IL RITO DEL SOLE - TECNICA DI COMPOSIZIONE DEI MANTRA E DELLA SEQUENZA

sequenze, consigli per la pratica, indicazioni generali
Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5583
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

IL RITO DEL SOLE - TECNICA DI COMPOSIZIONE DEI MANTRA E DELLA SEQUENZA

Messaggioda Paolo proietti » 10 aprile 2018, 20:34

(Tratto dal materiale didattico ad uso degli allievi di Citra Yoga - 15 modulo, 28-29 aprile 2018)

Immagine

Il Saluto al Sole è un rito . In origine era diviso in quattro sezioni durante le quali i movimenti venivano ripetuti a velocità decrescente e venivano accompagnati dal "canto" di mantra specifici per ogni sezione.
Una sequenza di movimenti durava quanto la recitazione, anzi il canto, di uno specifico mantra.
innanzitutto vediamo quali sono le posizioni base (esistono diverse varianti):

1. AÑJALI MUDRĀ (NAMASKARĀSANA)
Immagine


HASTAUTTANĀSANA
Immagine

HASTAPADĀSANA (UTTANĀSANA)
Immagine
ĀÑJANEYĀSANA
Immagine

ADHOMUKHASVANĀSANA o nella variante praticata in molte scuole, CATUR DANDĀSANA
Immagine

AṢṬĀṄGĀSANA
Immagine

URDHVA MUKAH SVANĀSANA sostituito spesso da BHUJAṄGĀSANA
Immagine

ADHOMUKHASVANĀSANA
Immagine

ĀÑJANEYĀSANA
Immagine

HASTAPADĀSANA (UTTANĀSANA)
Immagine
HASTAUTTANĀSANA
Immagine

AÑJALI MUDRĀ
Immagine


Una nota secondo me importante:
Credo che in origine, Āñjaneyāsana, ripetuta come quarta e nona posizione, si effettuasse sempre con la gamba sinistra in avanti. Nello yoga moderno per una logica di "compensazione" si alternano gli appoggi sia all'interno della stessa sequenza (p.e. IV con sinistro avanti e IX con destro avanti) sia durante le ripetizioni della serie, ma il porre in avanti sempre il piede sinistro, come avviene per esempio in alcune sequenze di kalaripayattu un tempo aveva dei significati simbolici e degli effetti sul sistema endocrino e sul sistema nervoso che potrebbe essere interessante approfondire.


Vediamo adesso come vengono costruiti i mantra che accompagnano la pratica.

La composizione dei mantra del saluto al sole che definisco “vedico” avviene secondo una modalità che ricorda la tecnica compositiva della musica minimale, avremo cioè dei moduli o delle frasi minime:

1) om-

2) bijamantra-

3) verso dell'inno al sole del ṛgveda-

4) bijamantra

5) om -

6) nome del sole.

L’insieme di queste “frasi minime” va a comporre una frase complessa:

Om bija verso bija Om Nome del sole.

Ad ogni ripetizione vi sono delle variazioni qualitative (variano i bija, i versi e i nomi del sole) e quantitative (aumenta progressivamente il numero dei Bija, dei versi e dei nomi del sole).

La prima sezione consiste in 12 ripetizioni delle 12 posizioni ed in 12 mantra (quindi un mantra ogni ripetizione del Saluto al Sole), mantra formati da:

Om-1 bija -1verso-1 bija- Om -1 Nome del sole.

La seconda sezione consiste in 6 ripetizioni e 6 mantra ed i mantra sono formati da:

Om- 2 bija- 2 versi del ṛgveda - 2 bija- om - 2 nomi del sole.

La terza sezione consiste in 3 ripetizioni e 3 mantra formati da:

Om - 4 bija - 4 versi del ṛgveda - 4 bija- om- 4 nomi del sole.

La quarta sezione consiste in 1 ripetizione ed 1 mantra formato da:

Om - tutti i bija del sole- tutti i versi del Ṛgveda citati- tutti i bija del sole - tutti i nomi del sole.

I nomi del sole sono 12 . Nei mantra sono seguiti dalla parola Namah ed il loro ordine è indicato con precisione:


1 - Mitra,
2 - Ravi,
3 - Surya,
4 - Bhanu,
5 - Khaga,
6 - Pushan,
7 - Hiranyagarbha,
8 - Marichiman,
9 - Aditya,
10 - Savitri,
11 - Arka,
12 - Bhaskara.

i bija sono 6 ed anche loro hanno un ordine preciso:

1 - hrāṁ,
2 - hrīṁ,
3 - hrūṁ,
4 - hraiṁ,
5 - hrāuṁ,
6 - hraḥ.

I versi da cui si attinge per la costruzione dei mantra sono tratti da ṛgveda 1, 50:

udhyannadya mitramaha
ārohannuttarāṃ divam |
hṛdroghaṃ mamsūrya
harimāṇaṃca nāśaya ||

śukeṣume harimāṇaṃ
ropaṇākāsu dadhmasi |
atho hāridraveṣume
harimāṇaṃ ni dadhmasi ||

udaghādayamādityo
viśvena sahasā saha |
dviṣantaṃ mahyaṃ randhyan
mo aham dviṣate radham ||

Facciamo un esempio della costruzione dei mantra:

Il primo dei dodici mantra (corrispondenti a dodici ripetizioni del Saluto al Sole) della prima sezione sarà:
Aum (Posizione 1)
hrāṁ (Posizione 2)
udhyannadhya mitramaḥ (Posizione 3, 4, 5, 6, 7,8, 9, 10)
hrāṁ (Posizione 11)
Aum mitrāya namaḥ (Posizione 12).

Il primo dei sei mantra (corrispondenti a sei ripetizioni del Saluto al Sole) della seconda sezione invece sarà:
Aum (Posizione 1)
hrāṁ hrīṁ (Posizione 2)
udhyannadhya mitramaḥ ārohannuttarāṁ divam (Posizione 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10)
hrāṁ hrīṁ (Posizione 11)
Aum mitrāya ravaye namaḥ (Posizione 12).

Il primo dei tre mantra (corrispondenti a tre ripetizioni del Saluto al Sole) della terza sezione sarà:
Aum (Posizione 1)
hrāṁ hrīṁ hrūṁ hraiṁ (Posizione 2)
udhyannadhya mitramaḥ ārohannuttarāṁ divam hṛdroghaṃ mamsūrya harimāṇaṃca nāśaya (Posizione 3, 4, 5, 6, 7,8, 9, 10)
hrāṁ hrīṁ hrūṁ hraiṁ (Posizione 11)
Aum mitrāya ravaye suryaya bhanavé namaḥ (Posizione 12).

Il mantra (corrispondente ad una ripetizione del Saluto al Sole) sarà infine:
Aum (Posizione 1)
hrāṁ hrīṁ hrūṁ hraiṁ hrāuṁ hraḥ hrāṁ hrīṁ hrūṁ hraiṁ hrāuṁ hraḥ (Posizione 2)
udhyannadhya mitramaḥ ārohannuttarāṁ divam hṛdroghaṃ mamsūrya harimāṇaṃca nāśaya śukeṣume harimāṇaṃ ropaṇākāsu dadhmasi atho hāridraveṣume harimāṇaṃ ni dadhmasi udaghādayamādityo viśvena sahasā saha dviṣantaṃ mahyaṃ randhyan mo aham dviṣate radham (Posizione 3, 4, 5, 6, 7,8, 9, 10)
hrāṁ hrīṁ hrūṁ hraiṁ hrāuṁ hraḥ (Posizione 11)
Aum mitrāya ravaye suryaya bhanavé khagaya puṣṇe hiraṇyagarbhāya marīcaye ādityāya savitre arkāya bhaskaraya namaḥ (Posizione 12).


Le posizioni vengono assunte seguendo il ritmo della recitazione trasfor mando il Saluto al sole in una danza. Con una struttura ritmica ben riconoscibile.
Come abbiamo detto praticando il saluto al sole con il primo mantra della prima sezione avrò che:
- La posizione -1 coinciderà con l’Aum,
- La posizione 2 con hrāṁ,
- Le posizioni 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10 con il verso udhyannadhya mitramaḥ,
- La posizione 11 con hrāṁ,
- La posizione 12 con Aum mitrāya namaḥ.

Questo genere di composizione coreografica condurrà ad un progressivo rallentamento della sequenza. Nella seconda sezione (Om-2 bija -2versi-2 bija- Om ripetuto con 2 nomi del sole) le posizioni saranno mantenute, in genere, per un tempo doppio rispetto alla prima.
Nella terza per un tempo quadruplo (Om-4 bija -4 versi-4 bija- Om ripetuto con 4 nomi del sole) e nella quarta la durata delle posizioni sarà dodici volte quella della prima sezione (Om-12 bija -4 versi-4 bija- Om ripetuto con 4 nomi del sole.
Alla fine dopo 22 ripetizioni dei movimenti e 22 mantra si reciteranno i quattro versi del saluto al sole:

ādityasya namaskaraṁ ye kurvanti dinedine |
janmāṁ tarasahasre ṣudridhryaṁ nopajāyate ||

akālamṛtyuharaṇm sarvavyādhivinaśanam |
sūryapādodakaṁ tīrtham jaṭharedhārayāmyaham ||

che, più o meno credo che significhi che esercitandosi ogni giorno nel saluto al sole non si conosceranno le sofferenze del corpo e la morte arriverà più tardi…e poi qualcosa che riguarda il bere acqua prima che sorga il sole...

Ma torniamo alla costruzione ritmica. Per averne un’idea approssimativa possiamo praticare il saluto al sole in questo modo:
Nella prima sezione (12 Sequenze del saluto al Sole) conterò un tempo per ogni posizione e otto tempi per l’ultima posizione.
Quindi conto lentamente
UNO assumendo la prima posizione;
UNO assumendo la seconda posizione.
UNO, DUE, TRE, QUATTRO, CINQUE, SEI, SETTE, OTTO assumendo le posizioni 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10.
UNO assumendo la posizione 11.
UNO, DUE, TRE, QUATTRO, CINQUE, SEI, SETTE, OTTO assumendo la posizione 12.

Nella seconda sezione (6 sequenze del Saluto al Sole) conterò:
UNO assumendo la prima posizione.
UNO, DUE assumendo la seconda.
Due volte UNO, DUE, TRE, QUATTRO, CINQUE, SEI, SETTE, OTTO assumendo le posizioni da 3 a 10.
UNO, DUE assumendo la posizione 11.
Due volte UNO, DUE, TRE, QUATTRO, CINQUE, SEI, SETTE, OTTO assumendo la posizione 12.
Nella terza sezione (3 sequenze del Saluto al Sole) conterò:
UNO assumendo la prima posizione.
UNO, DUE, TRE, QUATTRO assumendo la seconda.
Quattro volte UNO, DUE, TRE, QUATTRO, CINQUE, SEI, SETTE, OTTO assumendo le posizioni da 3 a 10.
UNO, DUE, TRE, QUATTRO assumendo la posizione 11.
Quattro volte UNO, DUE, TRE, QUATTRO, CINQUE, SEI, SETTE, OTTO assumendo la posizione 12.

Nella quarta e ultima sezione (una sequenza del Saluto al Sole) conterò, infine:
UNO assumendo la prima posizione.
Tre volte UNO, DUE, TRE, QUATTRO assumendo la seconda.
Dodici volte UNO, DUE, TRE, QUATTRO, CINQUE, SEI, SETTE, OTTO assumendo le posizioni da 3 a 10.
Tre volte UNO, DUE, TRE, QUATTRO assumendo la posizione 11.
12 volte UNO, DUE, TRE, QUATTRO, CINQUE, SEI, SETTE, OTTO assumendo la posizione 12.
Il Manzo non Esiste

Torna a “Hatha-yoga”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti