io penso che ogni uomo d'intelletto possa, oggi come sempre, nella vita creare la propria favola bella. Bisogna guardare nel turbinio confuso della vita con quello stesso spirito fantastico con cui i discepoli del Vinci erano dal maestro consigliati di guardare nelle macchie dei muri, nella cenere del fuoco, nei nuvoli, nei fanghi e in altri simili luoghi per trovarvi "invenzioni mirabilissime" e "infinite cose"."
("Il Fuoco")

V'amo...

Miranda

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4280
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Messaggioda gb » 5 giugno 2006, 14:17

Leggere messaggi scritti con questo stile per la mia mente è come salire una scala tenendo un sacco di cemento sulle spalle, una [om] tra i denti, e arreggendo tra le gambe cinque picconi senza farli cadere, all'indietro e con un moscerino in un occhio. :shock:

Senza offesa Miranda, è che sono un pò "volgare" come avrai intuito se leggi alcuni miei post.... :mrgreen:
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,
nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”
Giovanni Vannucci

ku
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 378
Iscritto il: 13 gennaio 2006, 13:25

Messaggioda ku » 6 giugno 2006, 21:31

oh c...o la lingua ti ha mandato in pappa il cervello
ZAUM
ZAUM Z
Z A M
A U
U
M

Avatar utente
Rita
brahmana
brahmana
Messaggi: 975
Iscritto il: 7 ottobre 2005, 21:51
Località: Luserna san giovanni

Per Miranda Fey

Messaggioda Rita » 6 giugno 2006, 21:37

Vediamo allora se indovino anche il segno astrologico Signora Miranda lei è una bilancia!!! :mrgreen:

e l'ascendente mmmm vergine!!?? :wink:

Miranda Fey

ASTRI

Messaggioda Miranda Fey » 7 giugno 2006, 17:04

Signore,
voi che dite la mia lettura una gravosa ascesa verso la vetta, anche conoscete quali delizie invenireste colà? Dovizia d'ori e bellezza, i tesori di Miranda.

Cara Rita, cara maga,
bene indovinate: il mio disegno la bilancia, il segno dei pesci per ascendente e, come in certa maniera presumevate, quello della vergine a dominio della luna...
Dolci vi siano l'ore, fresca la sera incipiente...
Molto v'amo...

Miranda

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4280
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Re: ASTRI

Messaggioda gb » 7 giugno 2006, 17:11

Miranda Fey ha scritto:Signore,
voi che dite la mia lettura una gravosa ascesa verso la vetta, anche conoscete quali delizie invenireste colà? Dovizia d'ori e bellezza, i tesori di Miranda.


sì, ma se ci arrivo troppo stanco mi sa che combiniamo poco....
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,

nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”

Giovanni Vannucci

Avatar utente
Rita
brahmana
brahmana
Messaggi: 975
Iscritto il: 7 ottobre 2005, 21:51
Località: Luserna san giovanni

Messaggioda Rita » 7 giugno 2006, 23:25

guarda qb che il t'amo lo diceva a me!!! :evil: :mrgreen:
sii o letto la montagna la vetta... ma è me che ama!!! :wink:

per Miranda Fey
mi dedica una strofa in rima baciata?
quando le pare e se le pare!

GRAZIE, io ho tre segni in vergine in venere in urano e in plutone ma ho lo scorpione in nettuno che riassesta se no sa Miranda che noia sarei??

a presto, io t'amo ad una donna proprio non riesco a dirlo, le va bene con affetto? :wink:

Miranda Fey

AMORE

Messaggioda Miranda Fey » 12 giugno 2006, 16:43

Dolce Rita,
se amate l'umano, come dovreste, perché dell'amor vostro non informar le graziose consimili?
Non più tardi di ieri ebbi modo di assistere alla
rappresentazione della tragedia greca "Ippolito", del sommo Euripide, ove il conflitto tra
i valori sacri ad Artemide (castità, verginità, irriducibilità all'amore) e quelli sacri ad Afrodite (l'amore in ogni sua forma), si fa inconciliabile al punto da condurre al tragico...
Ora, violoncello e violino splendevano al sol della sera, reclinante il capo aureo tra le braccia dell'Adriatico, un coro di giovani donne in abito leggero sussurrava unanime "Eros, Eros, Eros", mentre il tocco secco del basso mimava il ritmo cardiaco all'approssimarsi dell'orgasmo...
Le braccia bianche delle due dee, screziate dell'oro apollineo, trasudavano una grazia congenita di cui rare donne, pur giovani, son dotate...
Esse levavano un canto alla brezza serale, in greco antico: quando Artemide, dalla morbida lingua, schiudeva la voce soave, mi parve morire; mi morì in petto il cuore per tanta beltà! La linea perfetta della figura, leggera ma netta, le ginocchia rotonde, l'incarnato eburneo, il portamento altero, la chioma aurata: l'opera d'un dio, non d'un mortale. Quand'ella chinò il capo sul suo protetto, il fiero Ippolito, bianca la veste, il petto nudo, fiero, lo sguardo figgente, il braccio possente, la chioma ricciuta (non dissimile a quella dell'angelo d'Amore),io vidi un connubio tale che, signora, mi domandai se avessi più volentieri stretto il petto dell'uomo o della fanciulla...
Più cara a me sarebbe stato il nudo virile o il bianco seno della bambina? Oh, vi assicuro, tanto mi strussi nel desiderio del Bello (cui i loro corpi erano specchio), che mi dispiacque non essere il sole per potere indorare le chiome dell'uno e dell'altra. Li amavo.
Dunque perché dite che non potete amarmi? Io amo quel che è umano; di quel che è umano, peculiarmente quel che mi rechi il Bello, cui attendo...Cui attendo...
Oh,colui che ami tutto ama che sia amabile,e talora finanche quel che il mediocre non sa che spregiare.

Dunque v'amo...

Miranda

ku
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 378
Iscritto il: 13 gennaio 2006, 13:25

Messaggioda ku » 12 giugno 2006, 17:30

bisogna pur tirare avanti, bisogna pur che il corpo esulti

Signora ma la sollazza poi tanto menar la lingua a questo modo?
legga Rimbaud legga Rimbaud

Avatar utente
Rita
brahmana
brahmana
Messaggi: 975
Iscritto il: 7 ottobre 2005, 21:51
Località: Luserna san giovanni

Messaggioda Rita » 12 giugno 2006, 19:06

l'amor del bello
così come amerebbe un bambino
senza pregiudizio alcuno?

dunque io l'amo Miranda Fey! :wink:

Avatar utente
Rita
brahmana
brahmana
Messaggi: 975
Iscritto il: 7 ottobre 2005, 21:51
Località: Luserna san giovanni

un dubbio che mi assale

Messaggioda Rita » 12 giugno 2006, 19:14

Artemide o Afrodite


ne abbiamo parlato a lungo...

ma la scelta dell'uno o dell'altro è sinonimo di maggior profondità alla disciplina yoga o un fatto squisitamente personale??? :roll:

Miranda Fey

LE DUE DEE

Messaggioda Miranda Fey » 14 giugno 2006, 16:31

Se mi sollazzi? Invero, a dispetto di quanto accada pel volgo, ritengo la facondia un piacere tra i più intimi e caldi... Ma, ahimé, io parlo la lingua dei morti...E' forse dunque ai morti ch'io mi volgo?

Mia cara Rita,
per quel che concerne le due dee, se ben conoscete Afrodite, pur conoscete ch'ella di due epiteti si giovò al tempo antico: per taluni Pandemia, per talaltri Urania: la via di questa è la mesòtes che provvede alla dissolvenza dei contrari...
Afrodite impera marina, Artremide regna la selva: ma figuratevi, signora, Venere in un mirteo bosco...
Colei che ami sublime giammai incorre nel periglio comune de l'impurità: ella è vergine ad ogni amplesso, dacché prega, amando, il dio degli dèi.

Molto v'amo

Miranda

tikal
paria
paria
Messaggi: 2
Iscritto il: 30 settembre 2017, 23:46

Re: respirazione tantrica

Messaggioda tikal » 1 ottobre 2017, 0:36

un saluto a tutti quanti voi.
mi sono letto tutte le 10 pagine di questo interessantissimo thread, e devo dire che sono rimasto colpito.

sto iniziando a praticare yoga perchè sto troppo seduto per lavoro.
sto venendo a conoscenza di tante cose di cui prima avevo solo sentito parlare, cose che non ho potuto apporfondire prima ma che sto apprfondendo ora.

parlando di respiro, l'ultimo argomento di cui si è trattato, io ho sempre respirato come un bambino. la mia pancia si gonfia quando inspiro e contrare se espiro....per me è naturale.
io mi rendo conto che potrei essere molto portato per andare avanti, ma devo prima di tutto trarre soddisfazione dallo yoga, elasticizzando i miei tendini ,manco mi tocco la punta delle dita dei piedi con le mani e ciò andrebbe fatto con la schiena perfettamente dritta, quindi ne ho di strada da percorrere per poter di poter sublimare i liquidi e fluidi organici, portatori di energia, energia che può condurre anche all'autoguarigione.
credo e mi sembra di capire che per poter eseguire questo passaggio di calore che deve correre lungo la colonna vertebrale, la schiena debba poter stare perfettamente dritta,non come più tubi infilati malamentre tra loro.

ma procedo con tutte le cose che mi stanno pervadendo la mente...

quando vi riferite ai chackra e dite , ho attivato il secondo chakra, ho attivato il primo....che significa????
faccio un esempio: l'esercizio di kegel.
contrazione del muscolo del perineo , significa attivare il primo chakra (che mi sembra sia li)??
.... e il secondo chakra che si trova dove c'è la prostata, come lo si attiva? con la ritenzione del fluido? sembra di capire che ogni chakra ha una sua modalità di attivazione, e più si sale, più queste modalità sono complesse da raggiungre e capire. (il primo chackra è più a livello bestia quindi il più facile da attivare, il coito è pratica che istintivamente fanno tutti gli animali... )

poi quando dite voglio guidare il flusso di energia, basta che la mia testa immagini di guidarlo col pensiero, concentrandomi su quelle parti del corpo con la mente?...mi riferisco all'osso sacro...oppure devo anche eseguire dei movimenti che allineano , tramite il respiro alcune ossa?
belle domande, chissà se hanno una risposta;)

proseguendo e ricollegandomi ai fluidi, avendo la tenerà età di 46 anni, sono andato a fare una visita urologica, sto bene...almeno cosi sembra, nella media.
il dottore mi cmq ha spiegato che col tempo avviene un indurimento della prostata ed anche un suo ingrossamento. l'indurimento, a detta sua, sarebbe causato dal ristagno del fuido che la prostata stessa produce per accomagnare lo sperma ed è quindi bene eiaculare e non sforzarsi nel tenere i fluidi dentro.
chiaramente qui si va incontro ad una dottrina occidentale scientifica contro una dottrina orientale filosofica.
palesemente entrambe possono essere vere, perciò giocare a fare la ritenzione dei fluidi, può essere un arma a doppio taglio, sopratutto se non si hanno le capacità di gestire questa cosa nel modo corretto.

come ha scritto qualcuno qui, scusate se non ricordo tutti i nomi, l'eiaculazione retrograda riporta lo sperma nella vescica che poi , urinando lo espelle. io tempo fa ho provato a blcocare l'orgasmo e il risultato fu pessimo.
riflettendo bene, credo che non si debba proprio arrivare ad eiaculare internamente:in quel momento il punto del non ritorno è già stato raggiunto e il seme sparato, mentre, tramite la respirazione si deve fermare il tempo, si deve ralentare al massimo il metabolismo, si deve bloccare l'istante del piacere maggiore che è quello del desiderio, come a natale, sotto l'albero, ci sono i pacchetti da scartare.
noi si deve rimanere con i pacchetti sempre incartati e mai vedere il regalo, solo in quel modo si riesce ad ottenere il piacere massimo ed è anche l'unica soluzione corretta e che si sposa con la tesi occidentale che afferma non fare uscire lo sperma è cosa malsana e fa male alla prostata.
questo è ciò che sto arrivando a capire. ma correggetemi se sbaglio.

poi per finire, quando si arriva a non eiaculare per del tempo, come una persona che sembre saperla lunga diceva, ci sono energie che circolano nel corpo e sono devastanti. ebbene io quelle energie le riesco a sentire solo dopo 7 giorni....è impressionante quando siano devastanti, posso arrivare ad avere le emorroidi a causa del nervosismo che il corpo accumula e credo che le tecniche yoga servano proprio a guidare questa energia.

ma quindi questa energia da guidare , non è presente solo quando evito di eiaculare, ovvero è una energia sempre presente dentro di noi.


mi son permesso di confrontarmi con voi a riguardo di ciò , poichè leggendo sembra che invece il tutto nasca proprio da un orgasmo bloccato all'interno del nostro corpo, una cosa molto più sessuale, e credo che questa concezione sia altamente sbagliata, proprio poichè il fluido non deve proprio essere emesso, ma subplimato prima, una volta che il fluido viene emesso, esso anche se rimane nel corpo rimane inutile.

vi prego rispondetemi!;) che il thread sembra essere morto....;) un abbraccio a tutti voi.



mat

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4280
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Re: respirazione tantrica

Messaggioda gb » 1 ottobre 2017, 13:51

Un consiglio e mi scuso se non richiesto da un coetaneo: prima di pensare all'eiaculazione retrogada, inizia con l'aiuto di un bravo istruttore a toccarti le punte dei piedi con le dita. Poi passa a toccare a terra con i palmi delle mani. Poi fai quel che ti dice l'istruttore.

Se hai "fortuna" potresti pure incontrare qualche istruttore "fuori serie" come ckstars o Proietti (ma credo che qui ce ne siano altri del genere, anche se non li conosco, come ongar sing o lux obscura o quale sia il suo nick adesso, mi scusino i citati ora non mi ricordo precisamente i nick e vado un pó di fretta)
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,

nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”

Giovanni Vannucci


Torna a “Tantra e altre vie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite