Qual è lo scopo del Tantra?

tantra-yoga, vie dello yoga vecchie e nuove
eracle
vaisya
vaisya
Messaggi: 160
Iscritto il: 27 aprile 2006, 17:29

Qual è lo scopo del Tantra?

Messaggioda eracle » 19 dicembre 2008, 14:41

So che la domana potrebbe sembrare un poco stupida, però in effetti anche no, semmai un pò generica.
Provo a specificarla: so che il Tantra non si occupa solo di sesso. Tuttavia vorrei focalizzare per adesso la domanda sugli aspetti sessuali.
Provo a spiegarmi meglio: in che termini il Tantra propone una via di ascensione tramite il sesso (ammesso che sia così visto che sono abbastanza ignorante sul tema)? Quale è il punto di arrivo, l' obiettivo di questa ascensione?
Saluti.

Avatar utente
matasilogo
brahmana
brahmana
Messaggi: 1947
Iscritto il: 16 agosto 2008, 11:41
Località: Villa d'Adda Bergamo
Contatta:

Re: Qual è lo scopo del Tantra?

Messaggioda matasilogo » 31 dicembre 2008, 17:56

eracle ha scritto:So che la domana potrebbe sembrare un poco stupida, però in effetti anche no, semmai un pò generica.
Provo a specificarla: so che il Tantra non si occupa solo di sesso. Tuttavia vorrei focalizzare per adesso la domanda sugli aspetti sessuali.
Provo a spiegarmi meglio: in che termini il Tantra propone una via di ascensione tramite il sesso (ammesso che sia così visto che sono abbastanza ignorante sul tema)? Quale è il punto di arrivo, l' obiettivo di questa ascensione?
Saluti.


Come al solito, premetto che nello yoga ci sono forse più di 800 scuole con orientamenti diversi, ma quì darò il mio parere suffragato da quasi 40 anni di ricerche e quindi ognuno deve verificare personalmente con paziente ricerca l'orientamento accettabile.
Nello yoga ci sono 8 parti tradizionali dell'asthanga yoga e tutte sono necessarie per arrivare in fondo al Samadhi del quale ritengo che il tantra sia un Modo.
Una lunga ed attenta preparazione, nei vari livelli Asthanga, prepara alla pratica della sessualità come metodo di portare la mente-spirito-cervello a momenti di iperattività, altrimenti definibili trance, quando l'encefalogramma porta da 5 a 50 microvol la sua attività e si ha una lucida percezione del passato presente e futuro di se e dell'ambiente.
In tal caso il sesso non è più un fatto solo genitale e non ha solo una funzione orgasmica e di lussuria, ma avvicina alle forze universali e se si vuole per metafora a Dio. Per questa ragione il sesso è stato represso da sciamani e sacerdoti timorosi che altri scoprissero i metodi della conoscenza suprema. Se tutti sapessero come gestirsi centrati ed in serenità (Serendipity) totale e conoscenza quelli dovrebbero lavorare per vivere. Meglio Per una definizione più precisa della pratica leggerai qualcosa in un messaggio privato ed anonimo
Conoscere che credere. OM

AT
brahmana
brahmana
Messaggi: 2509
Iscritto il: 28 marzo 2005, 19:38

Messaggioda AT » 1 gennaio 2009, 16:28

L'utilizzo del sesso per fini mistici è parte integrante di tutte quelle dottrine esoteriche che fanno parte della via della mano sinistra. Tale via è esistita ed esiste sia in oriente che in occidente, e la sua esatta natura per me resta un mistero. La via della mano sinistra si caratterizza per:
1.Integrare ed affrontare positivamente il lato oscuro del reale.
2.L'uso dei veleni: convertire in farmaco il tossico; ovvero giungere alla liberazione per mezzo di quelle stesse forze che conducono l'uomo ordinario alla malattia, al peccato, alla morte, alla pazzia.
3.L'uso iniziatico del sesso.
Alcuni studiosi occidentali di tale via, ad esempio il Dragon Rouge, interpretano l'uso iniziatico del sesso come strumento per l'auto-deificazione: fare di sé stessi un dio. Ma è solo un'interpretazione, peraltro non assente nelle stesse tradizioni indiane.
In altri post, ho parlato di influenze vitali (sopravvivenza, impulsi biologici, razionalità utilitaria, volontà di potenza) e influenze spirituali (le grandi idee metafisiche, e le tradizioni spirituali viventi). Con la via della mano sinistra entra in gioco una terza influenza: l'elementare. L'elementare è qualcosa di altro sia rispetto alle normali influenze vitali che rispetto alle influenze spirituali. E' qualcosa di assolutamente misterioso e abissale.
Nella via sinistra, il sesso è uno strumento per entrare in contatto con l'elementare, attraverso rituali altamente esoterici e pericolosi. Si pensa, a torto o a ragione non lo so, che solo affrontando l'elementare e le radici oscure dell'esistenza sia possibile giungere alla vera liberazione interiore ed esteriore.

eracle
vaisya
vaisya
Messaggi: 160
Iscritto il: 27 aprile 2006, 17:29

Re: Qual è lo scopo del Tantra?

Messaggioda eracle » 6 gennaio 2009, 20:47

matasilogo ha scritto:... Meglio Per una definizione più precisa della pratica leggerai qualcosa in un messaggio privato ed anonimo...
Volentieri.

Grazie per le ottime risposte...

eracle
vaisya
vaisya
Messaggi: 160
Iscritto il: 27 aprile 2006, 17:29

Messaggioda eracle » 13 gennaio 2009, 1:18

...Ed invece ,lo scopo generale???

Avatar utente
Marco Rotonda
vaisya
vaisya
Messaggi: 161
Iscritto il: 12 gennaio 2006, 13:51

Messaggioda Marco Rotonda » 9 febbraio 2009, 20:35

Non ho quatant'anni... in effetti tra alcuni giorni 34... quindi di esperienza e di ricerca in quest'argomento, in termini di anni, ne ho fatti sicuramente meno di metasilogo... ma credo che nel suo post vi sia un po' di confusione... forse è solo mia e sto proiettando... ma
"Nello yoga ci sono 8 parti tradizionali dell'asthanga yoga e tutte sono necessarie per arrivare in fondo al Samadhi del quale ritengo che il tantra sia un Modo."...
mmmmhhhhhh... allora, per quanto ne so, di Tantra ce ne sono tanti... già... i Tantra sono dei testi... già... tipo, giusto per citarne uno e forse più significativo il Mahanirvana Tantra (http://www.sacred-texts.com/tantra/maha/index.htm) (Se lo volete in italiano lo pubblica "Mediterranee")... poi la questione dell'asthanga... beh a riguardo ci sono tanti altri post e non mi dilungo...

per quel che riguarda:
"mente-spirito-cervello a momenti di iperattività, altrimenti definibili trance, quando l'encefalogramma porta da 5 a 50 microvol la sua attività e si ha una lucida percezione del passato presente e futuro di se e dell'ambiente."
:shock: :shock: :shock: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
scusa metasilogo ma studio neuroscienze e... sta storia me pare na... ahahahha... però mi ha fatto ridere :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

"In tal caso il sesso non è più un fatto solo genitale e non ha solo una funzione orgasmica e di lussuria, ma avvicina alle forze universali e se si vuole per metafora a Dio."
Makkè metafora!!! :D :D :D

Vabbè... almeno c'è AT che un po' di pezze ce le mette... anche se la sua visione è un po' distorta da Dragon Rouge, Crowley et compari...

Fondamentalmente quello che dice AT è giusto... l'unica cosa che mi sfugge è l'"elementare"... ma ci dovrei riflettere meglio...

Per tornare alla domanda di eracle sullo "scopo"... per me la risposta è molto semplice e non ci sarà tantrico che lo possa contraddire: Mokṣa (Moksha) (dal sanscrito, मोक्ष liberazione)

AT
brahmana
brahmana
Messaggi: 2509
Iscritto il: 28 marzo 2005, 19:38

Messaggioda AT » 9 febbraio 2009, 23:09

Quindi non c'è differenza tra lo scopo della via sinistra e lo scopo della via destra? Ma allora, perché rischiare con le pericolose pratiche della via sinistra, se tanto lo scopo è lo stesso?

grazianozap
brahmana
brahmana
Messaggi: 1366
Iscritto il: 30 dicembre 2006, 17:45

Messaggioda grazianozap » 10 febbraio 2009, 8:50

AT ha scritto:Quindi non c'è differenza tra lo scopo della via sinistra e lo scopo della via destra? Ma allora, perché rischiare con le pericolose pratiche della via sinistra, se tanto lo scopo è lo stesso?


Credo che non si possa scegliere.
samastaloka sukhino bhavantu

Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5597
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

Messaggioda Paolo proietti » 10 febbraio 2009, 10:05

AT ha scritto:Quindi non c'è differenza tra lo scopo della via sinistra e lo scopo della via destra? Ma allora, perché rischiare con le pericolose pratiche della via sinistra, se tanto lo scopo è lo stesso?

dipende dalla qualificazione.
c'è poi da dire che la via della mano sinistra ha delle fasi intermedie che possono essere considerate pericolose.
pericolose perchè "hanno"un immediato effetto sul mondo sensibile (o almeno così si dice)

utilizzando la tecnica del tapas e l'energia sessuale(attenzione: anche la totale astinenza è utilizzazione dell'energia sessuale) si ottengono dei poteri.
la tentazione di utilizzare certi poteri per influenzare, magari a fin di bene,la vita empirica si dice che sia molto forte.
e si dice anche che finisca, sempre, per provocare danni.
se ti interessa il tantra ti consiglio la lettura di siva sutra di vasugupta e di paramàrthasàra di Abhinavagupta (credo che in italiano si trovino solo nelle edizioni Asram Vidya).
per ciò che riguarda il mahanirvana tantra la traduzione di Avalon (med.)pare sia molto buona.

da tenere presente che si tratta solo della prima parte del mahanirvana tantra.

il maestro che ha fornito ad avalon il manoscritto originale si è infatti rifiutato di far pubblicare la seconda parte perchè giudicata pericolosa.

nel senso che non essendo necessaria "la virtù" per rendere operativi certi mantra (secondo il maestro in questione) chiunque avrebbe potuto utilizzarli a fini personali.

un abbraccio.
p.
Il Manzo non Esiste

Avatar utente
Marco Rotonda
vaisya
vaisya
Messaggi: 161
Iscritto il: 12 gennaio 2006, 13:51

Messaggioda Marco Rotonda » 10 febbraio 2009, 13:26

AT ha scritto:Quindi non c'è differenza tra lo scopo della via sinistra e lo scopo della via destra? Ma allora, perché rischiare con le pericolose pratiche della via sinistra, se tanto lo scopo è lo stesso?


in effetti no... infatti si chiama "via"... come si dice tutte le strade portano a Roma (moksha)... dipende che strada fai no? :wink:

Se sei a Bologna e vuoi arrivare a Roma puoi passare anche per Bari... ma se passi per barberino la strada è impervia e piena di dirupi...

Il fatto è che, teoricamente, si dovrebbe riuscire nell'intento di cui sopra in una vita... molto semplice...

Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5597
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

Messaggioda Paolo proietti » 10 febbraio 2009, 15:58

credo che si abbia comunque una concezione strana del tantra della mano sinistra.

gran parte degli insegnamenti della via della mano sinistra provengono da Gorakhnath,allievo di Matsyendranatha, e considerato il fondatore dei kan path (nath o siddha sampradaya).
i trattati base dell'insegnamento di Gorakhnath sono lo "Hatha yoga" e il "Goraksha Shataka ".
si attribuisce a Gorakhnath, anche il Siddha Siddhanta Paddhati trattato filosofico e di fisiologia sottile base di molti scritti successivi.

Lo Hatha Yoga Pradipika di Swatmarama Swami è una riflessione su entrambi i testi(contiene interi brani del Goraksha Shataka ) e sviluppa l'aspetto legato alle posizioni del corpo (l'universo è il corpo di siva, visto che c'è corrispondenza tra microcosmo e macrocosmo Sivo'ham, io sono Siva e quindi il mio corpo è l'universo).

tuuto ciò che si dice di Cakra, prana (i 5-10 vayu, nadi etc, è descritto invece nel Kaulajnananirnaya Tantra attribuito al maestro di Gorakhnath,Matsyendranath.


non so perchè ci si ostini a chiamare hatha yoga solo gli esercizi di ginnastica, respirazione e di integrazione posturale, forse dipende dalla necessità di addolcire per il mercato occidentale certe pratiche e teorie che sarebbero male accettate dai cristiani.

lo hatha yoga "è" il tantra della mano sinistra.


basterebbe tradurre esattamente il nome HA= energie positive e THA= energie negative, quindi unione delle energie positive e delle energie negative.

consiglio vivamente di leggere i testi originali.
sono disponibili quasi tutti in inglese, ed anche se li si trovasse in sanscrito, essendoci molti traduttori istantanei di buona qualità su internet,non è difficile cavarci qualcosa.


un abbraccio.
p.
Il Manzo non Esiste

Lakshmi
brahmana
brahmana
Messaggi: 662
Iscritto il: 22 agosto 2007, 12:47

Messaggioda Lakshmi » 10 febbraio 2009, 18:54

Per chi legge l'inglese, vorrei segnalare un nuovo commento del Paramarthasara uscito l'anno scorso:
http://www.vedamsbooks.com/no56819.htm

Il commento e' di Yogaraja, un discepolo di Abhinavagupta vissuto nell'11 secolo.
Yogaraja ha scritto altri commenti e purtroppo questo testo e' l'unico suo scritto sopravissuto ad oggi.

Commento e traduzione decisamente differente dalle altre lette finora.

Lakshmi

Avatar utente
cara
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 331
Iscritto il: 1 novembre 2008, 17:55
Località: Liguria

Messaggioda cara » 11 febbraio 2009, 23:48

Vi volevo chiedere una curiosità.
L'altro giorno mi sono imbattuta in una discussione, su di un altro forum, dove dicevano che la via della mano sinistra viene usata nei riti satanici, nel satanismo.
Ecco, essendo quello un forum popolato di utenti poco preparati in materia perchè si basano principalmente sul sentito dire o sul fatto di averlo letto da qualche parte su internet, preferisco chiedere a voi perchè siete sicuramente molto più preparati.
Come mai viene associata, magari erroneamente, la via della mano sinistra con il satanismo?

Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5597
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

Messaggioda Paolo proietti » 12 febbraio 2009, 11:09

cara ha scritto:Vi volevo chiedere una curiosità.
L'altro giorno mi sono imbattuta in una discussione, su di un altro forum, dove dicevano che la via della mano sinistra viene usata nei riti satanici, nel satanismo.
Ecco, essendo quello un forum popolato di utenti poco preparati in materia perchè si basano principalmente sul sentito dire o sul fatto di averlo letto da qualche parte su internet, preferisco chiedere a voi perchè siete sicuramente molto più preparati.
Come mai viene associata, magari erroneamente, la via della mano sinistra con il satanismo?


si dicono tante cose.
di fatto chi prende la croce e la rovescia è un cristiano.
la croce che si usa come simbolo in certi rami tradizionali orientali è quadrata.
non c'è possibilità di rovescerla.

il mito del satanismo nasce anche con crowley allievo di un inglese iniziato al tantrismo che prende il nome di dadaji.

l'aspetto demoniaco o satanista o titanico è dovuto al fine , nel senso che alcune sette utilizzano tecniche operative facenti parte di un tempo di specifiche (specifici) sadhana per ottenere siddhi da utilizzare per ottenere potere ed influenzare la realtà empirica.

tieni presente che l'uso di droghe e dell'energia sessuale sono comuni in tutte le tradizioni.

certi residui di conoscenze sciamaniche sono presenti in tutte le parti del mondo ed è facile trovare affinità con le tecniche tantriche.

un abbraccio.
p.
Il Manzo non Esiste

Avatar utente
Govinda
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 226
Iscritto il: 7 novembre 2005, 17:45
Località: Roma
Contatta:

Messaggioda Govinda » 12 febbraio 2009, 11:51

Paolo proietti ha scritto:
basterebbe tradurre esattamente il nome HA= energie positive e THA= energie negative, quindi unione delle energie positive e delle energie negative.

... un abbraccio.
p.


Ciao Paolo,
ma perchè traduci
HA energie positive e THA energie negative?

Non è forse che HAm è il suono di controllo del corpo e THA il suono di controllo della mente o meglio

e dunque
HATHA YOGA non è forse quello yoga che che fa uso del corpo per esercitare un controllo sulla mente.
Non è un caso, mi sembra, che si definisca quindi lo yoga come la sospensione delle propensioni mentali.
E l'Hatha yoga vuole ottenere questa sospensione attraverso l'uso del corpo prevalentemente.

Sembra per chi comincia, o pratica da alcuni anni che
tutte le strade portino alla stessa meta...

ma ho una "vaga" impressione che se non si fa uso di alcune leggi interiori la meta non si raggiunga...

In questo senso la via non è più molte... ma una...
per quanto forte possa sembrare questa affermazione...

Quest'affermazione mi piace e la collego anche all'elevazione della Kundalini...
la Kundalini ha una sola via... all'interno del Sushumna, e non ci sono poi mille tecniche per elevarla...

ma alla fine una sola ;-)

un abbracio,
Govinda
Tu non sei mai solo o senza aiuto. La forza che guida le stelle guida anche te.

Shrii Shrii Anandamurti


Torna a “Tantra e altre vie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite