Punto di Inizio

tantra-yoga, vie dello yoga vecchie e nuove
Avatar utente
n.lazzaro
sudra
sudra
Messaggi: 22
Iscritto il: 2 ottobre 2008, 18:09

Punto di Inizio

Messaggioda n.lazzaro » 7 ottobre 2008, 20:21

Salve a tutti, credevo avrei trovato un topic simile con la funzione di ricerca del forum, ma così non è stato. Chiedo scusa nel caso si tratti di un doppione.

Dopo aver letto l'articolo Diario di un viaggio in India di Selene M. Calloni Williams il mio interesse verso il Tantra Yoga (è corretto anche dire Yoga Tantrico?) è aumentato in maniera considerevole, portandomi alla necessità di dover capire qualcosa di più su questa pratica profonda.

Ecco alcune delle domande a cui sto cercando risposta:
    - Trovare insegnanti di questo Yoga è più complesso che per le altre tipologie?
    - Qualcuno conosce per caso qualche scuola o corso che si tenga nel Veneto? (in caso positivo vi chiederei se poteste gentilmente farmelo conoscere tramite messaggio personale)
    - Quale può essere un buon punto di inizio per qualcuno che voglia avvicinarsi a questa Via? E quale un possibile proseguimento?


Un grazie di cuore, Nicolò.

Yogavira
brahmana
brahmana
Messaggi: 1229
Iscritto il: 23 settembre 2006, 21:47

Messaggioda Yogavira » 7 ottobre 2008, 20:56

Ciao Nicolò, benvenuto. :)

Senti, sul Tantra Yoga ci sono molti fraintendimenti, causati dalla furbizia di alcuni falsi maestri e da alcuni giornalisti/scrittori arraffoni e approssimativi.

Sicome nel forum se n'è parlato veramente molto, ti consiglio di leggere e di capire davvero di cosa stai chiedendo, usando il motore 'cerca' in alto a sx.

Prima informati , leggi, studia.....o rischi veramente delusioni colossali o seccature o prese in giro, se non proprio il cacciarti seriamente nei guai. :wink:
Immagine mitico ! Immagine

Avatar utente
n.lazzaro
sudra
sudra
Messaggi: 22
Iscritto il: 2 ottobre 2008, 18:09

Messaggioda n.lazzaro » 7 ottobre 2008, 22:48

Credevo lo specificare il fatto che ad interessarmi erano state le descrizioni fornite dal viaggio di Selene mi avrebbe salvato da questo genere di fraintendimenti, soprattutto perchè in nessuna parte del mio messaggio ho fatto riferimento a qualcosa di possibilmente associabile al sesso. (E perchè i miei - seppur miseri - due messaggi segnati dal contatore avrebbero dovuto far intendere che al forum mi sono avvicinato per lo Yoga in generale prima che per il Tantra nello specifico di questa sezione.)

Nel caso in cui mi fossi male presentato vorrei rassicurare chiunque avrà la volontà di darmi una mano: ciò da cui sono rimasto affascinato e sul quale avrei interesse di approfondire è l'accento che la via tantrica sembra porre - sempre dal fondo della mia ignoranza, che spero di riuscire ad evacuare quanto prima - sullo "stato naturale".

Le mie domande sono rimaste dunque quelle del primo messaggio, a chiunque vorrà essere tanto gentile da rispondere rivolgo anticipatamente i miei più sentiti ringraziamenti. :D

PS: riguardo al "prima informati, leggi, studia": il mio messaggio aveva proprio lo scopo di chiedere qualche valida fonte di studio nel caso in cui non mi fossi espresso abbastanza bene. Ritengo i forum un buon posto dove trovare risposte, ma personalmente continuo a preferire di gran lunga un buon libro o una brava guida. =)

Nicolò.

Lakshmi
brahmana
brahmana
Messaggi: 662
Iscritto il: 22 agosto 2007, 12:47

Messaggioda Lakshmi » 7 ottobre 2008, 23:59

Nell'articolo, la giornalista menziona Abhinavagupta.
Le opere di Abhinavagupta sono certo sul Tantra: Tantraloka e Tantrasara sono i suoi scritti piu' famosi.
Ma in nessuna opera di Abhinavagupta si fa riferimento a tecniche sessuali.

Mi spiace non mi sono mai interessata a quella parte del Tantra, sempre che sia vera :twisted:
Lakshmi

Avatar utente
pushan
brahmana
brahmana
Messaggi: 1725
Iscritto il: 15 gennaio 2007, 11:57

Messaggioda pushan » 8 ottobre 2008, 9:22

n.lazzaro ha scritto:Credevo lo specificare il fatto che ad interessarmi erano state le descrizioni fornite dal viaggio di Selene mi avrebbe salvato da questo genere di fraintendimenti, soprattutto perchè in nessuna parte del mio messaggio ho fatto riferimento a qualcosa di possibilmente associabile al sesso. (E perchè i miei - seppur miseri - due messaggi segnati dal contatore avrebbero dovuto far intendere che al forum mi sono avvicinato per lo Yoga in generale prima che per il Tantra nello specifico di questa sezione.)

Nel caso in cui mi fossi male presentato vorrei rassicurare chiunque avrà la volontà di darmi una mano: ciò da cui sono rimasto affascinato e sul quale avrei interesse di approfondire è l'accento che la via tantrica sembra porre - sempre dal fondo della mia ignoranza, che spero di riuscire ad evacuare quanto prima - sullo "stato naturale".

Le mie domande sono rimaste dunque quelle del primo messaggio, a chiunque vorrà essere tanto gentile da rispondere rivolgo anticipatamente i miei più sentiti ringraziamenti. :D

PS: riguardo al "prima informati, leggi, studia": il mio messaggio aveva proprio lo scopo di chiedere qualche valida fonte di studio nel caso in cui non mi fossi espresso abbastanza bene. Ritengo i forum un buon posto dove trovare risposte, ma personalmente continuo a preferire di gran lunga un buon libro o una brava guida. =)

Nicolò.

ho ricevuto una formazione nel tantra tibetano e ho studiato e in parte praticato anche forme di "tantra" (lavoro con la trama delle energie) di matrice shivaita/induista.
Padmasambhava è colui che ha introdotto gli insegnamenti tantrici in Tibet, ed è venerato da tutte le scuole del buddhismo Vajrayâna, particolarmente dai seguaci della "scuola degli Antichi, che lo considerano il secondo Buddha."
Molti testi che contengono i suoi insegnamenti sono dei gTer-ma, "tesori" nascosti da lui stesso o dai suoi discepoli per essere ritrovati in epoche successive.
Del tantrismo tibetano splendido libro della tradizione rimè: non settaria: il "tantra dell'unico punto" edizioni psiche.

e "le energie elementari del tantra" di Ngakpa Chogyam, lama occidentale della scuola nyingma: la scuola degli Antichi.

Dice la presentazione del libro:
"Il lavoro sulle emozioni attraverso il simbolismo dei colori. Nella cultura occidentale le emozioni configurano prima di tutto un pericolo, qualcosa da tenere accuratamente sotto controllo, perché, se diventano abbastanza intense, possono travolgere ogni dominio razionale, ogni argine etico, la volontà e l’intera personalità. Ma proprio questa capacità di spazzar via tutte le strutture mentali è stata considerata, nel Tantrismo, il miglior alleato della spiritualità per trascendere quelle strutture e rivelare all’uomo la sua vera natura"
L'essere una trama di energie....nulla più.
Interessanti anche i libri di questo signore che riceve entrambe le iniziazioni: tibetana e indiana.
http://www.danielodier.com/ITALIAN/Biblio_text.htm
ciao
pushan

Avatar utente
n.lazzaro
sudra
sudra
Messaggi: 22
Iscritto il: 2 ottobre 2008, 18:09

Messaggioda n.lazzaro » 8 ottobre 2008, 19:32

Pusham: grazie mille per l'aiuto fornitomi, provvederò quanto prima ad ottenere i testi da te consigliati.

Nicolò.


Torna a “Tantra e altre vie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron