VINYASA, L'ARTE DELLA SEQUENZA

sequenze, consigli per la pratica, indicazioni generali
Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5644
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

VINYASA, L'ARTE DELLA SEQUENZA

Messaggioda Paolo proietti » 4 febbraio 2020, 22:27

Immagine

Vinyāsa (in sanscrito विन्यास) è un termine assai popolare nelle nostre scuole di yoga. Di solito viene tradotto con “sequenza” o con stile degli “āsana in movimento”, e viene contrapposto allo Haṭḥayoga che sarebbe lo “yoga degli āsana immobili”, ma sono definizioni – completamente o in parte – inesatte.

Tecnicamente, nello yoga odierno, la parola vinyāsa indica sia i movimenti di transizione compiuti da uno yogin per passare da una posizione all’altra sia l’insieme di posizioni e passaggi eseguiti praticando una sequenza di āsana, ma se si tiene conto della tradizione artistica e filosofica indiana vedremo, che si tratta di qualcosa di molto più profondo e complesso.

In epoca moderna il primo a descrivere i vinyāsa e ad inserirli in un sistema di insegnamento fu Krishnamacharya, che nei suoi libri “Yoga Marakanda” (1934)[1] e, soprattutto “Yogasanagalu” (1941)[2] descrive un certo numero di posizioni e di sequenze. Si tratta di testi assai interessanti che rivelano come l’insegnamento originario fosse decisamente diverso da ciò che comunemente si crede.

Innanzitutto non è scritto da nessuna parte che le sequenze proposte da Krishnamacharya fossero antiche, in secondo luogo, è chiaro che si tratta di un “work in progress”, nel senso che le sequenze vanno adattate agli allievi tenendo conto della loro “ages, constitutions (deha), vocations (vrttibheda), capabilities (sakti), and paths (marga)"[3].

In altre parole non esistono “sequenze fisse” come nello yoga di Pattabhi Jois.
Krishnamacharya, secondo Norman Sjoman[4] improvvisava la pratica ogni volta e mai avrebbe parlato di “sequenze tradizionali” o “ereditate” da maestri e lignaggi antichi.

Agli allievi che non erano in grado di “improvvisare” proponeva delle sequenze personalizzate “in accordo con le loro età, costituzione fisica, qualificazione, capacità e cammino spirituale”.

Quindi vinyāsa sarebbe, in origine un qualcosa di simile alle improvvisazioni di un danzatore crea una coreografia?
Sentiamo cosa dice in proposito Srivasta Ramaswami, allievo diretto di Krishnamacharya[5]:

“My guru believed that the correct vinyasa method is essential in order to receive the full benefits from yoga practice:
From time immemorial the Vedic syllables…are chanted with the correct (high, low, and level) notes. Likewise, sruti (pitch) and laya (rhythm) govern Indian classical music. Classical Sanskrit poetry follows strict rules of chandas (meter), yati (caesura), and prasa (assemblage). Further, in mantra worship, nyasas (usually the assignment of different parts of the body to various deities, with mantras and gestures)—such as Kala nyasa, Matruka nyasa, Tatwa nyasa—are integral parts. Likewise yogasana (yogic poses), pranayama (yogic breathing exercises), and mudras (seals, locks, gestures) have been practiced with vinyasas from time immemorial. "However, these days, in many places, many great souls who teach yoga do so without the vinyasas. They merely stretch or contract the limbs and proclaim that they are practicing yoga…"

Krishnamacharya legava concettualmente il vinyāsa alla musica, alla poesia e alla pratica tantrica chiamata nyāsa, che consiste nel toccare determinate parti del corpo visualizzando delle divinità, delle sillabe e dei processi fisiologici.

Ma nyāsa – grammaticalmente legato a vinyāsa ha anche un significato tecnico nella musica indiana[6]: indica le ventuno diverse maniere di terminare un canto o una frase musicale, ovvero indica le note o le pause che attribuiscono un determinato “sapore” - rasa – ad una jāti, una melodia.

Vinyāsa quindi sarebbe “un canto” le cui note “caratterizzanti” – quelle che danno “sapore” alla melodia” sono gli āsana fondamentali.

Il numero di āsana fondamentali è variabile: krishnamacharya considera ogni posizione una sequenza, e chiama vinyāsa sia le fasi che conducono alla posizione di base sia quelle necessarie per tornare alla posizione di partenza o per assumere un’altra posizione.

Si legge nello “Yoga Makaranda”[7]:

"This [N.d.A. Sarvangāsana – la “posizione della candela”] has 12 vinyasas [stages]. The 8th vinyasa is the asana sthiti [the actual pose]."

Si tratta di un brano molto interessante: Secondo krishnamacharya la posizione della candela, è composta da dodici vinyāsa, l’ottavo dei quali è Āsana sthiti.

Questo significa che, facendo il paragone con la musica indiana che si tratta di una melodia composta da dodici frasi musicali, l’ottava delle quali è una pausa – Āsana sthiti – che dà il “sapore” - rasa- all'intero componimento.

Āsana sthiti - che i non praticanti traducono con “stabilità” o “perseveranza” della posizione, nel gergo yogico è una tecnica operativa che consiste nell'utilizzare la spontanea ritenzione del respiro – kumbhaka – per muovere nel corpo determinate energie fisiche - vāyu – tramite una serie di contrazioni dei muscoli sottili – bandha.


Occorre chiarire il senso di ritenzione spontanea:

Nello yoga esistono due kumbhaka: uno esterno - bāhya kumbhaka – che si fa corrispondere all'apnea bassa, ovvero a polmoni vuoti, ed uno interno – antar kumbhaka – che si fa corrispondere all'apnea alta, a polmoni pieni, ma in alcune scuole, negli insegnamenti orali, antar kumbhaka è una sospensione del respiro che si attiva spontaneamente:


1. Dopo la pratica dei mantra:

2. Durante la meditazione;

3. Durante la pratica corretta di un āsana;

4. Durante la corretta pratica del prāṇāyāma.


Il brano di Krishnamacharya evidenzia come la corretta esecuzione di una posizione yoga o di una sequenza debba prevedere l’esecuzione dell’āsana sthiti, ovvero dell’attivazione/utilizzazione di particolari fluidi ed energie fisiche mediante contrazioni di particolari muscoli sottili - come mūlabhanda o aśvinī mudrā – in una fase di ritenzione del respiro.


Āsana sthiti è la nota – o la pausa - fondamentale, ovvero la fase culminante di una posizione ed una sequenza - vinyāsa – deve essere scandita da una o più fasi di ritenzione del respiro – anthar kumbhaka – e pratica di bandha.
Queste fasi, inserite in una “danza” - i cui passi sono a loro volta dei vinyāsa – le conferiranno un ritmo, una “musicalità” ed un “rasa” particolari, caratteristici.

Questo significa che, almeno per Krishnamacharya, un āsana “bloccato”, assunto con fatica o carente e non armonioso nella fase di “uscita” è sintomo di una pratica errata.


Al tempo stesso non si deve pensare che per eseguire una sequenza di yoga sia sufficiente passare morbidamente da una posizione all’altra, seguendo l’ispirazione del momento.
Un vero vinyāsa - come un vero “raga”, una vera coreografia di Bharatanatyam o un vero “vadivukal” di kalaripyattu - deve essere espressione del ritmo universale – Ṛta – ovvero seguire, e al tempo stesso rappresentare, le leggi che regolano il vario dispiegarsi delle energie sia nell’universo - macro-cosmo – sia nel corpo umano–microcosmo- sia nella vita quotidiana.

Lo Yoga è un’Arte, l’Arte di danzare la vita.
Forse è questo ciò che voleva trasmetterci Krishnamacharya….


[1] https://en.wikipedia.org/wiki/Yoga_Makaranda
[2] Mark Singleton, (2010). Yoga Body: the origins of modern posture practice. Pag. 184. Oxford University Press. ISBN 978-0-19-539534-1.
[3] Mark Singleton, opera citata pag. 188.
[4] Norman E. Sjoman,. The Yoga Tradition of the Mysore Palace (2nd ed.). Abhinav Publications. (1999). ISBN 81-7017-389-2.
[5] Srivasta, Ramaswami “The Complete Book of Vinyasa Yoga” Marlowe & Company, New York. (2005)
[6] Vedi Nātyaśāstra 28, 99 e 100.
[7] Tirumulai Krishnamacharya. Yoga Makaranda. Translated by
Il Manzo non Esiste

Indra
brahmana
brahmana
Messaggi: 730
Iscritto il: 14 agosto 2011, 15:58

Re: VINYASA, L'ARTE DELLA SEQUENZA

Messaggioda Indra » 7 febbraio 2020, 18:11

vecchio darvish Mawlawiyya mostriamo a coloro che non sanno quel che si fanno cosa sia davvero lo yoga

Prima del Prima quando il tempo e lo spazio erano soltanto Visioni
nella mente sublime del Signore del mutamento
allora Sakti compenetrata da Siva danzava estatica ed orgiastica
al ritmo del silenzioso canto del Dissolutore
e creavainfiniti universi distruggendoli nello stesso supremo istante
Le galassie erano per Lei ornamento e trastullo
rotanti sui suoi turgidi seni
iridescenti gocce di Soma stillanti dal Lingam del Dio
la Yoni Piena del Vuoto che Vuota quel Pieno
nell'Abbraccio che solo Gli Eterni Amanti conoscono
nell'Amplesso senza nè inizio nè Fine

Avatar utente
padmasana2000
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 355
Iscritto il: 10 febbraio 2006, 17:17
Località: arona

Re: VINYASA, L'ARTE DELLA SEQUENZA

Messaggioda padmasana2000 » 8 febbraio 2020, 12:08

... un affresco sulla creazione descritto in poche parole, eppure affascinante!
Grazie !!
Привет!!

Indra
brahmana
brahmana
Messaggi: 730
Iscritto il: 14 agosto 2011, 15:58

Re: VINYASA, L'ARTE DELLA SEQUENZA

Messaggioda Indra » 17 marzo 2020, 15:10


Avatar utente
padmasana2000
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 355
Iscritto il: 10 febbraio 2006, 17:17
Località: arona

Re: VINYASA, L'ARTE DELLA SEQUENZA

Messaggioda padmasana2000 » 18 marzo 2020, 17:49

Grazie Indra! Però, per me, è un po’ troppo “ sturm und drang “. sono d’accordo sul fatto che qui si parli di Yoga ed argomenti ad Esso correlati, in tutti i Suoi aspetti, anche teologici e/o teogonici. La mia visione è più “umana”. Vedo lo Yoga come un dono che ci è stato fatto.. quindi proveniente da qualcuno/qualcosa di benevolo..
Ciao e buona serata!
Luca
Привет!!

Indra
brahmana
brahmana
Messaggi: 730
Iscritto il: 14 agosto 2011, 15:58

Re: VINYASA, L'ARTE DELLA SEQUENZA

Messaggioda Indra » 19 marzo 2020, 15:22

siva in sanscrito significa il benevolo e rappresenta l'aspetto mascolino di Kaali
Kaali in sanscrito è sia colei che tutto distrugge sia le illuminanti acque corrosive
ed è il Feminino di Sakti Colei che si scaglia attraverso il Tempo e lo Spazio
lo Yoga è il Fuoco rubato da Prometeo il Titano
Va strappato agli Dei gelosi ed orgogliosi della conoscenza ottenuta con la pratica dello yoga
Prometeo ha un fratello epimeteo che invece è umano
Pro-meteo in greco significa Colui che Riflette Prima
epi-meteo è colui che riflette Dopo

Lo yoga non è un dono e solo un Titano lo può prendere pagando un prezzo altissimo
il fegato era considerato la sede dei sentimenti e dei desideri
l'umano può solo piangere sè stesso e la sua mancanza di ri-flettere Prima di agire

Kaalisakti danza estatica ed orgiastica

https://www.youtube.com/watch?v=zJTmi9cgpKQ

Avatar utente
padmasana2000
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 355
Iscritto il: 10 febbraio 2006, 17:17
Località: arona

Re: VINYASA, L'ARTE DELLA SEQUENZA

Messaggioda padmasana2000 » 19 marzo 2020, 17:26

Mi inchino umilmente innanzi alla tua cultura in materia, dal cui livello sono purtroppo ben lontano. Comunque continuo a sentire lo Yoga come un dono che ho ricevuto. Che poi il mio non sia Yoga forse ci può stare... me ne farò una ragione. Lo chiamerò diversamente ( qualcuno mi suggerisca un nome ..).
Comunque il mio non-yoga mi ha accompagnato per più di cinquant’anni, regalandomi qualcosa di unico : quello che sono io oggi. Volente o nolente non riesco ad immaginare me stesso senza gli anni di pratica, in privato, come mia ricerca personale per studiarmi e migliorarmi.
Sono sicuro di peccare di individualismo. Inoltre non posseggo il Verbo. Sono solo un povero imbecille che crede che lo Yoga sia semplicemente lo Yoga. Qualcosa di semplice, intuitivo .. del tipo “ conosci te stesso “ ma studiandoti ed analizzandoti senza sosta e senza pietà.
Scusatemi per lo sfogo. Ripeto: sono solo un entusiasta dello Yoga senza alcuna base scientifica e totalmente privo di alcun tipo di certificazione in materia.
Buona serata a tutti e vi prego di scusarmi.
Привет!!

Daniella
vaisya
vaisya
Messaggi: 138
Iscritto il: 4 giugno 2015, 13:38

Re: VINYASA, L'ARTE DELLA SEQUENZA

Messaggioda Daniella » 19 marzo 2020, 22:00

Saluti Padma. Ma di cosa ti scusi?
Indra, non sarai per caso femminista?

Avatar utente
padmasana2000
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 355
Iscritto il: 10 febbraio 2006, 17:17
Località: arona

Re: VINYASA, L'ARTE DELLA SEQUENZA

Messaggioda padmasana2000 » 20 marzo 2020, 1:21

Mi scusavo semplicemente del fatto di essere entrato in una polemica che forse non era neanche tale. In un forum si dialoga tra persone che non si conoscono direttamente, quindi è facile che non ci si comprenda o che magari si dica la stessa cosa in modi diversi senza rendermene conto .
Rinnovo le mie scuse e considererei chiuso il caso. Torniamo a parlare di Yoga ?
Buonanotte a tutti..
Привет!!


Torna a “Hatha-yoga”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron